Molestie sul treno: nigeriano si spoglia e minaccia studentesse

Un nigeriano ha aggredito 3 ragazze su un treno e poi si è spogliato davanti a loro mimando atti sessuali. Lo straniero è stato fermato da due passeggeri

Molestie sul treno: nigeriano si spoglia e minaccia studentesse

Un’esperienza decisamente da dimenticare quella che hanno vissuto lo scorso giovedì, intorno alle 13:30, tre studentesse che si trovavano a bordo di un treno che collega Bergamo a Milano. Le giovani, infatti, sono state prese di mira da un immigrato nigeriano di 21 anni, richiedente asilo in Italia, che prima le ha minacciate e poi le ha molestate sessualmente.

Secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, l’extracomunitario stava viaggiando nella stessa carrozza delle studentesse ed era seduto poco distante da loro. Colto da un improvviso raptus, lo straniero si è avvicinato alle ragazze iniziando ad infastidirle in maniera decisamente pesante, facendo anche precisi riferimenti ad atti sessuali.

Le amiche, spaventate, si sono alzate dal loro posto con l’intento di cambiare vagone ma il nigeriano ne ha afferrata una per il braccio minacciandola di farle del male. Come se non bastasse, lo straniero si è anche slacciato la cintura e tolto i pantaloni davanti alle tre giovani sgomente.

Alcuni passeggeri, un uomo di circa 50 anni e un ragazzo rom, sentendo le urla di terrore delle studentesse sono accorsi in loro aiuto riuscendo a bloccare immediatamente l'aggressore. Del grave episodio di violenza in atto è stato subito informato il capotreno che, a sua volta, ha allertato le forze dell'ordine.

Una volta raggiunta la stazione di Pioltello, sul convoglio sono saliti gli uomini della polizia locale che hanno preso in consegna il nigeriano. Dopo averlo fatto scendere dalla carrozza, gli agenti hanno proceduto con la sua identificazione e successivamente lo hanno denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria con l’accusa di violenza privata.

Le tre vittime di quel momento di follia, a parte il grande spavento, non hanno riportato traumi fisici.

Commenti