Ragazzo marocchino arrestato due volte a Taviano

Residente nel leccese, aveva atteggiamenti violenti in casa e non ha rispettato le disposizioni del gip

Ragazzo marocchino arrestato due volte a Taviano

Di origine marocchina, ma residente a Taviano, in provincia di Lecce, Zakaria Kadim è finito in manette per la seconda volta. Su di lui pendeva un'ordinanza di allontanamento dalla casa familiare insiema a quella della custodia cautelare in carcere. Già conosciuto dai carabinieri per atteggiamenti violenti nei confronti dei suoi famigliari, il gip di Lecce, aveva emesso un’ordinanza che disponeva l’allontanamento dalla casa familiare.

Ma il divieto non è stato rispettato e il ragazzo dopo essere tornato a casa ha schiaffeggiato il fratello più piccolo, difeso dal padre, anche lui strattonato. I genitori disperati si sono rivolti nuovamente alle forze dell'ordine e Zakaria è stato arrestato per violazione di domicilio aggravata e rinchiuso in carcere. Per poi essere condannato a sei mesi e rimesso in libertà.

Kadim non è nuovo agli onori della cronaca, proprio un anno fa quando per paura di essere scoperto in possesso di marijuana dai carabinieri che stavano entrando in casa, ha lanciato la bustina di cellophane contenente la droga, senza sapere, però che sotto casa sua c'erano altri carabinieri che si sono visti arrivare , proprio davanti agli occhi, la droga.

Caricamento...

Commenti

Caricamento...
Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento