Bologna, Renzi alla festa dell'Unità. Qualche tafferuglio fuori dal parco

Una quarantina di manifestanti all'arrivo del presidente del Consiglio. I sostenitori: "Fai piazza pulita della minoranza"

Manifestanti contestano Renzi alla Festa dell'Unità a Bologna
Manifestanti contestano Renzi alla Festa dell'Unità a Bologna

È arrivato a metà pomeriggio il presidente del Consiglio, atteso al Parco della Montagnola a Bologna, dove è in corso la Festa dell'Unità.

L'arrivo di Matteo Renzi è stato accompagnato da qualche problema fuori dal luogo della manifestazione, con una quarantina di esponenti dei collettivi che hanno cercato di entrare. La polizia ha risposto con una breve carica e ha fermato un manifestante. A protestare fuori dal parco anche una ottantina di militanti dei Cobas scuola, posizionati davanti a un altro accesso.

"So che ci sono persone che mi vogliono contestare sulla scuola e sono pronto a incontrare chiunque ma libertà è rispondere con un sorriso a chi contesta e dire che non ci facciamo certo spaventare da tre fischi: abbiamo il compito di cambiare l’Italia e la cambieremo, di non mollare e non molleremo", ha replicato Renzi, "Cari democratici, prendiamoci un impegno: non ci fermeremo a cento metri dal traguardo. Taglieremo il traguardo sulla legge elettorale, le riforme, sulla necessità di dare più soldi alla scuola pubblica e lo faremo senza dare a nessuno il diritto con un fischio di bloccarci. Sulla scuola abbiamo fatto l’investimento più grande: tre miliardi. Vogliamo discutere chi bisogna assumere? Parliamone ma non consentiremo a nessuno di negare la realtà. Se il ddl la buona scuola passa 100mila insegnanti entreranno, se non passa continuerete a fischiare. Questa è la differenza".

"Schiaccia la testa agli elefanti", ha chiesto invece un sostenitore al premier, riferendosi alla minoranza del Partito Democratico. "Io non schiaccio la testa a nessuno, ma non mollo", ha commentato il presidente del Consiglio.

Commenti