"Ferita non rimarginata". Un arcobaleno saluta il nuovo ponte di Genova

ll taglio del nastro del ponte "San Giorgio". Conte: "Resta acuto il dolore della tragedia"

Oggi, lunedì 3 agosto, Genova saluta il nuovo Ponte San Giorgio. A quasi due anni da quel tragico 14 agosto del 2018, in cui il crollo del Morandi ha provocato 43 vittime, il nuovo viadotto disegnato dall’architetto Renzo Piano viene inaugurato. Mattarella ha incontrato i familiari delle vittime in Prefettura: "Vi ringrazio per questo incontro, ci tenevo molto ad incontrarvi. La ferita non si rimargina, il dolore non si dimentica e la solidarietà non viene meno in alcun modo. Condivido la vostra scelta di vederci in Prefettura e non sul ponte, non perché il nuovo ponte per la città non sia importante ma perché è una occasione di raccolta e non di frastuono. È essenziale aprire il nuovo ponte per la città, ma questo ponte non cancella quanto avvenuto".

L'inaugurazione del Ponte San Giorgio di Genova

Alle 18.30 è iniziata la cerimonia alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del premier Giuseppe Conte. La cerimonia si è aperta con l'inno di Mameli, e subito dopo la lettura dei 43 nomi delle vittime del crollo del viadotto. A seguire è stato suonato il Silenzio a introdurre 3 minuti di raccoglimento dedicato alla memoria di chi perse la vita nella tragedia di Genova. Il sindaco di Genova e commissario straordinario per la ricostruzione Marco Bucci, durante il suo intervento ha rivolto il primo pensiero ai familiari delle vittime: "Siamo contenti. È un bel momento per Genova. La prima cosa che mi viene in mente è un pensiero alle 43 vittime, soprattutto alle famiglie. Sono quelle che soffrono di più. Il messaggio della nostra amministrazione è che queste cose non devono succedere più. A loro saremo sempre vicini e Genova non dimenticherà questa tragedia". Il primo cittadino ha inoltre sottolineato che Genova e questo cantiere hanno lanciato un messaggio di speranza e di fiducia per il futuro.

Costruire un ponte è un gesto di pace

Subito dopo le parole del senatore a vita Renzo Piano che sono state commoventi. Ha parlato della sua creatura come un gesto di pace, un ponte “che passa in silenzio, quasi chiedendo permesso, che sia come una nave”. Ricordando che proprio questo cantiere è stato il più bello della sua vita, straordinario. Ha infine augurato a questo ponte "di essere amato, adottato, non è facile essere erede di una tragedia. E credo che sarà amato, perché è semplice e forte come questa città". Costruito in acciaio e forgiato nel vento, questo ponte gioca con la luce del mare, formato da 18 piloni e 43 lampioni, come 43 le vittime che hanno perso la vita quel tragico 14 agosto di due anni fa.

Il governatore della Liguria, Giovanni Toti, ha ricordato che "questo ponte riunisce i due lati della Val Polcevera. Questo ponte segna la strada. Rimettiamoci in cammino per Genova, per la Liguria e anche per l'Italia". Ha poi sottolineato che la mattina di due anni fa pioveva violentemente e che oggi, durante l’inaugurazione, sopra al ponte è comparso un arcobaleno. Poi è stato il turno del premier Conte che ha ribadito: “Non siamo qui semplicemente per tagliare un nastro e forse non è neppure facile abbandonarsi ad intenti celebrativi: è ancora tropo acuto, tangibile il dolore per la tragedia che si è consumata in questo luogo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 04/08/2020 - 10:14

Una grande giornata per la città di Genova. Bucci e Toti hanno retto il nastro tagliato da Conte per l'inaugurazione del ponte S. Giorgio

Duka

Mar, 04/08/2020 - 10:26

Il sig. Conte ha scambiato una cerimonia dove 43 persone sono morte per il suo SPOT ELETTORALE-

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 04/08/2020 - 10:28

Spiace per qualcuno che ha dovuto svegliarsi.

mozzafiato

Mar, 04/08/2020 - 10:33

Nel paese di pulcinella, si enfatizzano e si manifestano trionfalismi, per celebrare ciò che nella realtà in un paese civile DEVE ESSERE ASSOLUTAMENTE LA NORMALITÀ! C'è oltremodo da sbellicarsi, assistere alla parata di istituzioni al top, che hanno presenziali alla inaugurazione ufficiale del nuovo Ponte, ricostruito UDITE UDITE in meno di 2 anni! E giù strisciabussi e laudi al "genio italiano" alla "grande Italia" infarcendo il tutto con una glassata di scemenze retoriche ed autoattribuzione di meriti! Siamo talmente rimbambiti dalla politica da non accorgerci che NEI PAESE VERAMENTE CIVILI, i tempi per la ricostruzione di un'opera di quel tipo, SONO COME MINIMO, TEMPI NORMALI!

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 04/08/2020 - 10:49

L'articolo sparito dalla prima pagina on-line