Papa Francesco contro i cartomanti: "La magia non è cristiana"

Tredici milioni di italiani si rivolgono regolarmente a maghi, cartomanti e indovini. Papa Francesco: "nelle grandi città cristiani praticanti fanno queste cose"

Durissimo attacco di Papa Francesco nei confronti di maghi, cartomanti, indovini e persone che li frequentano. Non è la prima volta che il pontefice argentino tocca l'argomento ma le sue parole non lasciano spazio ad equivoci.

Durante l'Udienza Generale in Piazza San Pietro, il Papa ha spiegato che "la magia non è cristiana! Queste cose che si fanno per indovinare il futuro o indovinare tante cose o cambiare situazioni di vita, non sono cristiane".

Davanti a decine di migliaia di persone che hanno affollato il tradizionale momento spirituale infrasettimanale, commentando un passo del libro degli Atti degli Apostoli, Papa Francesco ha sottolineato la "debolezza delle arti magiche", che hanno sempre un'origine demoniaca, ha rilevato che chi sceglie veramente il Figlio di Dio, Gesù Cristo, abbandona le arti magiche, ed ha aggiunto che San Luca sottolinea "l’incompatibilità tra la fede in Cristo e la magia. Se scegli Cristo non puoi ricorrere al mago: la fede è abbandono fiducioso nelle mani di un Dio affidabile che si fa conoscere non attraverso pratiche occulte ma per rivelazione e con amore gratuito".

Attraverso il suo ben noto modo colloquiale di fare catechesi, Papa Francesco ha rilanciato una esclamazione come se arrivasse dagli ascoltatori. "Forse qualcuno di voi mi dirà: 'Ah, sì, questa della magia è una cosa antica: oggi, con la civiltà cristiana questo non succede'. Ma state attenti!". Poi il Pontefice ha domandato: "Quanti di voi vanno a farsi fare i tarocchi, quanti di voi vanno a farsi leggere le mani dalle indovine o farsi leggere le carte? Anche oggi nelle grandi città cristiani praticanti fanno a queste cose. E alla domanda: 'Ma come mai, se tu credi a Gesù Cristo, vai dal mago, dall’indovina, da tutta questa gente?', rispondono: 'Io credo in Gesù Cristo ma per scaramanzia vado anche da loro'". Quindi il Papa ha rilanciato: "Per favore: la magia non è cristiana! Queste cose che si fanno per indovinare il futuro o indovinare tante cose o cambiare situazioni di vita, non sono cristiane. La grazia di Cristo ti porta tutto: prega e affidati al Signore".

Il nuovo anatema di Papa Francesco contro le arti magiche riporta alla mente un dato di cronaca che preoccupa e coinvolge tanti cittadini della nostra Penisola: circa tredici milioni di persone in Italia ogni anno finiscono raggirati, danneggiati economicamente, psicologicamente e fisicamente a causa di vari santoni e guru, maghi e cartomanti, astrologi e falsi veggenti, indovini e pranoterapeuti, manipolatori e speculatori appartenenti a false credenze religiose, medium, "esperti" New Age e chiromanti vari. Il Codacons ha spiegato da tempo che sono circa 30mila gli italiani che ogni giorno chiamano numeri a pagamento, scrivono su Facebook e si fanno raggirare credendo in false promesse e in falsi benefici. Un fenomeno su cui la Chiesa è intervenuta per frenarlo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mer, 04/12/2019 - 16:47

La magia (se non è amazzonica)non è cristiana"!!ACCHHH SOOOO!!!

cir

Mer, 04/12/2019 - 17:19

sono 2000 anni che vivete nella ricchezza e spese folli, appartamenti da 400mq per un cardinale solo,avete soldi a palate senza lavorare , e' magia o qualcosa d'altro?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 04/12/2019 - 20:38

Se i preti non attuassero lo sciopero delle confessioni, le anime in pena non cercherebbero i negromanti. Dunque la colpa è ancora del Bergoglio, perché i sacerdoti sono pagati per fare i preti e non per andare in piscina come il Biancalani.