Il Papa affida il mondo alla Madonna

Nell'ora più buia, la Chiesa torna all'essenziale: la messa, i sacramenti, la preghiera

Chiese vuote causa coronavirus. Così la Diocesi di Roma decide di affidarsi alla televisione e da ieri, e per tutta la durata dell’emergenza, ogni giorno i fedeli potranno seguire su Tv 2000 la messa celebrata alle 19 al Santuario del Divino Amore.

Si è scelto di iniziare mercoledì, giorno nel quale il vicario del papa, il cardinale Angelo De Donatis, ha invitato alla preghiera e al digiuno per chiedere l’intercessione della Madonna, perché Dio protegga il mondo dal coronavirus, la peste del 2020.

Parole antiche che tornano a risuonare con nuovi echi nella Chiesa moderna, usa ad altri registri.

Il Papa ha voluto intervenire con un videomessaggio alla prima messa, stando attento, però, a non sovrapporre la sua figura alla celebrazione eucaristica.

Un cenno fugace, quel video, solo per portare all'attenzione dei fedeli l'iniziativa; una mera indicazione a dove guardare. Vibrante anch’esso di registri antichi, dato che si conclude con il Sub tuum praesidium (“Sotto il tuo presidio”), la più antica preghiera mariana.

La Chiesa di Roma fa la sua mossa, per i suoi fedeli e quelli del mondo intero, più che sconcertati dal fatto che, nel cuore della cristianità, al popolo di Dio sia negata, giocoforza, la messa. Non accadeva dai tempi delle persecuzioni di Diocleziano.

L'iniziativa della Diocesi è in sintonia con altre, ad opera di sacerdoti, religiosi e parrocchie d'Italia, che hanno affidato città e paesi ai santi, all'arcangelo Michele e alla Madonna, come accadeva un tempo nelle calamità.

Foto di Massimo Quattrucci

E forse il Divino Amore è stato scelto proprio perché la sua storia recente ha conosciuto analogo affidamento, quando, in Roma occupata dai nazisti, il Papa si recò al santuario romano, nell'ora più buia, per chiedere la salvezza della città eterna.

Capitava, allora, che a tale intercessione guardassero anche occhi meno pii. Come accadde a Stalin, feroce persecutore dei cristiani, che, vista la disfatta dell'esercito russo per mano nazista, diede ordine di far sfilare in processione l'icona della Beata Vergine di Kazan a Leningrado, Mosca e Stalingrado.

Per restare nel campo della dialettica comunismo-cristianesimo, si può annoverare tra queste convergenze parallele anche la poetica e immaginaria, ma non per questo meno realistica, immagine di don Camillo che, Brescello inondata, resta nella sua chiesetta allagata.

E da qui, invia parole di speranza ai cittadini di là dal fiume ormai tracimato, toccando il cuore dei paesani e soprattutto, come sempre, quello del suo acerrimo amico-rivale, il "compagno" Peppone.

Ma per tornare alla messa del Divino Amore, va annotato che sembra segnare anche un qualche punto di svolta, seppur forse transitorio, del pontificato di Francesco, dato che, finora, per media e vaticanisti, la Chiesa sembra aver coinciso solo e soltanto con la figura papale.

In questa calamità, al centro della Chiesa di Roma, e del mondo, non c'è il Papa né il Vaticano, ma la Madonna e un santuario in fondo ignoto al mondo, anche cristiano, ché il Divino Amore non è Lourdes né Fatima e neanche Međugorje.

Come al centro torna la celebrazione eucaristica che, chiusa ai fedeli, resta aperta in modo nuovo, anche se in via transitoria, che comunque permette loro di parteciparvi non solo con gli occhi e col cuore, potendo essi ricorrere alla comunione spirituale, la cui formula antica torna attualissima.

C'è anche un altro rimando sottotraccia in tutto questo, dato che ciò accade nella più dura Quaresima che l'Italia ha conosciuto dal dopoguerra.

La Quaresima è tempo di preghiera e penitenza in vista della Pasqua del Signore. E ricorda i 40 giorni che Gesù passò nel deserto prima di iniziare la sua missione tra gli uomini.

La quarantena volontaria di Gesù e la quarantena cui costretta l'Italia tutta in questi giorni va così a coincidere temporalmente, convergenza che certo si sarebbe evitata volentieri, ma così è.

Foto di Massimo Quattrucci

Così il tempo degli uomini va a coincidere con quello della Chiesa, che di fronte a tanto dolore e terrore, ricorre agli usati, vecchi, arnesi del mestiere, che si riducono a poca cosa, cioè l'essenziale: la messa, i sacramenti, la preghiera.

