Paziente in dialisi contrae tre infezioni in ospedale e muore

Un paziente in dialisi ha contratto tre infezioni in ospedale. Dopo l'ultima è deceduto. I familiari hanno denunciato la struttura ospedaliera.

Paziente in dialisi contrae tre infezioni in ospedale e muore

Morto dopo tre infezioni il paziente che lo scorso settembre era stato morso da un ragno violino mentre si trovava in ospedale. Come raccontato da La Stampa, adesso i familiari vogliono vederci chiaro e intendono denunciare la struttura ospedaliera: l’ospedale Parini di Aosta.

Paziente contrae tre infezioni in ospedale. L'ultima è mortale

Ernesto Mantovanelli, torinese di 63 anni, presidente dell’Associazione onlus disabili Valle d’Aosta, che lui stesso aveva fondato quattro anni fa, era da molti anni affetto da una grave insufficienza renale. Per questo motivo era costretto a ricoveri ospedalieri per la dialisi. Durante uno di questi, nel mese dello scorso settembre, Mantovanelli era stato morso da un ragno violino, proprio mentre si trovava nel reparto di Nefrologia del Parini. Come raccontato dal figlio del 63enne, Christian: “La dottoressa ci aveva spiegato che non si trattava del primo caso in cui un paziente veniva punto da un'aracnide tra le stanze dell' ospedale”. Il padre era stato quindi curato e dimesso.

Il mese successivo però Mantovanelli, sempre al Parini, era stato colpito da un’altra infezione, dovuta a stafilococco. Anche quella volta il batterio è stato debellato e il paziente rimandato a casa. Peggio è andata la dialisi successiva, a solo pochi giorni dall’ultima, perché è insorta una terza infezione, questa volta letale. Questa volta si tratta di stafilococco da epidermide che procura al paziente un’infezione al sangue. Al seguito della quale Mantovanelli è morto il 14 gennaio.

Adesso i familiari del 63enne vogliono vederci chiaro e hanno deciso di presentare una denuncia civile al presidio sanitario della Valle d’Aosta. Come ha spiegato il figlio, suo padre è morto in poche ore. La mattina stessa Christian aveva chiesto informazioni al fisioterapista e la situazione del genitore sembrava migliorare. Poco dopo è morto. L’uomo ha detto di essere stato a conoscenza delle gravi condizioni fisiche del padre, in dialisi da una decina d’anni, ma ha anche sottolineato che contrarre ben tre infezioni nello stesso ospedale in pochi mesi non è normale. Saranno adesso i legali dello Studio Arnone di Torino a dover capire come sia potuta accadere una cosa simile.

I familiari adesso vogliono fare chiarezza

L’avvocato Gino Arnone ha così detto: “Abbiamo già costituito un gruppo di lavoro con medici legali e specialisti in infettivologia per fare chiarezza. In attesa delle cartelle cliniche ci è stato indicato che, sia lo stafilococco sia le infezioni del sangue possono essere connesse all' imperfetta sterilizzazione delle cannule che servono per infondere le terapie al paziente. Un problema che potenzialmente riguarda chiunque si sottoponga ad una flebo. Non è ancora chiaro, invece, se la prima infezione derivante dal morso del ragno violino abbia avuto un ruolo, almeno concausale, sulla morte”. Pier Eugenio Nebiolo, direttore sanitario dell’ospedale Parini di Aosta, ha consigliato cautela e si è detto molto dispiaciuto per quanto avvenuto. Ha poi sottolineato che lo stato immunologico di Mantovanelli era particolarmente compromesso. Ha inoltre fatto sapere che l’ospedale fornirà tutti i chiarimenti richiesti.

Commenti