Perugia, senza biglietto aggrediscono poliziotti: fermati magrebini

I giovanissimi nordafricani, per nulla rispettosi dell'autorità, hanno prima minacciato il capotreno che li sottoponeva a verifiche, quindi aggredito due agenti Polfer intervenuti in suo soccorso

Ennesimo episodio di aggressione ai danni di un capotreno impegnato nello svolgimento delle proprie mansioni da parte di cittadini di nazionalità marocchina sprovvisti di biglietto, i quali viaggiavano abusivamente a bordo di un convoglio diretto a Perugia.

Come riferito dalla stampa locale, gli stessi nordafricani, dopo aver intimorito l'operatore perchè infastiditi dalle verifiche nei loro confronti si sono inoltre scagliati contro due agenti della polizia ferroviaria.

L'increscioso episodio si è verificato durante lo scorso fine settimana, sul treno regionale in partenza da Foligno e diretto a Perugia, poco dopo l'inizio delle operazioni di verifica da parte del controllore.

Quest'ultimo ha iniziato a spostarsi tra le carrozze del convoglio per verificare il possesso e la validità dei titoli di viaggio da parte degli utenti che si trovavano a bordo.

Nessun problema, almeno fino al momento in cui l'operatore non volge la propria attenzione nei confronti di due passeggeri nordafricani, risultati entrambi sprovvisti di biglietto. Come da prassi, pertanto, il capotreno ha spiegato agli stranieri che avrebbe dovuto far loro una sanzione per il mancato pagamento della corsa che stavano sfruttando invece gratuitamente, ma la notizia ha fatto andare su tutte le furie i viaggiatori abusivi.

Intenzionati ad ostacolare fino all'ultimo il lavoro del controllore, i nordafricani si sono fermamente rifiutati di esibire i documenti e di fornire dati circa la propria identità, ma non si sono limitati a questo. Nel tentativo di allontanare definitivamente il dipendente delle Ferrovie dello Stato e proseguire tranquillamente il loro viaggio gratis, lo hanno addirittura minacciato in modo esplicito.

Senza farsi intimorire, tuttavia, quest'ultimo ha provveduto a contattare due uomini della polizia ferroviaria, che si trovavano a bordo del treno regionale in servizio di scorta. I poliziotti hanno pertanto raggiunto la carrozza indicata dal capotreno, e si sono confrontati coi due marocchini di giovanissima età, i quali hanno continuato a mantenere un atteggiamento irriverente ed aggressivo.

Neppure la vista degli uomini in divisa, infatti, è servita a ricondurre i nordafricani a più miti consigli, dato che anche dinanzi ad essi hanno continuato a rifiutarsi di consegnare i documenti. Anche per gli agenti della Polfer, così come accaduto in precedenza anche per il capotreno, sono arrivate le minacce, alle quali ha tuttavia fatto seguito addirittura un'aggressione fisica vera e propria.

Dopo una colluttazione, i poliziotti sono riusciti a bloccare i facinorosi, riportando tuttavia qualche ferita. Quando il convoglio è infine arrivato a Perugia sono potute scattare le fasi di arresto, coi due marocchini che sono stati accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kennedy99

Mar, 14/01/2020 - 14:12

tutti i giorni si leggono sui giornali notizie di questo genere dire che hanno creato uno schifo è dire poco. dopo bersani ieri sera anche il caro boccia ha detto che il problema sicurezza e immigrati è agli ultimi posti dei problemi degli italiani. rimane solo da dire che faccia tosta.!!!!!!

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mar, 14/01/2020 - 21:17

Perché dovrebbero rispettare l'autorità? In questo momento in Italia non c'è nessuna autorità, solo un'anarchia lentamente crescente...

seccatissimo

Mar, 14/01/2020 - 21:33

Per certi delinquenti sarebbe molto più utile una bella raffica di randellate sul groppone che una denuncia con nessun seguito sanzionatorio concreto !