Rissa alle Poste, arrestato candidato sindaco No Vax

Ugo Rossi, aspirante sindaco di Trieste per il Movimento 3V, è stato coinvolto in una colluttazione fuori da un ufficio postale. A scatenare il parapiglia, una mascherina non indossata. Un carabiniere è stato ferito e trasportato in ospedale

Rissa alle Poste, arrestato candidato sindaco No Vax

"Vaccini vogliamo verità". È lo slogan che ha dato il nome ad un movimento di ostinati No Vax e che oggi esprime un candidato sindaco a Trieste, Ugo Rossi. Oggi Rossi è stato arrestato dopo una colluttazione in cui un carabiniere è stato ferito. Pare che a scatenare il parapiglia sia stata, secondo le prime ricostruzioni, una discussione sulle mascherine sfociata in rissa.

Trieste, mezzogiorno circa. In un ufficio postale una signora di mezza età, candidata nella lista guidata da Rossi, chiede di effettuare il pagamento di alcune bollette allo sportello. Non indossa la mascherina, asserendo di essere affetta da una patologia che la dispensa dall'obbligo di utilizzo nei locali chiusi. Da questo punto, la versione della donna e quella degli impiegati divergono. Questi sostengono di avere permesso alla signora di effettuare l'operazione, mentre l'aspirante consigliera comunale racconta di essere stata insistentemente richiamata dal direttore ad utilizzare il dispositivo di protezione individuale. A un certo punto, il computer si sarebbe bloccato e la donna avrebbe chiesto di riavere indietro i propri documenti, senza capire se il pagamento fosse andato a buon fine.

Sarebbe stato proprio il direttore a chiamare i militari. Perché nel frattempo la questione si era allargata agli altri clienti e la discussione si era spostata fuori dall'ufficio. Qui compare, evidentemente allertato da qualcuno, proprio Ugo Rossi, che immediatamente avvia una diretta Facebook per immortalare ciò che sta accadendo: "Basta, alziamo la testa, questa è una vergogna. Non è possibile che la polizia intervenga per delle mascherine. Votatemi e toglierò tutto questo", ha affermato di fronte alla fotocamera il candidato sindaco No Vax. Che poi, non contento, ha aggiunto: "Quando sarò sindaco farò una bella ordinanza e i carabinieri seguiranno i miei ordini". Dalla discussione si è passati alla collutazione, che è finita con un carabiniere trasportato via in ambulanza e Rossi in manette: le accuse sono oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate.

Commenti