Terrorismo, la polizia: "Falle gravissime nella rete di sicurezza"

Malpensa a rischio altissimo: per chi viene beccato coi documenti falsi non c'è arresto ma solo una denuncia a piede libero. L'Europa nel mirino del terrorismo: SOSTIENI IL REPORTAGE

Terrorismo, la polizia: "Falle gravissime nella rete di sicurezza"

La rete italiana contro il terrorismo ha gravissime falle. E a dirlo è la polizia, per bocca del sindacato Ugl: tra i luoghi più a rischio c'è l'aeroporto di Milano Malpensa, il più importante scalo italiano dopo Roma Fiumicino.

Per chi viene pizzicato ai controlli con il passaporto falso scatta solo la denuncia a piede libero, senza arresto, denuncia Manuel Brignoli, segretario regionale per la Lombardia di Ugl Polizia di Stato. E tutto questo avviene in barba all'articolo 497 bis del codice penale del 2005, che prevede espressamente la detenzione.

"A Malpensa ogni anno vengono denunciate a piede libero circa 800, 1.000 persone. I denunciati - spiega Brignoli in una nota diffusa dal sindacato - sono tutti stranieri che potrebbero avere generalità diverse da quelle che forniscono. Quando vengono fermati all'imbarco con documenti intestati a nominativi fittizi, invece di essere arrestati, sono invitati a presentarsi all'ufficio stranieri per l'identificazione o l'espulsione."

Ma non è finita qua: "l'ufficio stranieri di Varese, dal quale dipende l'aeroporto di Malpensa, prosegue Brignoli, spesso il pomeriggio è sfornito di personale e quindi i soggetti fermati vengono denunciati e lasciati liberi di andare, per poi presentarsi. Ovviamente spesso non lo fanno".

Ma questo rischio non riguarda esclusivamente l'hub meneghino: scene analoghe si ripetono in moltissimi aeroporti di tutta Italia. A questo proposito, dalla polizia suggeriscono l'adozione di un accordo con le procure che stabilisca una volta per tutte una linea condivisa a livello nazionale. "La prassi giudiziaria vigente, infatti, rischia di non tenere conto delle nuove esigenze di sicurezza - aggiunge Valter Mazzetti, segretario nazionale dell'Ugl Polizia di Stato - Proprio in questo momento, si dovrebbero incrementare gli arresti ai sensi dell'art 497 bis, che è stato introdotto nel 2005 per la lotta al terrorismo. Nella realtà succede esattamente l'opposto".

SIAMO DAVVERO NEL MIRINO DEL TERRORISMO?
Dopo gli attacchi di Parigi, l'Europa trema. Vogliamo realizzare un altro grande reportage per raccontervi chi sono i terroristi che invitano a colpirci e quali sono le loro basi in Europa, Medioriente e Nord Africa. Vi spiegheremo chi ci tiene nel mirino e cosa rischiamo veramente. SOSTIENI IL REPORTAGE QUI

Commenti