Rossi e Nardella: "I profughi ripuliscano Firenze"

Dopo il nubifragio di ieri, Firenze torna alla normalità e si contano i danni. Rossi e Nardella chiedono lo stato d'emergenza. E spunta l'ipotesi di far ripulire agli immigrati

Rossi e Nardella: "I profughi ripuliscano Firenze"

Lo aveva proposto già tempo fa Angelino Alfano: usare gli immigrati per i lavori socialmente utili. E ora l'idea spunta anche nella gestione dei danni causati dal nubifragio di ieri a Firenze, dove il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e il sindaco Dario Nardella hanno annunciato per domani la dichiarazione di stato di emergenza.

Tra le ipotesi esaminate dai due e dall'unità di crisi convocata a palazzo della Signoria, c'è anche quella di utilizzare i profughi ospitati in Toscana per i primi interventi di pulizia e ripristino, utilizzando anche la convenzione attivata con Inail per l’assicurazione per lavori di pubblica utilità. Tecnici comunali e regionali ne stanno esaminando la fattibilità.

Continuano intanto i sopralluoghi per valutare i danni e individuare i primi interventi. Nei prossimi giorni si procederà una stima più puntuale dei danni.

Commenti