Una persona su sette vive ancora senza energia elettrica

L'Onu vuole raggiungere l'accesso universale in meno di quindici anni

Più di mezzo miliardo di persone dei Paesi meno sviluppati - 557 milioni ad essere precisi - vive nel 2017 senza avere accesso alla rete elettrica nei Paesi più poveri. Sono dati della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio a fare luce sulla disparità che ancora esiste tra le nazioni del primo mondo e il terzo mondo, Africa in testa.

Se si volesse trasformare quel numero in un percentuale, allora il 62% degli abitanti dei Paesi più poveri rientrano tra quanti ancora considerano un lusso gesti per noi quotidiani come ricaricare uno smartphone o utilizzare un qualsiasi elettrodomestico. Un dato che sale all'82% se poi si parla delle zone rurali.

Nei dati delle Nazioni Unite un altro dettaglio: due terzi della produzione energetica in questi Paesi utilizza fonti come legna e rifiuti vegetali o animali tanto per cucinare quanto per il riscaldamento. Un problema per le emissioni tossiche che ciò comporta.

I dati dell'Onu vanno a sommarsi a quelli dell'Agenzia internazionale dell'energia, secondo cui un totale di un miliardo di persone (almeno uno su sette) non ha accesso all'energia elettrica. Un problema tanto più importante se si considera che l'accesso universale è uno degli obiettivi fissati a livello internazionale e da raggiungere entro il 2030.

Secondo Le Figaro, che riprende i dati, "sarà necessario investire tra i 12 e i 40 miliardi di dollari l' anno soltanto nei 47 paesi meno avanzati (Pma)".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 08/12/2017 - 12:41

se lo fa a carico dei contribuenti europei, no non ci stiamo!!!

idleproc

Ven, 08/12/2017 - 13:48

mortimermouse. Tranquillo il il tuo "carico" di contribuente ed espropriato italico è andato, va a finire e andrà, dritto nel sistema finanziario euroglobale. Questo dal momento esatto nel quale siamo entrati nel "sistema" di espropio pubblico e privato dei fessi che volgarmente si chiama "euro". Quando avranno finito sarai diventato anche tu ecocompatibile ed ecosostenibile come in Africa. Studia da loro e impara, servirà in futuro.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 08/12/2017 - 17:17

L'ONU dovrebbe farsi carico anche del controllo delle nascite. Fra pochi anni il sistema terra non regge, non ci sono così tanti elementi da poter mantenere una popolazione smisurata. Ma di questo problema se ne sbatte altamente, non sapendo che quello che vogliono è sostenibile sole se correggono quest'ultimo. Ma ai parrucconi interessa solo il conto e la cadrega, che gli frega a loro della terra.

cgf

Ven, 08/12/2017 - 17:19

solo 1 su 7? pensavo più persone, comunque in molti posti c'è si energia, ma solo per qualche ora e se il carburante tarda ad arrivare, si può rimanere senza anche per quelle.

MOSTARDELLIS

Ven, 08/12/2017 - 18:53

Secondo Le Figaro, che riprende i dati, "sarà necessario investire tra i 12 e i 40 miliardi di dollari l' anno soltanto nei 47 paesi meno avanzati"... Ma perché Le Figaro è lo Spirito Santo? Forse ancora non è chiaro che il concetto di sviluppo è relativo, come quello di democrazia e tanti altri. Ricordiamoci che di norma oltre l'85% degli investimenti servono agli investitori. Senza parlare poi delle porcherie dell ONG, Onlus, e organismi internazionali vari che fanno solo gli affari propri.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Sab, 09/12/2017 - 09:17

...AD ESEMPIO IN ITALIA, DOVE IN MOLTI COMUNI DEL SUD I CITTADINI L'ENERGIA ELETTRICA LA HANNO POCHE ORE AL GIORNO, SE VA BENE, MENTRE L'ACQUA LA RICEVONO UNA VOLTA ALLA SETTIMANA... CON L'AUTOBOTTE PRIVATA E LA PAGANO PURE! POI CI PREOCCUPIAMO DEI "BOVERI MIKRANTI".

vince50

Sab, 09/12/2017 - 10:02

Un pretesto come un'altro per fare soldi,tutti col cuore in mano e nell'altra l'Iban cin cion ciuf e quant'altro.

Ritratto di pascariello

pascariello

Sab, 09/12/2017 - 10:55

Beati loro, non hanno l' incubo della bolletta !