Roma, molestie sul bus: arrestato un 54enne

Dopo un primo momento di panico che le paralizza, le due adolescenti riescono prontamente a fotografare l’uomo prima che fugga dal bus: determinante per l’identificazione e l’arresto

Tanta paura per due ragazzine di Roma, che questa mattina si sono presentate a scuola in evidente stato di panico. Un’agitazione così palese da allertare gli stessi docenti, che si sono subito presi cura delle giovani ed hanno provveduto ad avvisare le famiglie e le forze dell’ordine.

Finalmente al sicuro, le due adolescenti hanno raccontato il brutto episodio vissuto durante il tragitto che sono abituate a percorrere ogni mattino per raggiungere la scuola.

Si trovavano sedute in autobus, quando sono state avvicinate da un uomo che da subito avrebbe tentato di attaccar bottone con loro. Qualche vaga chiacchiera, poi le allusioni sulla pericolosità odierna dei mezzi pubblici ed il rischio di venire derubati, infine il vero e proprio attacco.

Dalle parole, l’uomo sarebbe passato ai fatti, molestando sessualmente ed in modo decisamente esplicito le due.

Rimaste inizialmente spiazzate e senza parole a causa dell’accaduto, le giovani sono riuscite ad avere una prima reazione gridando, cosa che ha spinto il molestatore a precipitarsi verso le portine del mezzo pubblico per trovare una via di fuga; prima che ciò avvenisse, sono state comunque pronte a scattargli una foto per un’eventuale sua identificazione.

Ed è proprio grazie a questa, unita alle loro testimonianze, che la Polizia è riuscita ad individuare ed ad ammanettare il responsabile delle molestie: si tratta di un volto già noto alle forze dell’ordine, un 54enne con precedenti di violenza sessuale ed atti osceni. È stata quindi emessa ai suoi danni un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di violenza sessuale, già messa in atto questa mattina.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.