Dal primo luglio 2018 arriva la nuova carta di circolazione

La nuova "carta di circolazione" sostituirà i due documenti attuali: il certificato di proprietà del veicolo, di competenza dell'Aci, e il libretto di circolazione prodotto dalla Motorizzazione civile

Il Consiglio dei ministri, su proposta della Ministra per la semplificazione e la pubblica amministrazione Maria Anna Madia e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, ha approvato, in secondo esame preliminare, un decreto legislativo che, in attuazione della legge di riforma della Pubblica Amministrazione, introduce dal 1* luglio 2018 il documento unico di circolazione per gli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.

La nuova "carta di circolazione" sostituirà i due documenti attuali: il certificato di proprietà del veicolo, di competenza dell'Aci, e il libretto di circolazione prodotto dalla Motorizzazione civile, come previsto negli altri Paesi europei, e consentirà di tagliare i costi di produzione, archiviazione e controllo a carico dell'amministrazione. All'unico documento, inoltre, corrisponderà una tariffa unica, che sostituirà i diritti di Motorizzazione e gli emolumenti per l'iscrizione o la trascrizione di ogni veicolo al Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Tutti i risparmi saranno destinati a ridurre i costi per l'utenza. Le carte di circolazione e i certificati di proprietà già emessi alla data di entrata in vigore del documento unico manterranno la loro validità fino alla scadenza.

Commenti
Ritratto di makko55

makko55

Ven, 12/05/2017 - 18:53

Bene, quindi quanti statali avanzano ???

frabelli1

Ven, 12/05/2017 - 19:08

Era ora! Dimenticavo, per favore, non uccidiamo l'italiano come le storpiature volute da qualcuno che non sa fare altro; Ministro Madia. Altrimenti come chiameremo un pilota maschio, oppure un guidatore, o altre professioni che finiscono al femminile ma sono maschili?! Grazie

guido.blarzino

Ven, 12/05/2017 - 19:28

Sarò proprio curioso di vedere se il risparmio andrà a beneficio degli utenti. Ricordo intanto che, negli altri paesi UE, il passaggio di proprietà di una vettura usata costa ca 30€ in quanto il veicolo ha già scontato l'IVA da nuovo. In Italia paghiamo tuttora ca 500€ un passaggio di proprietà di una utilitaria. I risparmi UE non ci riguardano. Gli aumenti sì

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 12/05/2017 - 19:42

Era ora che eliminassero questi doppioni odiosi. Solo in Italia esiste questo doppione.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Ven, 12/05/2017 - 22:55

Ci sono voluti 70 annni ma ce l'hanno fatta. Sicuramente c'è il trucco, come per l'estensione di validità del passaporto cui è corrisposto un bollo di 74 DICANSI 74 ingiustificati ed assurdi euro. La buona notizia è che il ministero della semplificazione una cosa ogni 5 anni la fa o forse l'italia è troppo "semplice" e non trovano nulla da fare.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 13/05/2017 - 05:36

Madia e Delrio, pensano molto agli impiegati statali, cosi avranno molto più tempo per leggere i giornali!!!

lento

Sab, 13/05/2017 - 06:24

Un proprietario di piu' auto "personali"deve avere una sola assicurazione valevole per tutte ! Come in America!

lento

Sab, 13/05/2017 - 06:29

La prossima legge dovra'essere quella che:Il proprietario di piu'auto personali ,deve avere la facolta' di stipulare una sola polizza valevole per tutte ! Come in America!

paolonardi

Sab, 13/05/2017 - 08:38

Dal momento che c'e' di mezzo il ministro, ministra solo nella neo lingua boldrinese, Maria Anna Madia la nuova legge sara' certamente incostituzionale. L'apice della sfaggiataghine e' stato raggiunto dal contadino di Rignano quando ieri ha invitato i parlamentari a leggere i progetti di legge per evitare errori; dov'era il primo ministro quando furono approvate la legge sulla pubblica amministrazione e quella elettorale; eppure si vanta di essere laureato in giurispudenza! Chi gli ha regalata?

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 13/05/2017 - 11:13

Questa è una cosa giusta. Che alla fine costi meno agli utenti non ci credo. Figuriamoci se rinunciano alla mungitura.