"Ora una class action contro il governo". L'ira di Vissani contro le chiusure di Natale

I ristoratori sono esasperati e sul piede di guerra contro il governo. Gianfranco Vissani se ne fa portavoce e invoca una class action

"Così ci uccideranno completamente", si sfoga una ristoratrice con La Stampa, commentando le chiusure natalizie decise a cinque giorni dal Natale. L'Italia è nel caos a causa delle misure adottate dal governo ma, soprattutto, delle tempistiche con le quali queste sono state comunicate. Facciamo un passo indietro e andiamo a una settimana fa. Il 13 dicembre è stato il primo giorno di zona gialla per molte regioni che, a novembre, sono state chiuse in zona rossa dal premier per contenere la diffusione dei contagi. Hanno aperto i ristoranti e i bar, i negozi si sono riempiti anche per dar seguito all'invito del governo di far fruttare il cashback e le città italiane sono tornate a vivere. Gli assembramenti fanno paura e così domenica sera è stato convocato d'urgenza un vertice tra ministri e capigruppo.

Nascono da qui le nuove misure che di fatto blindano l'Italia dal 24 dicembre al 6 gennaio. Tornando indietro di un altro giorno, il 12 dicembre nel Paese era vivo il dibattito sulle aperture di Natale, l'estatto contrario di quanto deciso il 13. Tutta l'Italia, o quasi, sarebbe stata zona gialla, quindi i ristoranti sarebbero stati aperti a pranzo anche nei giorni festivi e si ragionava sulla possibilità di lasciareliberi gli spostamenti tra i comuni all'interno della provincia e perfino oltre regione in caso di zone di confine. È chiaro che in quello scenario i ristoratori avevano iniziato ad accogliere le prenotazioni, anche perché con le misure contro il contagio i posti disponibili nei locali sono stati più che dimezzati. Avevano iniziato anche a fare le scorte per la cucina ma è stato tutto inutile: a Natale non si apre. "Non si può fare un decreto di chiusura totale a cinque giorni dal Natale con la spesa già in frigo, il personale allertato e centinaia di prenotazioni per le feste, solo da noi poteva succedere una cosa del genere. Ci trattano come untori", si è sfogata Tiziana Mambrini con La Stampa. Insieme al marito è titolare della trattoria da Teo a Trastevere e la sua rabbia è quella di migliaia di ristoratori che non sanno più cosa fare.

"L'unica cosa da fare è una class action contro il governo. Altro che Repubblica basata sul lavoro, non abbiamo più nulla", ha detto un inferocito Gianfranco Vissani al telefono con il quotidiano torinese. A Napoli i ristoratori e i camerieri ieri sono scesi in strada e hanno bloccato via Caracciolo, il lungomare cittadino, per protestare contro Vincenzo De Luca che alle 14 di ieri ha prolugato lo status di zona arancione per la Campania, che oggi sarebbe dovuta tornare gialla. I ristoratori erano già a lavoro per riaprire in questi pochi giorni prima di Natale e cpsì è montata la loro rabbia. "I ristoranti moriranno, mi chiedo cosa stia facendo Conte. Vedo confusione, scelte imbarazzanti e nessuna logica. Dall'inizio della pandemia io ho perso un milione di euro e se arriva la terza ondata del Covid ci sarà una rivoluzione", ha continuato lo chef stellato. I mancati festeggiamenti del Natale non si ripercuoteranno solo sui ristoratori ma su tutta la filiera fino alle aziende agricole e agli allevamenti, con perdite catastrofiche per tutto l'indotto.

"Gli indennizzi, in media 3 mila euro ad azienda, risultano inadeguati e insufficienti a compensare i danni. Numeri che offendono i 360 mila pubblici esercizi italiani, chiusi da una politica che ha perso credibilità", ha sottolineato Fipe Confcommercio. "Avevamo 300 prenotazioni, solo per Natale eravamo completi già da due mesi. Per non parlare del frigo pieno - continua - ho ordinato il tartufo, gli ingredienti per la pasta fresca e tanti altri cibi che cercheremo di regalare ai dipendenti, ma qualcosa andrà buttato", ha detto il titolare del Diana, uno storico ristorante di Bologna, che a fronte di una perdita di 250mila euro ne ha ricevuto 20mila di ristori. Una miseria, se confrontato con l'80% del fatturato garantito dalla Germania.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Dom, 20/12/2020 - 10:46