Per quanto riguarda quest'ultima, che poi è l'unico arnese che può maneggiare in proprio il fedele, segnaliamo l'esistenza di un libretto dal titolo "Chi prega si salva" (clicca qui per saperne di più), che contiene le più semplici preghiere della tradizione cristiana, quelle che si imparano da bambini e dimenticate nel tempo.

Ha due introduzioni autorevoli: Benedetto XVI e Francesco, forse l'unico libro della storia della Chiesa che ha avuto la ventura di ricevere il placet di due papi.

Piccolo libro che può aiutare in questi tempi di coronavirus, il "demone", come un altro comunista, il presidente cinese Xi Jinping, ha definito il morbo che affligge tanti e impaura le moltitudini.

Sub tuum praesidium:

Sub tuum praesídium confúgimus,
sancta Dei Génetrix;
nostras deprecatiónes ne despícias in necessitátibus,
sed a perículis cunctis líbera nos semper,
Virgo gloriósa et benedícta

Comunione sprirituale:

Gesù mio,
io credo che sei realmente presente
nel Santissimo Sacramento.

Ti amo sopra ogni cosa
e ti desidero nell’ anima mia.

Poiché ora non posso riceverti sacramentalmente,
vieni almeno spiritualmente nel mio cuore.

Come già venuto,
io ti abbraccio e tutto mi unisco a te;
non permettere che mi abbia mai
a separare da te.

Amen.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ortensia

Ven, 13/03/2020 - 11:32

Mandiamo Brosio in pellegrinaggio a medjugorje. Lui e'un raccomandato e puo' chiedere alle veggenti che tutti i giorni parlano con la Madonna che cosa ci dobbiamo ancora aspettare. Avranno anche le veggenti la loro gatta da pelare per riempire gli albeghi.Hanno il permesso di uscire per andare a parlare con la Madonna o anche loro devono stare rinchiuse nelle loro belle ville in attesa che passi il morbo? In questo caso le apparizioni avvengono indoor?

Calmapiatta

Ven, 13/03/2020 - 12:58

LA Chiesa è la grande assente. Nessun contributo. Silenzio generalizzato, se non un generico richiamo all'assistenza dei migranti. La borsa ben chiusa e ben chiuse le strutture di pregio di Santa Madre Chiesa che potrebbero alleviare la situazione di molti ricoverati. Sepolcri imbiancati, vi ha chiamato. Aveva ragione!!

Maura S.

Ven, 13/03/2020 - 13:13

A quanto pare sia il papa che tutti porporati etc...etc.. invece di essere con il popolo come succedeva nei primi anni del cristianesimo, chiudono le porte per paura di beccarsi il coronavirus……. dovrebbero essere felici di raggiungere il tanto acclamato paradiso, ma a quanto pare preferiscono questo nostro luogo terreno, anche se pieno di peccatori.

amicomuffo

Ven, 13/03/2020 - 13:26

sarà il colpo di grazia per la Chiesa che conosciamo? Immagino di si.

giangar

Ven, 13/03/2020 - 14:37

Chiesa assente? Penso che mai come in questo momento il Papa, i Vescovi, i Parroci sono uniti e vicini al loro popolo con celebrazioni di Messe, recita di Rosari, Angelus, Via Crucis cui tutti i fedeli possono unirsi con la televisione o Internet. Ricevo quotidianamente messaggi del mio Vescovo e del mio Parroco con parole di incoraggiamento e bellissime meditazioni che mi sono di grandissimo aiuto. Chiese vuote? Ma tante case si stanno trasformando in piccole chiese, come era tra i primi cristiani. Tranquilli, la Chiesa c'è e noi la sentiamo più vicina del solito.

altair1956

Ven, 13/03/2020 - 14:58

Ecco, per questa volta chiamiamola quarantesima.

ortensia

Ven, 13/03/2020 - 15:54

@giangar : noi chi?

Ritratto di etasrl

etasrl

Ven, 13/03/2020 - 16:14

PREGHIAMO PERCHE' LA CEI AUTORIZZI LE MESSE DOMENICALI IMPONENDO LE CAUTELE LOGISTICHE E COMPORTAMENTALI POSSIBILI ,LE STESSE ADOTTATE DALLE FARMACIE .

venco

Ven, 13/03/2020 - 16:41

Bergoglio ha detto di essere preoccupato per migranti e detenuti in crisi di astinenza.

giangar

Ven, 13/03/2020 - 16:44

@ortensia 15:54 - Io, la mia famiglia, i miei amici, la mia comunità, decine di persone che sento ogni giorno e migliaia e migliaia che so in preghiera per chi soffre, per chi lotta e per chi muore. Lei no? Mi dispiace per lei, non sa cosa si perde.