Ora trema il fronte di Trieste: "Saremo travolti dai migranti"

Militari e polizia pattugliano il confine con la Slovenia. Ma adesso si assiste a un flusso continuo dalla rotta balcanica

Il gruppetto è seduto sul bordo della strada asfaltata. Tutti maschi dai vent'anni in su, laceri, sporchi e inzuppati di pioggia sembrano sfiniti, ma chiedono subito "dov'è Trieste?". Un chilometro più indietro passa il confine con la Slovenia. I migranti illegali sono appena arrivati, dopo giorni di marcia lungo la rotta balcanica. Non sembra il Carso triestino, ma la Bosnia nord occidentale da dove partono per arrivare a piedi in Italia. Scarpe di ginnastica, tute e qualche piumino non hanno neanche uno zainetto. Il più giovane è il capetto della decina di afghani, che abbiamo intercettato prima della polizia. Uno indossa una divisa mimetica probabilmente bosniaca, un altro ha un barbone e sguardo da talebano e la principale preoccupazione è "di non venire deportati" ovvero rimandati indietro. Non sanno che la Slovenia, causa virus, ha sospeso i respingimenti dall’Italia. Di nuovo in marcia i migranti tirano un sospiro di sollievo quando vedono un cartello stradale che indica Trieste. Il capetto alza la mano in segno di vittoria urlando da dove viene: "Afghanistan, Baghlan", una provincia a nord di Kabul.

Il 12 maggio sono arrivati in 160 in poche ore, in gran parte afghani e pachistani, il picco giornaliero dall’inizio dell’anno. La riapertura della rotta balcanica sul fronte del Nord Est è iniziata a fine aprile, in vista della fase 2 dell’emergenza virus. A Trieste sono stati rintracciati una media di 40 migranti al giorno. In Bosnia sarebbero in 7500 pronti a partire verso l’Italia.

Il gruppetto di afghani viene preso in carico dai militari del reggimento Piemonte Cavalleria schierato sul confine con un centinaio di uomini per l’emergenza virus. Più avanti sullo stradone di ingresso in città, da dove si vede il capoluogo giuliano, la polizia sta intercettando altri migranti. Le volanti con il lampeggiante acceso "scortano" la colonna che si sta ingrossando con decine di giovani stanchi e affamati. Grazie ad un altoparlante viene spiegato in inglese di stare calmi e dirigersi verso il punto di raccolta sul ciglio della strada in attesa degli autobus per portarli via. Gli agenti con le mascherine controllano per prima cosa con i termometri a distanza la temperatura dei clandestini. Poi li perquisiscono uno ad uno e alla fine distribuiscono le mascherine ai migranti. Alla fine li fanno salire sugli autobus dell’azienda comunale dei trasporti cercando di non riempirli troppo per evitare focolai di contagio. "No virus, no virus" sostiene Rahibullah Sadiqi alzando i pollici verso l’alto in segno di vittoria. L’afghano è partito un anno fa dal suo paese e ha camminato per "dodici giorni dalla Bosnia, attraverso la Croazia e la Slovenia fino all’Italia". Seduto per terra si è levato le scarpe e mostra i piedi doloranti. "I croati mi hanno rimandato indietro nove volte, ma adesso non c’era polizia e siamo passati tutti" spiega sorridendo dopo aver concluso "il gioco", come i clandestini chiamano l’ultimo tratto della rotta balcanica.

"Abbiamo registrato un crollo degli arrivi in marzo e per gran parte di aprile. Poi un'impennata alla fine dello scorso mese fino a metà maggio. L’impressione è che per i paesi della rotta balcanica nello stesso periodo sia avvenuta la fine del lockdown migratorio. In pratica hanno aperto i rubinetti per scaricare il peso dei flussi sull’Italia e sul Friuli-Venezia Giulia in particolare creando una situazione ingestibile anche dal punto di vista sanitario. È inaccettabile" spiega l'assessore regionale alla Sicurezza Pierpaolo Roberti, che punta il dito contro la Slovenia.

