Poliziotto ubriaco investe e uccide un 17enne in scooter

A Treviso un agente è stato fermato con l'accusa di omicidio per aver investito un ragazzo. Nel sangue aveva alcol ben oltre il limite

Foto d'archivio
Foto d'archivio

Dopo alcune ricerche da parte degli inquirenti è arrivata la conferma: è stato proprio un poliziotto l'automobilista coinvolto nell'incidente mortale avvenuto a Paese, in provincia di Treviso. Nel sinistro ha perso la vita Davide Pavan, un ragazzo di 17 anni che sul proprio scooter stava rientrando a casa dopo aver accompagnato un'amica. L'uomo di 28 anni, in servizio nella questura di Treviso e residente a Montebelluna, è stato fermato dalle forze dell'ordine e sottoposto al test, che ha rivelato un tasso di alcol nel sangue superiore ai limiti di legge.

A seguito del violentissimo impatto il giovane è stato sbalzato dalla sella del proprio scooter ed è caduto a terra riportando ferite gravissime. Arrivati sul posto i soccorritori hanno trovato il giovane a decine di metri di distanza dal mezzo e hanno portato d'urgenza la vittima all’ospedale più vicino. A nulla è servito il rapido e disperato soccorso dei medici che nella tarda serata di domenica 8 maggio hanno constatato il decesso del giovane. Il poliziotto, fermato e interrogato, al momento si trova agli arresti domiciliari in attesa di nuovi sviluppi dell'inchiesta.

I genitori della vittima, non udendo rientrare il figlio a casa, si erano allarmati e, avvisati dagli agenti, si sono recati sul posto dell'incidente assistendo alla terribile scena del tentativo di soccorso.

Gli inquirenti stanno lavorando per fare ulteriori accertamenti sul luogo del sinistro e capire l'esatta dinamica dell'incidente. Al momento non è chiaro quale dei due mezzi abbia invaso la corsia opposta e quindi anche per questo motivo sono stati sequestrati entrambi i mezzi coinvolti nello scontro. La salma del giovane del 17enne, in attesa delle esequie, è stata posta a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Commenti