Parigi, indagine su un barcone: "C'erano due kamikaze"

Le indagini sul barcone arrivato a Leros il 3 ottobre sono state estese a tutte le polizie europee: la Francia ha infatti inviato alle autorità di sicurezza dei paesi dell’Ue un elenco con i nominativi dei 197 migranti che erano a bordo e che sono stati identificati dalle autorità greche

Parigi, indagine su un barcone: "C'erano due kamikaze"

Le indagini sul barcone arrivato a Leros il 3 ottobre sono state estese a tutte le polizie europee: la Francia ha infatti inviato alle autorità di sicurezza dei paesi dell’Ue un elenco con i nominativi dei 197 migranti che erano a bordo e che sono stati identificati dalle autorità greche. La richiesta, secondo quanto si apprende, riguarda in particolare 140 tra uomini e donne (gli altri erano minori): la polizia francese avrebbe chiesto di ricercare questi soggetti per verificarne nuovamente l’identità, individuare i loro spostamenti in Europa, scoprire come sono arrivati e da dove sono arrivati in Turchia, con chi hanno avuto contatti prima e dopo gli attentati.

Il sospetto delle autorità è che tra di loro vi possano essere dei complici degli attentatori entrati in azione venerdì 13 o, anche, altre cellule pronte ad entrare in azione in altri paesi o nella stessa Francia. Alle polizie degli altri paesi dell’Ue, inoltre, la Francia ha inviato il dna e le impronte digitali degli attentatori identificati e di quelli ancora da identificare, chiedendo di verificare se nei database vi fossero elementi a loro riconducibili.

Commenti