Musica alta e schiamazzi mentre è ai domiciliari: Pietro Genovese segnalato al gip

Pietro Genovese, figlio del regista Paolo, è sotto processo con l'accusa di omicidio stradale per aver investito e ucciso due 16enni in corso Francia a Roma

Provava a dare un tocco di normalità ai suoi giorni agli arresti domiciliari sparando musica ad alto volume mentre era in compagnia di due amici. Solo che il rumore e gli schiamazzi provenienti dall’abitazione avevano infastidito pesantemente i vicini che, stanchi di quella situazione, avevano allertato i carabinieri. E così Pietro Genovese è finito di nuovo nei guai.

Il giovane di 21 anni, figlio del regista Paolo sotto processo con l'accusa di omicidio stradale per aver investito e ucciso le sedicenni Gaia e Camilla il 22 dicembre del 2019 in corso Francia a Roma, è stato segnalato dai carabinieri al gip Bernadette Nicotera. L'episodio risale allo scorso 22 maggio. Intorno alle 18:30 i militari della caserma Salaria ricevono una telefonata dal condominio situato nel quartiere Coppedè, dove vive la famiglia Genovese, con la quale si segnala quella che sembra a tutti gli effetti una festa in svolgimento nella casa del ragazzo.

Quest’ultimo, ai domiciliari dal 26 dicembre del 2019, su disposizione del giudice può ricevere persone a casa già dal 17 gennaio scorso e dal 13 dello stesso mese ha la possibilità di uscire per recarsi all'Istituto europeo di design dove studia comunicazione ma comunque deve rispettare alcuni obblighi. I militari giunti sul posto appurano che la segnalazione è fondata: la musica è ad alto volume, tanto che si riesce ad ascoltarla anche in strada, e così decidono di effettuare un controllo nell’abitazione.

Durante gli accertamenti emerge che nella casa non ci sono i genitori di Pietro ma due amici che quel giorno erano andati a trovarlo. Entrambi vengono identificati: uno risulta essere Davide Acampora, l'amico che era seduto accanto a Genovese la notte del drammatico incidente stradale costato la vita alle due adolescenti. I militari constatano che il 21enne non sta violando le prescrizioni previste dal gip nel provvedimento ma lo invitano ad abbassare il volume della musica e ad evitare ulteriori condotte che possano arrecare fastidio ai vicini. Inoltre, una volta rientrati in caserma, i carabinieri scrivono la relazione di servizio, che poi inviano al gip che, informata dei fatti, non ha disposto ulteriori restrizioni.

Intanto il 13 luglio per Pietro è cominciato il processo con rito abbreviato nel quale è accusato di duplice omicidio stradale. Diverse le aggravanti contestate dall'accusa: quando ha travolto e ucciso Gaia e Camilla, il giovane andava a una velocità superiore a quella del limite previsto dalla legge, circa 90 km orari in una strada in cui il limite è di 50, è risultato positivo all'alcol test con un valore tre volte superiore a quello consentito e stava girando un video col telefonino. In più, il ragazzo è risultato positivo anche al test antidroga ma non è possibile stabilire con certezza se l'avesse assunta la sera dell'incidente o nei giorni precedenti. Le due adolescenti stavano attraversando la strada su corso Francia quando sono state centrate in pieno dalla macchina. L’impatto è stato violentissimo tanto che le 16enni sono state scaraventate a diversi metri di distanza: nonostante i soccorsi, per le due giovanissime non c’è stato nulla da fare.

Pietro Genovese non si è presentato in udienza. E lo stesso hanno fatto anche i suoi genitori. In aula c'erano invece la mamma di Gaia, Gabriella Saracino, e i genitori di Camilla, Cristina e Marino Romagnoli, che non hanno gradito l’assenza del ragazzo e dei familiari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Gio, 16/07/2020 - 14:00

mi sembra giusto che il bambino si possa divertire. del resto non può andare in discoteca e per questo ne soffre. le due ragazze morte non se ne avranno a male, anche loro dovevano essere due discotecare incallite.

Italianocattolico2

Gio, 16/07/2020 - 14:36

Questo ha ammazzato due ragazze investendole con l'auto e fa festa assieme all'amico che era in auto con lui. Forse perchè essendo figlio di persona nota (come il figlio di Grillo !!!) non è soggetto a restrizioni della libertà dopo un duplice omicidio stradale ?? Non si presenta in tribunale al proprio processo ?? Bene, vada direttamente in galera senza passare dal via...!!! E poi ci rimanga per i prossimi anni.

Massimo Bernieri

Gio, 16/07/2020 - 15:27

Spero che questo episodio sia preso in considerazione dai giudici per valutare la persona al processo che mentre i genitori delle due ragazze staranno ancora disperandosi questo,pensa a divertirsi ma credo,sia una pia illusione.

Calmapiatta

Gio, 16/07/2020 - 15:41

Tranquilli...giustizia sarà fatto...il rampollo non vedrà mai, neanche di sfuggita, un carcere.

ruggerobarretti

Gio, 16/07/2020 - 15:41

Mi fa pena il segnalatore piu' che altro. Sicuramente un decerebrato che in altri momenti avra' sicuramente chiamato i vigili per segnalare qualche corridore solitario al di fuori del raggio di 200 metri o qualche passeggiatore all'aria aperta senza museruola. Italiano cattolico, a mio modo di vedere hai scritto cose senza un minimo di discernimento. Mia personale opinione.

steacanessa

Gio, 16/07/2020 - 16:21

Il bimbo ha già incassato il rito abbreviato e praticamente la totale libertà in attesa di giudizio. Tre gradi sono lunghi, i genitori pagheranno in sede civile e ne uscirà praticamente illeso.

Italianocattolico2

Gio, 16/07/2020 - 16:59

@ ruggero barretti : io non ho il minimo di discernimento ??? Può darsi, ma qualcuno non ha il minimo di dignità. A mio modesto parere.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 16/07/2020 - 17:50

Vuoi vedere che nel dibattito risulterà che vi è il "fumus persecutionis" ovvero usano l'addebito della droga come causa scatenante e siccome di sostanze dopanti non ne hanno trovato tracce materiali, solo indizi medici, il verdetto sarà: assolto per mancanza di prove.

maurizio50

Gio, 16/07/2020 - 19:01

In un Paese Civile, quindi dove non circolano catto comunisti, il ragazzino si sarebbe beccato almeno quindici anni di galera. Tutti da scontare. Ma in Italia ci sono i Giudici iper Democratici e questo non avviene!!!!

cesare caini

Gio, 16/07/2020 - 19:05

brutto esempio di ragazzino strafottente !