Padova, dessert con marijuana ad un pranzo fra amici: due in ospedale

Il pranzo domenicale finisce al pronto soccorso a causa di una torta alla marijuana: due donne ricoverate, denunciato per spaccio il 34enne che si è occupato di preparare il dessert

Terribile esperienza per un gruppo di giovani di Voltabarozzo (Padova), che hanno concluso in ospedale quella che in origine sarebbe dovuta essere una tranquilla serata fra amici.

La combriccola, composta da due ragazze campane ed un siciliano che vivevano insieme, era stata invitata ad un pranzo da alcuni conoscenti. Domenica scorsa, dunque, i compagni si sono presentati all’invito portando con loro un dolce fatto in casa alquanto particolare.

Il 34enne siciliano, infatti, aveva mischiato fra gli ingredienti anche alcuni grammi di marijuana.

Troppi, forse, considerate le conseguenze.

A fine pasto, ogni commensale ha mangiato una fetta di torta, senza nessuna particolare reazione. I problemi sono cominciati quando i tre amici hanno fatto ritorno nel loro appartamento di via Piovese, dove con loro vive anche un’altra donna.

Lì, la donna campana di 37 anni ha cominciato ad accusare i primi segni di malessere. Intorno alle 19, il gruppo ha deciso di chiedere aiuto ad un amico infermiere che in poco tempo ha compreso quanto grave fosse la situazione. La fortissima sensazione di nausea, così come i capogiri e le frequenti perdite di conoscenza, erano sintomi evidenti di un’intossicazione da oppioidi.

Immediata la corsa al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Antonio (Padova), dove la 37enne è stata affidata alle cure tempestive dei medici.

La torta incriminata, tuttavia, non aveva ancora cessato di “mietere vittime”. Alla centrale operativa Suem del 118 è arrivata una seconda richiesta d’aiuto proveniente dalla medesima abitazione. Un’altra coinquilina, una 38enne, stava infatti accusando un malore. Gli unici a non presentare alcun sintomo erano il siciliano e la terza compagna, che non aveva mangiato il dolce.

Incalzati dalle domande dei medici, alla fine i due hanno spiegato quale fosse la ragione del malessere delle due ricoverate.

I sanitari hanno subito allertato le forze dell’ordine, a cui il 34enne ha dovuto nuovamente riferire l’accaduto. Nel dessert ci sarebbero stati ben 10 grammi di marijuana, acquistati qualche giorno prima. I carabinieri della radiomobile hanno pertanto provveduto ad effettuare una perquisizione all’interno dell’appartamento, dove sono stati rinvenuti e messi sotto sequestro un “grinder”, un bilancino di precisione ed alcuni resti della pericolosa torta.

Una volta ristabilite, le due donne sono state dimesse dall’ospedale. È andata peggio al siciliano: la sua trovata gli è valsa una denuncia per spaccio di sostanze stupefacenti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.