Pamela, l'ultimo orrore: "Innocent voleva scioglierla nell'acido"

La ricostruzione dei carabinieri: lo spacciatore nigeriano avrebbe chiesto informazioni per l'acquisto di acido in un supermercato

Pamela, l'ultimo orrore: "Innocent voleva scioglierla nell'acido"

Innocent Oseghale, il 29enne spacciatore nigeriano sospettato di aver ucciso Pamela Mastropietro avrebbe pensato di fare sparire la 18enne romana sciogliendone il corpo nell'acido.

Secondo le ricostruzioni dei carabinieri riportate dal Resto del Carlino, martedì scorso il giovane africano si sarebbe recato in un supermercato di Macerata chiedendo informazioni per comprare proprio dell'acido. Il personale del negozio ricorda di averlo accompagnato nel reparto dove sono custoditi i prodotti chimici ma aggiunge anche che all'ultimo Oseghale avrebbe preferito acquistare due taniche da cinque litri di candeggina.

Sentito in tribunale durante la giornata di sabato, il nigeriano ha rifiutato di rispondere alle domande del giudice per le indagini preliminari Giovanni Manzoni, che ne ha convalidato il fermo, disponendo che l'uomo resti rinchiuso nel carcere di Montacuto.
Lo stesso penitenziario dove è detenuto, in isolamento, Luca Traini, responsabile della sparatoria in cui sabato mattina, sempre a Macerata, sono rimasti feriti otto fra uomini e donne, tutti di colore.

Un'aggressione razzista che in molti pensano possa essere stata concepita come una sorte di folle vendetta per la fine atroce di Pamela.

Commenti