Lorenzo Tamaro, responsabile provinciale del Sindacato autonomo di polizia, denuncia "la carenza d’organico davanti all’emergenza dell’arrivo in massa di immigrati clandestini. Rinnoviamo l’appello per l'invio di uomini in rinforzo alla Polizia di frontiera". In aprile circa il 30% dei migranti che stazionavano in Serbia è entrato in Bosnia grazie alla crisi pandemica, che ha distolto uomini ed energie dal controllo dei confini. Nella Bosnia occidentale non ci sono più i campi di raccolta, ma i migranti bivaccano nei boschi e passano più facilmente in Croazia dove la polizia ha dovuto gestire l’emergenza virus e pure un terremoto.

Sul Carso anche l’esercito impegnato nell'operazione Strade sicure fa il possibile per tamponare l’arrivo dei migranti intercettai pure con i droni. A Fernetti sul valico con la Slovenia hanno montato un grosso tendone mimetico dove vengono portati i nuovi arrivati per i controlli sanitari. Il personale del 118 entra con le protezioni anti virus proprio per controllare che nessuno mostri i sintomi, come febbre e tosse, di un possibile contagio. Il Sap è preoccupato per l’emergenza sanitaria: "Non abbiamo strutture idonee ad accogliere un numero così elevato di persone. Servono più ambienti per poter isolare "casi sospetti" e non mettere a rischio contagio gli operatori di Polizia. Non siamo nemmeno adeguatamente muniti di mezzi per il trasporto dei migranti con le separazioni previste dall’emergenza virus". Per questo motivo, il Viminale ha deciso di inviare 40 nuovi agenti a Trieste a rinforzo del personale di polizia.

Gli agenti impegnati sul terreno non sono autorizzati a parlare, ma a denti stretti ammettono: "Se va avanti così, in vista della bella stagione, la rotta balcanica rischia di esplodere. Saremo travolti dai migranti". E Trieste potrebbe trasformarsi nella Lampedusa del Nord Est.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adespota

Adespota

Ven, 15/05/2020 - 15:23

Tranquilli: li regolarizziamo e risolviamo subito il problema.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 15/05/2020 - 15:24

Ale!...tutti a raccogliere i pomidoro!!

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 15/05/2020 - 15:24

L'Italia é travolta da una valanga umana che questo Governo non vuole fermare. Da Sud é la stessa cosa. Sicilia Sardegna e coste calabre e pugliesi sono prese d'assalto. Perché non si affida ad un referendum la scelta se chiudere o no i confini?

silvano45

Ven, 15/05/2020 - 15:25

Cosa importa alla lamorgese ai magistrati alle istituzioni di far entrare tutti facendo i buonisti se poi devono essere gli italiani quei pochi che lavorano a mantenere loro con stipendi e privilegi inauditi e vergognosi e i nuovi arrivi.Fino che sarà possibile godetevela come fecero i nobili francesi nel 700.

Tarmacco

Ven, 15/05/2020 - 15:27

Venghino venghino nel Paese delle banane... o, meglio, dei pomodori (da raccogliere)

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 15/05/2020 - 15:38

Che paura! Che paura! Arrivano i barbari... Parecchi secoli fa, i barbari facevano paura, ma si sapeva come contrastarli efficacemente. Altrimenti il più grande impero di tutti i tempi non sarebbe durato circa mille anni... E quando cadde, anche se lentamente nel corso del tempo, fu più per responsabilità, tradimenti e crisi interne all'impero che per la reale forza di tutte le popolazioni barbariche. Esattamente quello che sta avvenendo oggi. I barbari sfondano a nord, a est, a ovest e a sud non tanto per la loro forza, che è molto limitata, ma per la debolezza spirituale, morale, intellettuale, economica, militare e sociale di un paese in irreversibile declino. Se il leone viene incredibilmente ucciso da una antilope non è certo perché quest'ultima sia stata più forte. Semplicemente il leone, invecchiato, malato e senza più forze, ha preferito porre fine alla propria esistenza.

