Rimini, bloccata nel traffico, partorisce in ambulanza

Il traffico di Rimini le ha impedito di arrivare in tempo in ospedale per dare alla luce Steven. Il piccolo è nato in ambulanza grazie al tempestivo arrivo del 118

Rimane bloccata nel traffico di Rimini ed è costretta a partorire a bordo di un'ambulanza giunta sul posto. Protagonista una mamma 31enne che, qualche giorno fa, ha vissuto quest'esperienza tra le strade del capoluogo romagnolo.

Della vicenda si è avuta notizia oggi perchè, come riportato dal Resto del Carlino, mamma Corinne ed il marito Pierangelo hanno deciso di raccontare la loro storia per ringraziare il personale del 118 e in particolare Donatella Gorini, l’infermiera che si è improvvisata ostetrica ed ha fatto nascere il bambino, oltre a tutto il reparto di ostetricia e il Dott. Meloni dell'ospedale Infermi di Rimini dove sarebbe dovuto nascere il piccolo Steven.

In preda alle doglie ed alle contrazioni era stata subito accompagnata dal marito in ospedale rimanendo incastrata nel caotico traffico riminese e rischiando di far nascere il bimbo dentro l'auto. "Eravamo letteralmente bloccati sulla statale – racconta Corinne – Data l’emergenza mio marito ha chiamato il 118. Pochi minuti dopo erano già lì ed un angelo in camice mi ha aiutato a partorire Steven in ambulanza".

ll bimbo è nato venerdì 29 novembre. "Sta benissimo, pesa 3 chili e 260 grammi, cresce in salute ed io non potrei essere più felice di così. Ma quel giorno ce la siamo vista molto brutta - ha raccontato Corinne. L'ambulanza è arrivata subito, il piccolo aveva fretta di nascere e così il personale sanitario ha deciso per il parto sul posto. L’infermiera è stata bravissima, sapeva cosa fare e non ha avuto un attimo di esitazione. Ha avuto anche la prontezza di girare il cordone ombelicale. In mezz’ora ho partorito sull’ambulanza", ha aggiunto.

Il parto è avvenuto nella zona del tribunale, a meno di due chilometri in linea d’aria dall’Infermi. Appena Steven è venuto alla luce l’ambulanza è ripartita, destinazione ospedale. Corinne ed il bambino stavano benissimo. Commovente l'incontro successivo con l'infermiera Donatella. "Ci siamo abbracciate, è stato un bellissimo momento" ha detto Corinne. La mamma ed il piccolo sono già a casa da giorni. "Un giorno racconterò a mio figlio la sua avventurosa nascita. Non dimenticheremo mai la nostra incredibile esperienza".

Corinne e Pierangelo hanno anche una figlia di cinque anni di nome Celine. "E’ stata lei a decidere il nome del fratellino". In questa vicenda a lieto fine, il caso ha voluto che Steven fosse anche il nome del marito dell’infermiera che ha aiutato Corinne a partorire. Proprio un segno del destino.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Romalupacchiotto

Mer, 11/12/2019 - 15:35

Auguri piccolo Steven e tanta felicità a tutta la famiglia.