Salvati 200 clandestini in mare. Salvini: "Coi porti aperti aiutano scafisti"

La guardia costiera libica recupera 200 clandestini nel Mediterraneo. Salvini sferza la sinistra: "Chi vuole porti aperti aiuta gli scafisti"

Mentre la Sea Watch 3 è ancora ferma a Licata e la "nave civetta" Josefa pattuglia le coste libiche alla ricerca di gommoni da segnalare, è la guardia costiera libica a recuperare 200 migranti clandestini che - a bordo di due imbarcazioni di fortuna - navigavano verso Nord, puntando dritto verso l'Italia.

A rivelarlo è il Ministero dell'Interno che ha diffuso anche le immagini del salvataggio. Tre scatti dall'alto che mostrano due barchini - poco più che gommoni - carichi di persone e che difficilmente sarebbero riusciti ad arrivare al di là del mare senza rischiare di affondare.

"200 clandestini su due gommoni recuperati dalla Guardia Costiera Libica, altri due barconi in navigazione verso Nord", dice Matteo Salvini. E il ministro punta il dito direttamente contro buonisti, radical chic e sinistra che contesta la sua politica contro l'immigrazione clandestina. "Chi parla di 'porti aperti' aiuta gli scafisti e condanna a morte migliaia di persone", dice il vicepremier e leader del Carroccio, "Col voto alla Lega domenica garanzia di porti chiusi non solo in Italia ma in tutta Europa".

Commenti

kennedy99

Gio, 23/05/2019 - 16:58

la parola del titolo è giustissima clandestini e non migranti come vengono sempre chiamati. migrante è una persona che si sposta da un paese all'altro con documenti in regola e contratto di lavoro. e non come fanno questi signori senza documenti e facendosi mantenere.