Quanto vale il business dei migranti?

Un rapporto dell'Interpol del 2016, sempre però attuale, parla di almeno sei miliardi di euro di guadagni per le associazioni criminali: quello dei migranti è un affare con cifre sempre più da capogiro

Si parla spesso di come quello dell’immigrazione è, in primo luogo per le organizzazioni criminali che gestiscono i viaggi della speranza, un business redditizio ed in grado di far guadagnare prestigio e potere ai gruppi che immettono nel Mediterraneo decine di barconi.

Ma, effettivamente, quanto vale l’aberrante traffico di esseri umani tra Africa ed Europa? L’Agi di recente riporta una nota dell’Interpol del 2016 ritenuta però attuale ancora oggi: secondo gli inquirenti che allora provano a quantificare il reale guadagno delle associazioni criminali, la cifra ha parecchi zeri. Si parla, in particolare, di sei miliardi di Euro.

È il fatturato trimestrale di una multinazionale come Starbucks, si fa notare sull’Agi, quello dell’immigrazione clandestina è un business capace di generare un’economia criminale in grado di abbracciare più paesi, più ambiti ed attrarre di conseguenze sempre più adepti.

Anche perché è proprio quest’ultimo aspetto a preoccupare maggiormente: in una Libia senza Stato e con una popolazione senza prospettive, così come in diversi strati delle società di altri paesi africani dove la povertà appare sempre più dilagante, quello di entrare nel circuito della gestione dell’immigrazione clandestina è un’attrattiva con pochi eguali.

I gruppi criminali che da anni tengono in piedi questo disumano business, sono del resto molto collaudati ma hanno bisogno di ogni genere di “manovalanza”: da chi fornisce documenti falsi a chi gestisce i centri dove vengono rinchiusi i migranti, passando per coloro che materialmente devono guidare le carovane lungo il deserto o fare da guardiani alle barche preparate sulle spiagge delle partenze.

Una vera e propria rete che parte dal paese di partenza del singolo migrante, per arrivare in Libia e financo poi in Italia, dove i gruppi criminali godono di appoggi e manovalanza all’interno di alcune comunità africane.

Un’organizzazione tanto precisa quanto spietata, che si mantiene grazie a guadagni che a volte superano anche il Pil semestrale di intere regioni africane. Questo dà ai gruppi criminali la possibilità di ramificarsi anche nelle istituzioni di alcuni paesi del vecchio continente, parte dei guadagni viene infatti anche investita nella corruzione di funzionari pubblici o di addetti alle frontiere.

Ma, è la domanda a questo punto che esce fuori automaticamente, da dove arrivano questi guadagni a più zeri? La risposta risiede in primo luogo nel numero di coloro che ogni anno intraprendono i viaggi dall’Africa verso l’Europa: più migranti ovviamente ci sono, più soldi entrano nelle casse dei criminali. Ma non è soltanto il costo del viaggio in sé a permettere ai trafficanti di guadagnare: i migranti infatti sborsano, in media, circa 800 Euro a testa per percorrere la tratta dalle coste nordafricane all’Italia.

Poi vi sono i soldi che occorrono per pagare la traversata nel deserto, che costa in media dai duemila ai tremila Euro, sempre per ogni migrante. In più, tutti i servizi durante il viaggio devono essere pagati dagli stessi migranti: dal cibo da portare sul barcone, passando anche per il semplice giubbotto di salvataggio da indossare mentre si attraversa il Mediterraneo.

Ecco quindi che, complessivamente, il viaggio può arrivare a costare circa seimila Euro. Costi enormi per ogni singolo migrante, che invece per le organizzazioni criminali si traducono in ricavi altrettanto enormi.

Un business che genera un giro di soldi che appare anche sempre più semplice da gestire, in quanto le “strutture” organizzative messe in piedi dalle organizzazioni criminali sono oramai sempre più collaudate dopo tanti anni di esperienze maturate sul campo.

