Cronache

Palermo, esponente di Forza Nuova pestato: già scarcerati gli antagonisti

Il gup Riggio scarcera Codraro e Mancuso. Il brutale pestaggio di Ursino non è più considerato tentato omicidio ma solo lesioni gravi

Palermo, esponente di Forza Nuova pestato: già scarcerati gli antagonisti

Da tentato omicidio a lesioni gravi. Il gup del Tribunale di Palermo Roberto Riggio ha scarcerato Gianmarco Codraro e Carlo Mancuso, i due estremisti di sinistra legati al mondo dei centri sociali, accusati del brutale pestaggio del responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino (guarda il video). L'accusa, però, è stata derubricata in lesioni personali gravi e i due indagati sono stati sottoposti al divieto di dimora a Palermo, cosa che li ha costretti ad allontanarsi immediatamente dal capoluogo siciliano e a non essere presenti nel pomeriggio in città dove si sono svolte manifestazioni contrapposte dei centri sociali e degli antagonisti da una parte e di Forza Nuova, con il comizio del leader nazionale Roberto Fiore, dall'altra.

Ieri hé Mancuso né Codraro, che sono stati interrogati in due momenti diversi perché hanno il divieto di incontro tra loro, hanno voluto rispondere al gup Riggio. "Sono accuse da fantadiritto quelle mosse nei loro confronti", aveva commentato Giorgio Bisagna, il legale dei due antagonisti. "Non c'è neppure un indizio di elemento di prova - aveva spiegato Bisagna - in quanto l'unico elemento dovrebbe essere il riconoscimento del frame del video che è agli atti. Ma avendolo potuto vedere, dire che si possa fare un riconoscimento con quella qualità di significa andare oltre il diritto. Siamo al fantadiritto". Ma la Digos ha allegato agli atti della indagine dei video ripresi da alcuni negozi. I visi inquadrati sarebbero proprio quelli di Codraro e Mancuso. Il gup, però, ha deciso di derubricare l'accusa ai due antagonisti e di sarcerarli.

Il clima di tensione si respira in tutto il Paese. "È frutto del clima di odio creato dal grande gruppo mediatico Espresso - ha denunciato lo stesso Fiore - spesso e volentieri da qualche piccola enclave giustizialista della magistratura che si è espressa contro di noi, e soprattutto dai centri sociali che come al solito seguono il canto imposto dai poteri forti". Secondo il leader nazionale di Forza Nuova, se fosse "solo" un problema di manifestazioni e contromanifestazioni, non sarebbe un problema, "purtroppo l'episodio di Palermo fa capire che il brodo di cultura della violenza possono essere proprio queste manifestazioni e l'odio che stanno creando nei nostri confronti".

Commenti