Alitar

Ven, 15/05/2020 - 15:39

Gustavo Rol lo aveva detto chiaro decenni fa: entro il 2025, più gente di colore che bianchi nella penisola. Questo è solo l'inizio, anche se siamo a buon punto. Auguri Italia.

giovanitasca

Ven, 15/05/2020 - 15:41

Mi chiedo: si può continuare a stare così, inermi, con le braghe calate?

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 15/05/2020 - 15:46

ha fatto una scoperta amara:altri paesi,malta,francia austria germania possono tranquillamente chiudere le loro frontiere senza chiedere nulla a nessuno..noi no,qualcuno mi sa dire il perchè??

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Ven, 15/05/2020 - 15:53

E' fantastico come sia già passata la linea Bellanova "saremo travolti dai migranti". Non si chiamano più immigrati clandestini. No no, è poco politically correct.

qualunquista?

Ven, 15/05/2020 - 15:55

Credo sia ovvio, i droni del Ministro degli Interni sono impegnati a sorvegliare i ragazzi che corrono lungo gli arenili, e il Ministro degli Esteri è impegnato a occuparsi delle pratiche di cassa integrazione.

mimmo1960

Ven, 15/05/2020 - 15:59

Hanno ragione, si è sparso la voce nel mondo che accogliamo tutti, questo è il risultato di una politica buonista. Immagino che si stanno muovendo milioni di persone per venire da noi dall'Africa e dall'Asia, nessuno non non sarà in grado di fermarli, è la fine di tutti noi. Brava la chiesa e bravi buonisti, ci hanno fatto un bel regalo, a noi e ai nostri figli.

moichiodi

Ven, 15/05/2020 - 16:01

Tranquilli. Ci penserà Fedriga.

Giorgio1952

Ven, 15/05/2020 - 16:01

Che fine ha fatto la proposta dell'allora ministro dell’Interno Matteo Salvini di erigere un muro sul confine con la Slovenia per bloccare l’immigrazione clandestina sul modello di quello fra Ungheria e Serbia? Anche il governatore leghista della regione Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga aveva dato l'ok.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 15/05/2020 - 16:02

All'armi! Difendiamo la nostra Patria! Questi ci entreranno in casa....

Tommaso_ve

Ven, 15/05/2020 - 16:03

Bellanova si muova!!! Ci sono dei migranti al confine, regolarizziamoli subito! Basta con il caporalato, basta con le mafie dei campi. Da domani, caro ministro, come italiano non tollererò neppure un lavoratore in nero, clandestini etc... Ha capito? Si muova!!!

magnum357

Ven, 15/05/2020 - 16:03

Governo di sciocchi e incapaci in tutto, ha creato pure creato un allarmismo esagerato da una finta pandemia, in quanto solo il 5/6% sono morti di coronavirus, il resto per patologie preesistenti !!!!!!! Ora non c'è neppure lavoro, altro che zucchine e pomidoro !!!!!

ilcapitano1954

Ven, 15/05/2020 - 16:09

Forse non mi è chiara la situazione, ma questi signori non si possono mandare indietro( anzi non farli proprio entrare) in Croazia e/o in Slovenia, visto che sono anche'essi paesi europei. Ma perchè a causa di questi signori il nostro PIL deve aumentare di 0.5 punti (a causa delle spese per questi)? Qualcuno può aiutarmi a capire?

bobots1

Ven, 15/05/2020 - 16:11

Un governo serio li respingerebbe di nuovo in Slovenia. I confini ora sono di nuovo aperti. Cosa faranno queste migliaia di maschi musulmani (poi ci saranni i ricongiungimenti naturalmente) da noi? Ma c'è qualcuno che se lo domanda o in nome di una non ben definità umanità ce ne freghiamo? Rimango esterrefatto di come poco lungimiranti sono i nostri governanti.