Non hanno tutti i torti. Hanno sempre detto che a pranzo avrebbero potuto lavorare, certamente avrebbero avuto tutti i tavoli pieni, compatibilmente con le distanze e le sicurezze anche meno del solito, ma riempiti tutti. NON È TANTO IL MANCATO GUADAGNO, È CHE ANCORA UNA VOLTA DOVRANNO BUTTARE VIA DELLE SCORTE, un ristorante non fa "spesa" un giorno per l'altro, ancor meno va al supermercato.

ruggerobarretti

Dom, 20/12/2020 - 10:58

Ben venga, spero vivamente che la facciano.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 20/12/2020 - 11:07

Finalmente.

Ritratto di Loudness

Loudness

Dom, 20/12/2020 - 11:09

ruggerobarretti siamo tutti nella melma, qualsiasi categoria lavorativa e qualsiasi cittadino ma, nel tuo post risiede il problema grave dell'Italia; ognuno aspetta che sia sempre l'altro a muoversi, rischiare, metterci la faccia e sobbarcarsi i danni eventuali delle proprie azioni.

ItaliaSvegliati

Dom, 20/12/2020 - 11:26

Perché non si fa una CLASS ACTION POPOLARE per mandare a casa questi FANNULLONI?

cgf

Dom, 20/12/2020 - 11:32

@Loudness Dom, 20/12/2020 - 11:09 Vede, a differenza del fabbro che se non usa il ferro oggi, lo può usare anche tra sei mesi, un ristoratore lavora con materie prime fresche. Per un ristoratore la pianificazione delle scorte è fondamentale, hanno sempre assicurato che il pranzo sarebbe stato salvo, messo paletti, mancava poco che per DCPM decidessero anche il menù, ora quelle scorte…? Non solo sono dei costi, ma per gli studi di settore avrebbero dovuto generare guadagni/utili su cui pagare [mancate] imposte. Ecco perché, sebbene non lavoro nel campo della ristorazione, sono d'accordo con loro.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Dom, 20/12/2020 - 11:37

ma cosa rischia , questo da quando si è insidiato non ne vuol sapere di andarsene , tutto gli scivola addosso come niente fosse , ormai dobbiamo sopportarlo fino a quando ......fino a quando ? Bho!!

ItaliaSvegliati

Dom, 20/12/2020 - 11:55

Solo in ITALIA c'è un presidente di governo non eletto, un governo non eletto e un presidente non eletto, però ci fanno vedere in tv Maduro.....W la DEMOCRAZIA!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 20/12/2020 - 11:58

No, impossibile. Vi siete dimenticati del soccorso rosso. Sono i più potenti. COmandano anche quando il governo è dalla parte opposta, figuriamoci.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 20/12/2020 - 12:00

Ma va'.. Conte fa i suoi porci comodi protetto dal Mattarella, che violava la Costituzione e la Legge elettorale imponendo questa dittatura.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 20/12/2020 - 12:01

... Con la benedizione del Bergoglio.

fabioerre64

Dom, 20/12/2020 - 12:12

@Loudness,vero quando dici che tutti aspettiamo sempre che siano gli altri a muoversi, falso quando affermi che siamo tutti nella melma, io non ho né un bar né un ristorante, tantomeno una palestra o un cinema, lavoro in proprio e chiuderò l'anno con un 20-30% in meno di fatturato, ma spiegami, ad esempio, per un dipendente pubblico cosa è cambiato? Senza contare chi addirittura ha guadagnato di più come le farmacie. E' normale che la protesta debba partire da chi è stato completamente rovinato da questi incapaci, ma non bisogna lasciarli soli.

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Dom, 20/12/2020 - 12:40

ItaliaSvegliati - Lei dice che "c'è un presidente di governo non eletto"(la Costituzione, questa sconosciuta eh? Qualcuno di buon cuore glielo spieghi), "un governo non eletto" (strano, mi risulta che al governo ci siano i due partiti che alle ultime elezioni hanno ottenuto il primo e secondo posto. Ma perche' il governo con Salvini cosa aveva di diverso?) Quindi mi viene da dirle: caro ItaliaSvegliati, studia e leggi di piu`, e scrivi di meno.

