Sesso sulla spiaggia libera: ragazzi prendono a sassate la coppia

I commenti a margine del video, che ha ricevuto centinaia di condivisioni sui social, sono tra i più disparati, anche se a prevalere è l’indignazione e l’amarezza per l’accaduto

Sesso sulla spiaggia libera: ragazzi prendono a sassate la coppia

Il video ha fatto il giro dei social network, diventando virale in breve tempo. Un giovane di Salerno ha filmato la scena di due ragazzi intenti a fare sesso sugli scogli di una spiaggia libera del lungomare salernitano. La coppia, incurante delle tante persone presenti, ha cominciato prima con delle effusioni, sempre più calorose, per poi inscenare un amplesso davanti agli sguardi stupiti dei bagnanti. Alcuni ragazzini, a quel punto, hanno lanciato pietre, una vera e propria sassaiola ai danni dei malcapitati.

Il giovane che ha postato il video sul suo profilo Facebook ha commentato: “Alla spiaggia libera oltre agli assembramenti ci sono persone che fanno sesso davanti a bimbi e persone anziane. In tutto ciò alcuni ragazzini decidono di colpirli con le pietre. Il degrado non ha più confine, spero che almeno qualcuno dell’amministrazione oltre a gioire delle chiusure dei locali s’interessano all’accaduto. Più passa il tempo e più mi sento preso in giro e stupido”.

I commenti a margine del video, che ha ricevuto centinaia di condivisioni, sono tra i più disparati, anche se a prevalere è l’indignazione e l’amarezza per l’accaduto. Messaggi negativi sia per la sfrontatezza della coppia, che ha mostrato di non avere pudore e buon senso, sia per il gesto dei ragazzini, violento e gratuito.

La notizia, dopo che è stata pubblicata da diversi giornali online del Salernitano, è finita anche su Dagospia. Un mese fa, un’altra coppia è stata beccata a fare sesso ai giardini Madre Teresa di Torino. Un residente ha ripreso una coppia intenta a consumare un rapporto sessuale. Il video venne diffuso da alcuni media. Dopo l’avvio delle indagini da parte della polizia fu rintracciata la coppia, due cittadini romeni, denunciati per atti osceni in luogo pubblico, con l’aggravante di aver commesso il fatto in luoghi frequentati dai minori.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?