La tratta di migranti dall’Africa all’Europa, non genera solo soldi ma anche prestigio e potere per i cartelli che hanno in mano questo criminale affare, soprattutto in una Libia rimasta senza alcuna vera istituzione. Debellare questo business non è impossibile, ma è difficile e soprattutto non sembra in questo momento in cima alle preoccupazioni dei responsabili sia africani che europei.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Dom, 07/07/2019 - 10:36

ditelo ai buoni samaritani del mare!

aswini

Dom, 07/07/2019 - 10:41

infatti basta vederli, scappano dalla guerra ben pasciuti e condenaro contante, durante lanostra guerra c'era la carta annonaria 1 litro di olio almese per5 persone, e la genete era tipo "dachau"

jaguar

Dom, 07/07/2019 - 10:42

Ma va la, all'Interpol sono tutti razzisti- fascisti e leghisti. Se la sinistra afferma che non c'è nessun business dei migranti, c'è da crederci.

Ritratto di FraBru

FraBru

Dom, 07/07/2019 - 10:53

Il business dei (falsi) migranti? Oro nero...

Cesare007

Dom, 07/07/2019 - 11:03

Adesso che qualcuno mi dica che non ci sono i soldi per gli italiani e che bisogna andare in pensione a 70 anni con la legge Fornero.

Cesare007

Dom, 07/07/2019 - 11:05

Perché da Bruxelles non stanno tuonando di non buttare i soldi in questo modo?

Cesare007

Dom, 07/07/2019 - 11:05

Perché da Bruxelles non stiano tuonando di non buttare i soldi in questo modo?

Renny60

Dom, 07/07/2019 - 11:18

Ma avevate qualche dubbio?

Adespota

Dom, 07/07/2019 - 11:36

I casi sono due: o gli illuminati sinistrati intellettuali, che voglion dettar legge, non sono poi così intelligenti come pensano di essere oppure sono in combutta. Tertium non datur.

inventocolori

Dom, 07/07/2019 - 11:45

Tu dare me mangiare.... tu dare me vestire....tu dare me casa.....tu dare me medicine.....tu dare me scuola....tu dare me lavoro......tu dare me -duo bortafogli.....-

timoty martin

Dom, 07/07/2019 - 11:47

Ecco gli alleati di PD, comunisti ed altri buonisti.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Dom, 07/07/2019 - 11:56

I buoni samaritani del mare si sono buttati a capofitto in questo business. Come le cooperative e le onlus.

saveitaly

Dom, 07/07/2019 - 12:29

purtroppo anche sinistra e ONG guadagnano soldi e visibilità da questo traffico vergognoso, e spingono perché continui e prolifichi

rawlivic

Dom, 07/07/2019 - 12:36

una politica furba sarebbe dare la possibilita' di richiedere asilo pagando una tariffa di 1000 euro direttamemte ai nostri consolati, poi se viene respinta la domanda, sorry...perdi I soldi.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Dom, 07/07/2019 - 12:50

Lo Stato italiano per fare cassa potrebbe impugnare la sentenza della corte europea che impone al vaticano di pagare l'ICI, togliendo anche l'8 per mille, e tanti altri balzelli.

carlottacharlie

Dom, 07/07/2019 - 13:24

Beh, mica per niente quelli di mafia capitale diversificarono i loro intrallazzi dicendo chiaro e tondo che con i neri si guadagna più che con la droga. Tutti guadagnano, tutti raschiano fino l'ultimo centesimo e tutti sono esseri immondi che giocano con la pelle dei neri. Il migliore di questi soggetti ha la rogna, affetto dalle peggiori infestazioni dentro l'anima, sono feccia e bisogna ricordarglielo ogni istante senza aver paura d'offenderli già che sono feccia maleodorante. Chi li reputa salvatori o sono dei deficienti e dementi ignoranti che nulla vedono o sanno, oppure sono della stessa pasta dei criminali, infestati internamente dei peggiori parassiti ed all'esterno da facce con i tratti del cretinismo.

killkoms

Dom, 07/07/2019 - 18:47

perciò ci sono tanti interessati!