Napoli, arrestati cinque affiliati del clan Tommaselli

Il provvedimento cautelare rappresenta l'esito di un'indagine coordinata dalla Dda, avviata nel giugno del 2013, per rintracciare il latitante Carlo Tommaselli, capo dell'omonimo clan camorristico

Cinque affiliati del clan Tommaselli, dei quartieri di Pianura e Soccavo di Napoli, sono stati arrestati con l’accusa di associazione di tipo mafioso, spaccio di stupefacenti e detenzione illegale, nonché di ricettazione di armi e munizioni.

Il provvedimento cautelare rappresenta l'esito di un'indagine coordinata dalla Dda di Napoli, avviata nel giugno del 2013, per rintracciare il latitante Carlo Tommaselli, capo dell'omonimo clan camorristico, catturato la sera del 6 agosto 2014. Ricostruita l'operatività dell’organizzazione criminale nell'area occidentale di Napoli, lo spaccio a Pianura e Soccavo, il possesso di armi e munizioni, con il relativo sequestro di un fucile mitragliatore kalashnikov e di un fucile semiautomatico, oltre che di una pistola calibro 9 trovata addosso al latitante.

Acquisiti anche elementi in relazione alla decisione del gruppo Tommaselli di contrapporsi ai diversi cartelli criminali del territorio, in particolare ai Pesce ed ai Vigilia, contro i quali la potente famiglia camorristica è in guerra da tempo.