Quelle lettere dal carcere che svelano chi sono i fratelli Bianchi

L'analisi della grafia di Gabriele e Marco Bianchi rivela le personalità dei fratelli condannati per il pestaggio in cui morì Willy Monteiro Duarte

Quelle lettere dal carcere che svelano chi sono i fratelli Bianchi

Le lettere dal carcere non hanno evitato l'ergastolo a Gabriele e Marco Bianchi, i due fratelli condannati per il brutale pestaggio a Colleferro, in cui perse la vita Willy Monteiro Duarte.

Gabriele Bianchi

Osservando la grafia di Gabriele (clicca qui) emerge una personalità povera e facile a lasciarsi condizionare dagli impulsi e dalle emozioni, creando così le condizioni per un difficile controllo sulle stesse.

Siamo di fronte a un ragazzo con una personalità immatura, che però ama essere protagonista (vedi occupazione totale dello spazio grafico) e quindi si lascia trascinare da chi rinforza questa sua sensazione di apparente protagonismo vincente.

La povertà di carattere, che si nota dal tipo di gesto grafico elementare e dalla firma perfettamente uguale al testo, mette in evidenza una mancanza di strutturazione elaborativa e mentale, per cui è facile preda dei più forti ed astuti. L’imitazione e la sudditanza lo rendono fragile nelle scelte e del tutto dipendente.

Marco Bianchi

La grafia di Marco (clicca qui), senza dubbio più costruita di quella del fratello, esprime una personalità più decisa e pronta a dare spazio ai desideri personali trovando così soluzioni per entrambi.

È persona senza dubbio dotata di un temperamento socievole, anch’egli amante del protagonismo e voglioso di essere considerato (vedi uso dello stampatello e occupazione totale del foglio con cancellature anomale).

Evidente in lui il narcisismo primario che chiede sempre immediata soddisfazione delle aspirazioni o degli impulsi primordiali che, mancando di controllo, impongono la soddisfazione immediata degli stessi. Nel caso di Marco tale spinta inarrestabile sembra accompagnata da una forte aggressività e una certa capacità di elaborare in modo manipolatorio ogni evento che gli capiti.

Senza dubbio superiore al fratello come intelligenza e abilità, Marco è la persona che sa imporre, comandare e condizionare chi gli sta accanto con seduzione e gioco emozionale non controllato.

Commenti