Quando Lapo Elkann confidò: "Abusi sessuali a 13 anni"

La vita di Lapo Elkann raccontata in un'intervista del 2013 al Fatto Quotidiano dove si era confidato raccontando degli abusi sessuali subiti da bambino

Quando Lapo Elkann confidò: "Abusi sessuali a 13 anni"

Vita spericolata qella di Lapo Elkann, oggi al centro della scena mediatica dopo l'arresto avvenuto a New York per un finto sequestro inventato alla famiglia per avere 10.000 dollari di "riscatto".

Eppure nel 2013, appena 3 anni fa, Lapo Elkann si era raccontato tra le righe del Fatto Quotidiano dove aveva promesso a se stesso di voler cambiare stile di vita, dedito soprattutto allo scandalo. Nella stessa intervista però Lapo aveva parlato degli abusi sessuali che aveva subito, un fatto che aveva segnato particolarmente la sua persona.

"Da quando ho compiuto 13 anni ho vissuto cose dolorose che poi mi hanno creato grosse difficoltà nella vita", aveva raccontato Lapo. "Cose capitate a me e ad altri ragazzi. Parlo di abusi fisici, sessuali. Mi è accaduto, li ho subiti. Altre persone che hanno subito cose simili non sono riuscite ad affrontarle. Il mio migliore amico, che era in collegio con me per quasi 10 anni e ha vissuto quello che ho vissuto io", lo stesso migliore amico che si era suicidato qualche anno prima dell'intervista.

Lapo ha parlato nell'intervista di una voglia di riscatto, l'idea era quella di aiutare la gente che aveva passato ciò che aveva vissuto lui anni prima. La vita di Lapo, così come raccontato da lui stesso, è stata segnata da diverse scomparse come quella dello zio Edoardo e del nonno Gianni.

Il mito dell'Avvocato Gianni Agnelli non lo ha mai abbandonato, ma nel 2013 Lapo ha dichiarato di non essere più assillato dalla sua figura: "A un certo punto ho capito che il nonno era il nonno e io sono io. Oggi non ho più nessuna voglia di essere come lui, il che non vuol dire che non lo rispetti. Però io sono diverso".

Questa diversità che, stando ai recenti fatti avvenuti nella vita di Lapo, si vede ancora più che mai.

Commenti