Orrore a Reggio Emilia. "Il viso le grondava di sangue": così l'ha pestata e poi stuprata

Mentre sono ancora in corso le ricerche per identificare il responsabile emergono nuovi dettagli sull'orribile stupro ai danni di una 22enne

Nuovi dettagli sull'orribile stupro avvenuto domenica sera nella periferia di Reggio Emilia, in via Petit Bon. Il responsabile - che potrebbe essere un uomo sulla trentina dell'Europa dell'Est - avrebbe aggredito la 22enne alle spalle mentre questa passeggiava vicino a un campo da baseball. Subito dopo, per immobilizzarla, l'avrebbe pestata tirandole un pugno in faccia e l'avrebbe poi letteralmente trascinata dietro un cepusglio per abusare di lei.

Il racconto choc dei genitori

I genitori della vittima hanno rilasciato alcune dichiarazioni al Resto del Carlino che fanno luce sulla vicenda che sta scuotendo la città emiliana, e non solo, in queste ore. "Abbiamo sentito squillare al campanello in modo forsennato. Era nostra figlia. Ci siamo chiesti come mai fosse già tornata, pochi minuti dopo essere uscita per la passeggiata che è solita fare nel quartiere", racconta la madre della 20enne. Poi, quando le aprono, si apre davanti ai loro occhi un'immagine che difficilmente potranno dimenticare. "Aveva il volto ricoperto di sangue. Piangeva e tremava. Era in stato confusionale. Pensavo che avesse avuto un incidente stradale. Poi ci ha detto: ‘Mi hanno violentata' ".

"Le hanno rovinato la vita", sbotta poi il padre di lei con la voce che gli trema. E aggiunge: "L’hanno aggredita da dietro. Quel balordo ha abusato di lei. Una violenza completa". L'uomo poi parla anche delle botte subite dalla ragazza:"Nostra figlia è stata anche picchiata: ha il naso rotto, il labbro tagliato, lividi sul collo, i graffi dei rovi sul corpo".

La ragazza, secondo quanto riportato dalla Gazzetta di Reggio, era solita fare la passeggiata ogni sera intorno alle 21. Un'abitudine che aveva soprattutto d'estate. Probabilmente, quindi, l'aggressore quella sera la stava aspettando nascosto tra le piante, dove poi l'ha stuprata brutalmente. La giovane, ancora sotto choc, sarà sentita in queste ore dalla forze dell'ordine. Presto, invece, saranno visionate anche le immagini delle telecamere di sorveglianza del quartiere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Mar, 24/07/2018 - 10:54

si dice che fuggono da guerre e dalla fame..ma ciò che spinge lo straniero ad arrivare qui è il paradiso che la sinistra gli ha promesso. in africa chi parte è spesso benestante incline all'AVVENTURA e alla violenza, ma la sinistra non lo vuol capire. è dunque complice morale di questi fatti e colpevole per la sua ignoranza.

robby82

Mar, 24/07/2018 - 11:17

Sono di Reggio Emilia, qui e un vero schifo clandestini ad ogni metro a chiedere l'elemosina, parcheggiatori abusi (maleducati ed arroganti) ad ogni parcheggio (ovviamente sono dei clandestini). Di sera non si può più uscire di casa che ti rapinano per strada o peggio ancora che ti violentano! furti in abitazioni anche di giorno!quando vengono presi rilasciati 2 giorni dopo! SECONDO VOI IL SINDACO/COMUNE FA QUALCOSA???? NON DIREI PROPRIO. Vorrei fare i complimenti al ex sindaco Delrio ed al nuovo sindaco Vecchi per come sta andando la città! ormai non siamo più sicuri neanche in casa nostra!! MA NESSUNO FA NIENTE!!! PER IL NOSTRO SINDACO/COMUNE E' TUTTO OK Questi sono i risultati nel votare per la sinistra, bravi complimenti continuate cosi.

CidCampeador

Mar, 24/07/2018 - 11:56

vediamo se franceschiello soffre per quello che e' successo a questa poveretta, dimenticavo e italiana pertanto si merita la punizione. FINO A QUANDO DOBBIAMO SOPPORTARE

gneo58

Mar, 24/07/2018 - 12:21

e' notizia di qualche giorno fa he un pedofilo uscito di galera e tornato a casa........

titina

Mar, 24/07/2018 - 12:28

Se non li vogliamo danno la colpa a Salvini coloro che camminano con le scorte pagate da noi.

emigrante

Mar, 24/07/2018 - 12:34

Tutta la mia solidarietà alla vittima dell'aggressione e alla sua famiglia. Per il Signor Ateius: la nostra crescente ripulsa per quanto gli arrivi clandestini dall'Africa (e dall'Asia prossima e lontana) ci procura, non deve però farci dimenticare la Geografia. L'Europa dell'Est, in questi casi, significa in genere Romania o Ucraina.