Cronache

Rom ricattano anziano con video hard in cambio di soldi

Un 74enne di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna, è stato raggirato da tre truffaldine romene che hanno provato ad estorcergli 5mila euro con un ricatto a sfondo sessuale. Per due di loro sono scattate già le manette con l'accusa di furto aggravato e tentata estorsione

Rom ricattano anziano con video hard in cambio di soldi

Due donne rom sono state arrestate per una estorsione a sfondo sessuale ai danni di un 74enne di Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna. Una terza complice della cricca truffaldina è ancora ricercata.

Lo avevano adescato all'esterno di un supermercato, avvicinandolo con una scusa banale. Poi le avances, le provocazioni e, infine, la proposta indecente: andiamo a casa tua? Così, le tre lestofanti romene si sono proposte ad un anziano signore casalecchiese in cambio di cospicue somme di danaro. Stando a quanto riferisce il quotidiano online Imolaoggi.it, i fatti risalgono allo scorso agosto ma, soltanto nella giornata di oggi, sono scattate le manette per due delle tre romene coinvolte nella truffa.

Il raggiro è cominciato una mattina d'estate, all'uscita di un ipermercato. Il settantaquattrenne, presumibilmente compiaciuto dalle lusinghe dell'infido trio, si è lasciato sedurre ed ha accettato l' invito a trascorrere qualche ora in loro compagnia nel suo appartamento. Da quel giorno, si sono ripetuti incontri hot e ménage à quatre, al termine dei quali l'anziano avrebbe esborsato un bel po' di contanti alle sue intrattenitrici. Ma era solo il preludio di una truffa pianificata a regola d'arte.

Dopo una breve frequentazione, a fine agosto, le tre rom hanno ricattato l'ignaro casalecchiese con un presunto filmato "a luci rosse", di cui ne sarebbe stato protagonista, chiedendo una somma di riscossione per il video pari a 5mila euro. Spaventato dall'idea che la registrazione potesse finire sul web, il settantaquatrenne ha provato a liquidare la faccenda con 600 euro. Insoddisfatte dell'offerta, le lestofanti hanno rifiutato la cifra. A quel punto, l'anziano è stato costretto a denunciare i fatti alle autorità. Era chiaro, ormai, che si trattasse di un ricatto bello e buono.

romi 18 anni

rom 41 anni

Così, i carabinieri di Borgo Panigale hanno avviato una lunga serie di attività investigative, volte a risalire all'identità delle tre donne accusate di furto aggravato e tentata estorsione. Dunque, nella giornata di oggi, sono scattate le manette per S.M., di anni 41 e M.C. Di anni 18, entrambe di nazionalità romena. I provvedimenti di misura cautelare sono stati emessi dal pm Flavio Lazzarini, e controfirmati dal Gip. Adesso, è caccia al terzo membro della cricca di truffaldine.

Commenti