Pavia, bufera sul vescovo: "Se sei omosessuale datti un altro orientamento"

Le parole di monsignor Corrado Sanguinetti di fronte a circa 100 studenti dell'istituto L. Cremona. L'audio della conferenza inviato all'Arcigay di Pavia: "Tendenza omosessuale è disorientamento"

"La tendenza omosessuale non è peccato, ma qualcosa di disordinato rispetto all’ordine della natura. Non sarà quella la strada che ti fa felice. Però a quest punto la libertà è tua, giocatela tu". Le parole, senza troppi fronzoli, sono state pronunciate dal vertice della Chiesa di Pavia. E come ovvio, si sono già scatenate le polemiche. anche perché Corrado Sanguinetti quella frase (e altre) l'ha pronunciata di fronte a circa 100 studenti dell'Istituto L. Cremona. Una conferenza a scuola che è stata registrata e infine inviata all'Arcigay di Pavia che l'ha resa pubblica su Facebook (guarda il video).

"Ci sono anche degli omosessuali cristiani che con fatica accettano questa condizione - ha detto il monsignore - Senza assecondare questo orientamento, di viverlo come un affetto, un'amicizia. Di non dargli una stabilità sessuale". Il vescovo riconosce che questa "è una fatica, certo, la vita è fatta anche di fatica, ma c'è una situazione di omosessuali cristiani che fanno delle scelte che alla fine li rendono contenti. Un conto è la scelta del singolo, se da me che sono prete viene uno che dice: 'Sono omosessuale, mi aiuti a vivere una condizione...', io non ti dico: 'Va pure, fai quello che vuoi'. Vorrei dirti 'cerca di darti un altro orientamento'". E ancora: "Ho un amico che dice di essere omoosessuale e ha cominciato a vivere con un uomo. Gli ho sempre detto che è una scelta sua, non la condivido, non credo sarai felice. Non violentiamo la relatà, perché se poi la realtà la violenti crea sofferenza".

Il pensiero del vescovo va poi ai bambini: "Pensa a un bimbo che nasce da una coppia omosessuale". "Ci sono realtà peggiori", prova a ribattere una studentessa. "Ah sì, ci sono realtà peggiori - continua Sanguinetti - io ritengo che non dobbiamo chiamare le cose con lo stesso nome: il matrimonio è una cosa, perché il matrimonio letteralmente vuol dire matris munus. Se non sei cristiano io ti dico: 'guarda fino in fondo questa cosa qui, se veramente tu compi la tua persona e se realizzi te stesso perseguendo questo orientamento".

Dura la risposta dell'Arcigay: "Non soltanto il vescovo è entrato dentro una scuola pubblica per scagliare odio contro una minoranza - attacca la presidente Barbara Bessani -, ma l’ha fatto senza alcun contraddittorio, senza che ci fosse qualcuno che potesse proporre un altro messaggio, un messaggio di inclusione, di autodeterminazione, di amore".

Commenti

Tuthankamon

Lun, 26/03/2018 - 21:36

Finalmente un vescovo (e sono la maggioranza ... silenziosa) che parla come successore degli Apostoli!

killkoms

Lun, 26/03/2018 - 22:08

ora si arrabbieranno?

mareblu

Lun, 26/03/2018 - 23:11

FINALMENTE!!.

Divoll

Lun, 26/03/2018 - 23:36

Un prete che parla da prete. Dove sarebbe lo scandalo?

PaolodC

Mar, 27/03/2018 - 00:20

Coraggio Mons. Sanguinetti, sempre così, le sue sono parole sincere e responsabili di un vero uomo di Dio e la maggioranza degli italiani è con lei. I seminatori di odio sono le lobby di super-ricchi che vogliono imporre la loro volontà a tutti gli altri a forza di pressioni mediatiche e leggi da dittatura fascista.

madrud

Mar, 27/03/2018 - 01:20

Questa Arcigay e benpensanti di sinistra ci hanno veramente rotto. Possibile che non si possa esprimere un proprio pensiero sulla NORMALITA' della Natura senza essere criminalizzati? L'omosessualità è una condizione di anomalia nel creato. Tutto ciò che viola le leggi naturali non può rendere felice l'individuo. Poi purtroppo succede, ma non c'è veramente nulla di cui andare "orgogliosi".

goorka

Mar, 27/03/2018 - 07:52

Grazie Eccellenza! Cristo è chiaro sul Peccato

MOSTARDELLIS

Mar, 27/03/2018 - 08:04

C'è poco da scandalizzarsi. Le cose stanno esattamente come dice il vescovo. Non ha detto niente di scandaloso. Lo scandalo lo fanno tutti i santi giorni coloro che vogliono farci credere che le cose stiano diversamente.

jeanlage

Mar, 27/03/2018 - 08:43

Il vescovo ha ribadito quella che è da sempre la dottrina della Chiesa. L'ha fatto in una scuola pubblica, senza contraddittorio, esattamente come fa da anni l'arcigay.

Holmert

Mar, 27/03/2018 - 09:30

Che significa un prete che parla da prete? E' come dire che un monaco parla da monaco ed un avvocato parla da avvocato. Una specie di tautologia. Il prete dovrebbe parlare secondo le scritture e non da prete. Molti preti le studiano a fondo meditandole, altri le sorvolano e parlano come se la sentono. Sodoma e Gomorra furono incendiate dal fuoco divino,dalla collera del Dio padre. Non dice nulla che in quei luoghi si praticava la sodomia? Ora si predica amore e misericordia, ma nessun prete ci dice cosa chiede Dio in cambio del suo amore e misericordia. Questi prelati sono tutti ammattiti. Come dire che il pesce puzza dalla testa. E la testa va a ruota libera.

Ritratto di Maristvanapa

Maristvanapa

Mer, 28/03/2018 - 11:36

FINALMENTE un bravo e santo vescovo!