SemprePiùBasito

Dom, 20/12/2020 - 12:48

Qui tutto il popolo Italiano deve attivare una class action contro questo Governo di incapaci per non arrivare a veramente una reazione che porterà sicuramente a violenza. Caro Mattarella lei ne sarà il maggior responsabile.

Calmapiatta

Dom, 20/12/2020 - 13:02

@loudness il settore ristorazione (bar, ristoranti e pizzerie) è di fatto distrutto. Molti lavoratori non sono ancora per strada perché c'è il blocco dei licenziamenti. Parimenti sono nei guai tutti coloro che lavorano per il settore, grandi e piccoli distributori, trasportatori... Ecc. È una filiera.

fabioerre64

Dom, 20/12/2020 - 13:04

@PeccatoOriginale, elezioni politiche 2018, centrodestra 37,5%, M5S 32,0%, centrosinistra 23,0%. Quando ci si presenta alle elezioni come coalizione il cittadino vota anche in base alle alleanze, se M5S si fosse presentato con il centrosinistra pensi che avrebbe preso il 55,0% (32,0 + 23,0), assolutamente no. Pertanto oggi la volontà degli elettori è stata completamente stravolta e lo dimostra il fatto che 15 regioni su 20 sono di centrodestra ed il M5S ha meno della metà dei consensi di 2 anni fa. L'unica cosa su cui devo darti ragione, a parte ovviamente sul fatto che il Presidente del Consiglio non deve essere eletto dal popolo (purtroppo) è che quando c'era la Lega al governo con il M5S era esattamente la stessa cosa ed infatti io ero molto critico nei confronti di quel governo. Si tratterebbe di cambiare la legge elettorale ed impedire queste odiose giravolte dei partiti, una volta che hai scelto dove stare devi rimanerci 5 anni, altrimenti si torna al voto.

arieccomi

Dom, 20/12/2020 - 13:05

Conte non rischia nulla nessuno sarà mai capace dì smollarlo dalla quella poltrona. Grazie a Salvini che c’è lo ha messo è lasciato. Quindi lo sfascio dell’Italia e anche colpa di Salvini.

Sempreverde

Dom, 20/12/2020 - 13:25

Se si fosse trattato del Ramadan non avrebbero chiuso un dattero. Importante era mortificare la Cristianita e Bergollio concorda.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 20/12/2020 - 14:28

D'accordo sulla class action dei ristoratori che si muovono contro il governo.Ricordiamoci che sul lastrico ci sono gli albergatori,i gestori degli impianti sciistici,le piccole e le medie imprese che girano attorno alla ristorazione. In piazza bisogna scendere tutti ed in massa altrimenti Vissani da solo rischio di fare un buco nell'acqua.

Iacobellig

Dom, 20/12/2020 - 14:30

Non fermarsi, ora basta, Conte deve pagare i danni fatti con le sue iniziative, bene l’azione dei ristoratori che Mattarella avrebbe potuto evitare intervenendo anche verso le violazioni costituzionali operate da Conte.

Ritratto di Loudness

Loudness

Dom, 20/12/2020 - 14:32

cgf, fabioerre, calmapiatta credo di essermi spiegato male. Il primo problema degli italiani è che aspettano sempre sia l'altro a risolvere una questione, il secondo è che si muovono solo quando vengono toccati direttamente. I dipendenti pubblici non hanno da dormire sonni tranquilli, perchè se chiudono le partite IVA finiscono anche gli stipendi per loro, quindi il problema è solo rimandato. I dip. pubb. dovrebbero aderire alla rivolta dei ristoratori e, dovrebbe farlo pure il fabbro (citato da cgf) perchè domani toccherà a lui.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 20/12/2020 - 15:21

Il problema grosso sarà se continueranno a chiudere nel 2021. Sarebbe la loro fine, e prevedo molto brutta.

giovanni951

Dom, 20/12/2020 - 15:32

É la 125esima volta che rischia ma é sempre lì. Mah....

