"Non usate più le banconote". ​Le nuove "regole" al ristorante

Menù, soldi in contanti e buffet sono aboliti. Meglio evitare anche le mascherine filtranti Ffp2 e Ffp3

Ai tempi del coronavirus cambiano le norme per bar e ristoranti. L’Istituto superiore di Sanità ha infatti dettato le norme guida da seguire. Intanto sarebbe meglio evitare di pagare utilizzando i soldi contanti. L’Iss ha fatto il punto sulle norme da adottare sia prima di entrare in un locale, sia mentre si è al suo interno. Ovviamente in caso di sintomi riconducibili al Covid-19, è vietato uscire dalla propria abitazione.

Le norme fuori e dentro il locale

Innanzitutto si parte dalla prenotazione del tavolo che dovrebbe avvenire per via telefonica o utilizzando un’apposita App sul cellulare. Stesso iter se il prodotto è da asporto. Se si aspetta in fila è obbligatorio mantenere il distanziamento dagli altri clienti. Qualora non fosse possibile si deve indossare la mascherina. Quando finalmente riusciamo a entrare nel locale dobbiamo attenerci alle indicazioni di spostamenti, evitando di farne più del necessario. La mascherina deve essere sempre indossata, a eccezione del momento in cui si consuma l’ordinazione fatta.

Altra regola quella di usare i gel sanificanti che il gestore mette a disposizione e, se si va in bagno, ricordarsi di lavarsi bene le mani. Non condividere posate e bottiglie. Ogni commensale deve usare esclusivamente le sue. Se la consumazione è da asporto cercare di restare il meno possibile all’interno del luogo. Evitare dove possibile l’utilizzo di soldi contanti e preferire le carte. Di fatto l'Iss consiglia di non usare più le banconote. Come sottolineato da Repubblica, il rapporto si rivolge anche ai gestori e ai proprietari, che devono seguire delle regole fatte appositamente per loro. La prima naturalmente riguarda il numero di clienti che possono accedere, per evitare il sovraffollamento. Un occhio particolare alle distanze di sicurezza che devono essere mantenute e alle indicazioni di percorsi per l’entrata e l’uscita degli avventori.

Niente buffet e antipasti condivisi

Una norma che forse non si conosceva ancora riguarda le mascherine filtranti Ffp2 e Ffp3 con valvola di esalazione che non dovrebbero essere indossate. Queste infatti non forniscono una barriera all'espirazione, non garantendo quindi rispetto a situazioni di rischio contagio. Sconsigliato anche l’uso del menu per pietanze e vini, meglio lavagne, cartelli, App per smartphone oppure anche dei menu cartacei usa e getta. Addio al buffet e ai piatti di antipasti da condividere, meglio puntare sulle monoporzioni.

Anche il personale deve sottostare ad alcune regole. Norme igieniche per addetti alla cucina e alla preparazione dei cibi, con tanto di sanificazione. Chi serve ai tavoli deve obbligatoriamente indossare sempre la mascherina e possibilmente anche i guanti. Gli addetti alla cassa devono utilizzare anche loro la mascherina e avere un divisorio in plexiglass che li divida dai clienti al momento del pagamento. Alcuni locali hanno adottato le barriere di separazione anche sui tavoli, permettendo in questo modo agli amici, anche se non congiunti, di consumare seduti uno di fronte all'altro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Dom, 31/05/2020 - 11:18

Per fare la spesa alla COOP, pagare l'IMU alla Posta invece i contanti vanno benissimo