Partorisce la figlia morta e perde la vita 10 giorni dopo. Tre medici a processo

Sono accusati di duplice omicidio colposo. Per i magistrati avrebbero sottovalutato un'ipertensione della donna, deceduta il 23 aprile 2017 all'ospedale Molinette di Torino

Il primario di ginecologia dell'ospedale Santa Croce di Moncalieri, Pier Luigi Montironi, e due ginecologi andranno a processo per duplice omicidio colposo.

Come riporta Torino today, i tre medici sono accusati di avere avuto responsabilità nella morte di Sara Festa, la donna di 39 anni di Chieri deceduta il 23 aprile 2017 al nosocomio Molinette (dove era stata ricoverata in un secondo momento), dieci giorni dopo il decesso della sua bimba Giorgia, partorita senza vita. Il processo si aprirà il 12 febbraio 2020 ed è stato stabilito dal giudice per l'udienza preliminare Sara Perlo nel corso dell'udienza che si è svolta martedì 24 settembre.

Secondo il procuratore aggiunto torinese Vincenzo Pacileo, i medici avrebbero dato poca importanza all’ipertensione arteriosa della donna che avrebbe provocato un’emorragia. E poi l’avrebbero dimessa dall’ospedale senza verificare in modo approfondito il suo stato di salute. Il pubblico ministero Pacileo aveva già disposto l'archiviazione per altri quattro medici dell'ospedale.

La donna era stata bene fino all’ottavo mese di gravidanza. Verso fine marzo del 2017 era stata ricoverata una prima volta nel nosocomio di Moncalieri perché aveva la pressione molto alta. La situazione si era normalizzata ed era stata dimessa. Verso metà aprile aveva accusato dolori al petto ed era andata al pronto soccorso. Un’ora dopo sua figlia era morta con un parto cesareo. La donna è stata trasferita all'ospedale Molinette, dove la risonanza magnetica ha evidenziato un ematoma epidurale e la dissezione dell’aorta. Purtroppo gli interventi chirurgici non l'hanno salvata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.