cgf

Dom, 20/12/2020 - 15:33

@Loudness Dom, 20/12/2020 - 14:32 Forse è lei che non ha capito bene e vuole fare di ogni erba un fascio. Questi hanno investito su GARANZIA DEL GOVERNO che avrebbero potuto lavorare, non mi riferisco alle varie misure che hanno dovuto adottare, ma hanno comprato kg di verdure e frutta, fatto scorta di cotechini/zamponi (dalle mie parti si usa per Natale) oltre ad altra carne, bottiglie di vino e spumante, oltre ad altro come farina ed uova e quanto occorrente per produrre MERCE DEPERIBILE perché mai come per le feste si lavora durante l'anno. ps Cotechino e Zampone è noto che si servono anche come piatti estivi, vero? Poi tutti siamo nella menta, anche io ho avuto calo di fatturato del 25%, ma settori come ristorazione/alberghiero anche del 70% ED I DIPENDENTI NON PUOI LICENZIARLI.

ilrompiballe

Dom, 20/12/2020 - 15:58

Forse non avete capito : i comuni per bene (amministrati da gente per bene) stanno impegnando i bilanci nelle piste ciclabili. Il governo, fatto da gente per bene, sta spendendo i nostri quattrini nei bonus monopattino,bicicletta, telefonino. Perché lo fanno? In previsione della miseria nera in cui ci stanno buttando. Una volta tanto hanno un piano.

bernardo47

Dom, 20/12/2020 - 17:28

ma lasci fare ad altri...lui e' gia' molto ricco....

ruggerobarretti

Dom, 20/12/2020 - 17:30

fabioerre64: infatti hai cenrato perfettamente il bersaglio. E lo dico senza alcun intento polemico verso Loudness. Il mio commento voleva essere piu' che altro un atto solidale verso una categoria che ho sempre appoggiato e che ritengo, per la struttura economica italiana, basiliare.Io rientro nella categoria dei dipendenti e francamente l'unico vantaggio che ho ricevuto con questa situazione e' quello di aver limato qualche spesa mensile per il fatto di lavorare da casa. segue

ruggerobarretti

Dom, 20/12/2020 - 17:31

II-Sono ben conscio che quello che magari ho guadagnato oggi (poco), ben presto possa o sicuramente sara' ripagato con gli interessi, e che interessi. Solo uno stolto puo' pensare che con questo andazzo le situazioni lavorative e le retribuzioni rimagano cristallizzate. Fra un po ne vedremo delle belle con buona pace dei cialtroni psicotici che infestano anche questo forum. Solo per dire, la Regione Umbria, che e' praticamente insignificante, in questo anno ha stimato una mancata entrata tributaria di 36 milioni di euro. Ecco quale e' il quadro della situazione. Causa un virus con letalita' pari allo 0,20 max 0,40% (>70anni).

killkoms

Dom, 20/12/2020 - 17:41

Avrebbero titolo per farlo ma i to cati a bacchetta della s/x non si muoveranno!

ruggerobarretti

Dom, 20/12/2020 - 17:42

bernardo47: perche' lo conosci?? Sei stato qualche volta a casa sua?? Io lo conosco, abita a circa 20 km da me e ti assicuro che e' meglio che certe sxxxxxxxe gliele dici in anonimato, da pavido interlocutore di forum, o a debita distanza.

necken

Dom, 20/12/2020 - 17:53

è sempre una questione per mungere più soldi all'erario....

marcoda

Lun, 21/12/2020 - 11:14

La Class Action va fatta contro i ristoranti e Bar, che con l'euro hanno raddoppiato e triplicato i prezzi da un giorno all'altro. Una pizza margherita da 4000 lire a 4 euro, vergognatevi. E quanta fatica a fare scontrini e ricevute fiscali, vergognatevi.

Jon

Lun, 21/12/2020 - 18:02

@ruggerobarretti & Loudness..Siamo in perfetta sintonia, ma credo che lo scoglio piu' grande che blocca il Paese, sia la MANCANZA DI UNA OPPOSIZIONE REALE, che vivacchia ed attende; Azioni coordinate e studiate potrebbero portare alla caduta del governo, ma a Berlusconi sta bene cosi', mentre Salvini se la fa sotto. Manco sfilate in piazza come negli altri paesi, ben celate dai media COMPLICI, in un paese in cui la meta' e' di pensionati, e l'altra di analfabeti Cosa ci possiamo aspettare? L'Italia e' gia' affondata: si salvi chi puo'-