Bari, cassiera dà le dimissioni per paura di essere contagiata

Secondo la donna nel suo posto di lavoro non venivano rispettate le norme anti-contagio

La dipendente di un supermercato ha dato le dimissioni perché il suo datore di lavoro non osservava le disposizioni imposte dal governo per ridurre il contagio del Coronavirus.

Il fatto è accaduto in Puglia, a Castellana Grotte, un Comune in provincia di Bari. A darne notizia è Emanuele Caputo sul quotidiano regionale "La Gazzetta del Mezzogiorno".
La protagonista coraggiosa di questa storia (non è certo una scelta facile lasciare un posto di lavoro in tempi di quarantena) è una donna di trentuno anni che ha preferito salvaguardare la salute sua e dei suoi famigliari piuttosto che continuare a lavorare in un luogo dove non venivano rispettate le norme anti-contagio imposte dal decreto "Io resto a casa" di Giuseppe Conte.

Come si legge sul quotidiano regionale, pochi giorni fa la dipendente del supermercato, insieme ad un’altra collega, pare avesse chiesto al suo datore di lavoro che venissero rispettate le norme di protezione per i dipendenti all'interno del negozio che conta meno di dieci lavoratori. Dopo aver riscontrato per l’ennesima volta l’ingresso di un numero di persone superiore a quello consentito e dopo aver tentato inutilmente di sollecitarne il rispetto, la donna ha lasciato il posto di lavoro e la prima cosa che ha fatto è stata quella di rivolgersi ad un avvocato per avere giustizia. Insomma, come si suol dire, la salute prima di tutto.

Dopo di ché la 31enne ha dato le sue dimissioni appellandosi al fatto che ha perso il posto di lavoro per il comportamento poco consono alla situazione di emergenza da parte del suo datore. Secondo quanto si legge ancora sulla Gazzetta del Mezzogiorno, queste motivazioni impugnate dagli avvocati potrebbero consentire alla 31enne di non perdere il diritto all’indennità di disoccupazione.

Intanto, come sappiamo il Governo, nel suo decreto d'emergenza, ha previsto delle misure relative agli ammortizzatori sociali, con pagamento diretto delle prestazioni da parte dell’Inps. Non solo, ma ha anche previsto una norma di divieto dei licenziamenti dei lavoratori per due mesi. In particolare sono precluse le procedure relative ai licenziamenti collettivi ed i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo compreso il licenziamento per motivi economici.
Quello di Castellana Grotte è, probabilmente, il primo caso del genere non solo in Puglia, ma in tutta l'Italia. Ora spetterà alla magistratura capire se durante la pandemia se non è possibile licenziare, è possibile per un dipedente dare le dimissioni per il mancato rispetto delle norme anti-contagio e poter usufruire degli ammortizzatori sociali.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.