Presi e scarcerati in un giorno. I ladri continuano a rubare

I due stranieri, dopo essere stati scarcerati, hanno continuato a rubare sulle vetture

Erano stati arrestati il giorno prima dai carabinieri di Selvazzano (Padova), E. G., 18 enne albanese e R. M., 27enne marocchino, entrambi senza fissa dimora e con precedenti, dopo essere stati trovati a bordo di un'autovettura rubata, e avere opposto una energica resistenza nei confronti dei carabinieri, per sottrarsi al controllo. Dopo il giudizio direttissimo a seguito del quale aveva riportato una condanna a un anno di reclusione e una multa di 400 euro il primo e la misura cautelare del divieto di dimora nella regione Veneto, il secondo, erano stati scarcerati nel pomeriggio di venerdì.

Ai due stranieri, però, la lezione non è bastata, infatti hanno continuato a rubare sulle vetture anche nella notte tra venerdì e sabato, come emerso dagli accertamenti dei carabinieri di Selvazzano che li hanno nuovamente fermati sabato pomeriggio, in quanto responsabili del reato di ricettazione in concorso. I militari che hanno proceduto all'arresto e che già avevano trovato della refurtiva addosso ai due ragazzi all'atto dell'arresto, e che non si erano accontentati, ritenendo che avessero nascosto altro materiale nel luogo dove si rifugiavano la notte, li avevano tenuti d'occhio scoprendo che andavano a dormire nei locali dell'ex seminario, ora disabitato. Per tale ragione avevano richiesto al magistrato di turno, Roberto D'Angelo, l'emissione di un decreto di perquisizione.

Sabato pomeriggio, raggiunti i due stranieri nella loro stanza al quinto piano dello stabile, è iniziata l'attività di ricerca che si è conclusa, più tardi, dopo il rinvenimento di numerosi oggetti tra cui navigatori satellitari, occhiali da sole, portafogli e telefonini, il tutto occultato tra i loro effetti personali, riposti in vari borsoni. Ritenendo trattarsi di oggetti di provenienza illecita, è iniziata una immediata attività di riscontro che ha consentito ai carabinieri di eseguire il riconoscimento di parte della refurtiva direttamente da parte delle persone derubate, che avevano lasciato le loro vettura in sosta in via Brusegana a Padova e lungo le vie di Tencarola, anche nella notte tra venerdì e sabato, in cui i due stranieri erano stati scarcerati da appena qualche ora. Per tale ragione, i due sono stati sottoposti al fermo di indiziato di delitto, anche in considerazione del fatto che, il giorno successivo, avevano intenzione di espatriare e quindi sottrarsi ad eventuali provvedimenti emessi dalla giustizia italiana a loro carico. Mentre la perquisizione all'interno dell'ex seminario aveva luogo, i carabinieri hanno rintracciato anche un kosovaro 18enne, e una ragazza 16enne di Padova che si erano ricavati un alloggio di fortuna all'interno di un'altra stanza. Durante le operazioni di identificazione è emerso che il kosovaro era destinatario di un ordine di carcerazione emesso il 7 febbraio dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Venezia, dovendo scontare la pena di otto mesi e tre giorni di reclusione per reati in materia di stupefacenti, commessi in Padova lo scorso anno. La ragazza, invece, è risultata essersi allontanata dalla propria abitazione lo scorso 7 febbraio ed è stata quindi riaffidata alla famiglia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Lun, 20/02/2017 - 16:29

Sorpresi a rubare, arrestati, condannati e rilasciati e sorpresi a rubare di nuovo. Non so se questa pessima storia sia dovuta ad una magistratura che sostanzialmente se ne frega del benessere del popolo o da una politica che ad altrettanto menefreghismo aggiunge quantità enormi di buonismo da rendere sempre più invivibile la nostra povera Italia.

Martinico

Lun, 20/02/2017 - 16:50

Fino a quando dovremo sopportare queste assurdità? Poi però se qualcuno nel difendersi commette un eccesso, dovrà avere tutte le attenuanti citando in causa per concorso di colpa lo Stato.

cianciano

Lun, 20/02/2017 - 17:24

....non val la pena commentare.....è una presa per i fondelli alle persone perbene.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 20/02/2017 - 17:27

Io sono fatalista:può anche essere che queste risorse,un giorno non lontano,incontrino un emulo del Di Lello. GAME OVER.

maurizio50

Lun, 20/02/2017 - 17:34

Ancora zingari, sempre zingari, fortissimamente zingari. Con i peggiori saluti che posso mandare a Madama Boldrina!!!!

venco

Lun, 20/02/2017 - 17:44

L'immigrato se compie un reato NON deve più circolare libero in Italia, se non si espelle si condanni al carcere a vita.

teoboss

Lun, 20/02/2017 - 17:56

ma che strano che l'itaGlia stia andando sempre + a fondo, e che ormai è lo sbrleffo dell'europa tutta (anche i greci ci deridono, e la dice lunga sulla cosa ...)

Happy1937

Lun, 20/02/2017 - 18:00

I Carabinieri, poveretti, li acchiappano e li mettono in gattabuia, poi arriva il GIP che li rimette subito in libertà perché possano continuare a "lavorare" indisturbati.

mariobaffo

Lun, 20/02/2017 - 18:08

E loro i ladri lo sanno che in Italia è così ,impunità , Avanti o popolo.

gneo58

Lun, 20/02/2017 - 18:09

se si tagliassero le mani (e non in senso figurato) smetterebbero subito.

Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 20/02/2017 - 18:17

Ho fiducia nella magistratura.....AHAHAHAH

Anonimo (non verificato)

Ritratto di lurabo

lurabo

Lun, 20/02/2017 - 18:36

Niente di nuovo sotto il cielo d'Italia, normalissima amministrazione

Anonimo (non verificato)

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 20/02/2017 - 19:31

un rumeno che conosco (persona onesta e lavoratore) mi ha detto che tutti i delinquenti della Romania sono qui in Italia perchè in Romania li mettono in galera e noi non gli facciamo nulla

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 20/02/2017 - 20:44

se li arrestavano poi chi mi avrebbe pagato la mia pensione!

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 20/02/2017 - 21:26

Definire la giustizia itagliana una barzelletta è riduttivo. Terra per ladri e fatabutti.

Ritratto di stenos

Anonimo (non verificato)

manfredog

Lun, 20/02/2017 - 22:24

..be'..!! Si sono rimessi subito al lavoro, per pagarci le pensioni..!! Ad ognuno il suo..eh..!! mg.

cesare caini

Lun, 20/02/2017 - 23:59

ci salverà solo la tolleranza zero Cesare

lento

Mar, 21/02/2017 - 07:55

Giudici compari dei ladri..

il corsaro nero

Mar, 21/02/2017 - 08:13

Ma secondo Minniti non serve chiuderli in galera, basta una misura cautelare di divieto di dimora! mavaff...