moichiodi

Ven, 15/05/2020 - 16:12

@vince50. Abbia la pazienza di andare a vedere i suoi e i miei commenti di un anno e mezzo fa.

moichiodi

Ven, 15/05/2020 - 16:24

Le ultime ricerche hanno dimostrato che a far cadere l’impero romano sono stati i comunisti. Ho il sospetto che......

ziobeppe1951

Ven, 15/05/2020 - 16:28

moichiodi...16.01... sicuramente ci penserà Fedriga..poi arriva magistratura rossa e rimetterà le cose come piace ai komunisti

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 15/05/2020 - 16:34

mieichiodi 16e03 SPIRITOSOOOO, ma ci ha gia pensato la Bellanova prima!!!!jajajajajajaja

aswini

Ven, 15/05/2020 - 16:44

rimandateli in afghanistan di gran carriera

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Ven, 15/05/2020 - 17:01

Altre preziose risorse da impiegare per raccogliere i cetrioli. Chissà quanto piangerà ancora la Bellanova, ma per gioia, non certo per tristezza visto che le sue amiche coop aumenteranno gli incassi per la gestione del nuovo personale arrivato fresco fresco.

mimmo1960

Ven, 15/05/2020 - 17:13

Questo governo non si pone neanche il problema. Cosa possono pensare i nostri partner europei di noi??

PassatorCorteseFVG

Ven, 15/05/2020 - 17:22

di cosa vi meravigliate? noi gente del confine orientale,non tutti però,queste le cose le sappiamo da tanto tempo,la rotta balcanica esiste da almeno 23 anni o piu, e nessuno si ferma nella ex yugoslavija,ma tutti ,se possibile vogliono venire in italia per restarci o poi andare in europa. cosa è stato fatto da chi deve controllare i confini dell" europa? praticamente poco o nulla, per il solo motivo che vista la realtà italiana, dove per motivi diversi incoraggiano questi clandestini a venire da noi,alla fine saremo noi italiani a farci carico di questo problema. mi chiedo:in questo particolare momento,con la conseguente crisi economica incombente, possiamo aggravare i nostri bilanci? credo di no, penso che troppi accecati dalla propria ideologia, vero oppio della mente, non si rendano conto del tutto.ciao a tutti.

ITA_Chris

Ven, 15/05/2020 - 17:36

Ma neanche questi si possono rimandare in Slovenoa??????

jaguar

Ven, 15/05/2020 - 17:52

Ci pensa zia Teresa Bellanova, trasformerà l'Italia in un campo di pomodori.

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Ven, 15/05/2020 - 17:56

Giorgio1952 i comunisti in giallo detti anche 5 patacche li hanno semplicemente bloccati ...

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Ven, 15/05/2020 - 18:30

Giorgio 1952 @,povero comunista, guarda che per fare un muro ai confini del paese occorre il benestare di quel governo comunisto-grillino costituito da ministri al 95% meridionali.... Non fare lo spiritoso , fai solamente una gran pena.

sr2811

Ven, 15/05/2020 - 18:52

tutti respingono e noi prendiamo di tutto italiani sveglia tra poco ce ne dovremo andare noi.

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Ven, 15/05/2020 - 19:04

E' così complicato chiudere la frontiera con la slovenia e non farli entrare, come fanno ovunque?Siamo ridotti così male ?

Ritratto di fergo01

fergo01

Ven, 15/05/2020 - 19:22

sono certo che alla riapertura dei confini, la slovenia non avrà l'aspettato aumento dei traffici locali (spesa, carne, carburante, sigarette) perché molti se non tutti i confinari hanno capito che la slovenia non è cambiata per nulla nel confronto degli italiani rispetto agli anni dell'invasione titina

Giorgio1952

Sab, 16/05/2020 - 10:19

corvo rosso comunista sarai tu con quel nick name, io non faccio lo spiritoso la pena la fai tu, da quel buon razzista che dimostri di essere.