San Patrignano critica la Cassazione sulla cannabis: "Ora sembrerà innocua"

La Comunità che lotta contro le dipendenze: "C'è preoccupazione. La decisione potrebbe avere conseguenze negative sul nostro sistema sociale"

C'è preoccupazione nelle parole della Comunità di San Patrignano, che ha commentato la decisione della Corte di Cassazione sull'uso della cannabis a scopi personali.

La Cassazione, infatti, aveva giudicato possibile coltivare la cannabis in casa, sostenendo che tale pratica non costituisse rato. In merito a questa decisione, la Comunità di San Patrignano ha riferito in una nota: "Esprimiamo la nostra più viva preoccupazione per le eventuali conseguenze che, da questa decisione, si potrebbero riverberare negativamente sul nostro sistema sociale". Secondo quanto riferisce la Comunità di recupero da dipendenze, aver reso lecita la possibilità di coltivare la sostanza stupefacente in un ambiente domestico "inciderà negativamente sull'educazione dei minori che cresceranno, sempre di più, nella convinzione che l'utilizzo di cannabis sia innocuo e socialmente condiviso nello strisciante e progressivo percorso verso la legalizzazione che da anni è ormai in corso nel nostro Paese". Il rischio è che i giovani sottovalutino le conseguenze dell'uso della cannabis, nonostante "le evidenze scientifiche hanno ormai ampiamente dimostrato le conseguenze negative sulla salute della popolazione e, in particolare, sullo sviluppo cerebrale in età evolutiva".

Inoltre, San Patrignano sottolinea il paradosso derivato dalla sentenza di Cassazione: "Mentre i Tribunali dei Minori continueranno ad emettere sentenze di allontanamento di adolescenti da genitori tossicodipendenti a causa della loro incapacità educativa, il ramo superiore della Magistratura ritiene invece lecito che un genitore coltivi e consumi una sostanza stupefacente in casa in presenza dei propri figli".

La Comunità ricorda la Convenzione sui diritti dell'Infanzia approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1989, in cui si stabiliva che gli Stati dovessero adottare "ogni adeguata misura, comprese misure legislative, amministrative, sociali ed educative per proteggere i fanciulli contro l'uso illecito di sostanze stupefacenti e di sostanze psicotrope, così come definite dalle Convenzioni internazionali pertinenti e per impedire che siano utilizzati fanciulli per la produzione e il traffico illecito di queste sostanze".

Infine, San Patrignano solleva anche il problema legato ai casi di intossicazione di minori "che ingeriscono sostanze stupefacenti di ogni genere detenute in casa (frequentemente anche cannabis), nonché la esponenziale crescita di casi di accesso al pronto soccorso di adolescenti colpiti da attacchi di panico e ansia provocati dal consumo di cannabis, continuamente denunciati da autorevoli esponenti della neuropsichiatria". Nell'attesa di venire a conoscenza delle motivazioni che hanno guidato la Cassazione verso la svolta della sentenza, la Comunità confida "in quella parte delle Istituzioni e del Paese in cui prevalgano ancora i valori e i principi alla base di una corretta educazione che possa garantire agli adolescenti e a tutti noi di crescere e vivere in una società libera dalla droga e da tutte le forme di dipendenza".

Commenti
Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Ven, 27/12/2019 - 14:07

Di sicuro NON e' innocuo , l'alcool ,venduto ad ettolitri ed incentivato dalla pubblicita',e causa di migliaia di vittime all'anno . Quindi a chi continua a chiosare di cannabis non posso che dire..PAGLIACCI .

lorenzovan

Ven, 27/12/2019 - 14:22

cicciomessere..a san patrignano temono verranno mancare una parte di contributi statali....

Ritratto di Lucio Flaiano

Lucio Flaiano

Ven, 27/12/2019 - 14:23

Lucio Flaiano. Cassazione per l"uso personale di cannabis (cannatris, cannaquater...). Summum ius summa iniuria.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 27/12/2019 - 14:37

...."inciderà negativamente sull'educazione dei minori che cresceranno, sempre di più, nella convinzione che l'utilizzo di cannabis sia innocuo e socialmente condiviso nello strisciante e progressivo percorso verso la legalizzazione che da anni è ormai in corso nel nostro Paese"....Certo,minori in assenza oltretutto guida parentale!

giovanni235

Ven, 27/12/2019 - 14:37

Sarei curioso di conoscere il risultato di un test antidroga fatto a questi giudici.Potrebbe essere la spiegazione di tante sentenze cretine.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Ven, 27/12/2019 - 14:42

Il nostro sistema legale, a differenza di quello di altri paesi, da alla magistratura il potere di giudicare secondo le leggi fatte dal parlamento; la cassazione non può sostituirsi al parlamento, anche se i giudici di cassazione sono persone antropologicamente superiori. Gli alcolici sono una piaga sociale che si sta cercando di contenere sempre di più, ma non perché da migliaia di anni consumiamo alcolici allora dobbiamo accettare l'uso degli stupefacenti.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Ven, 27/12/2019 - 14:58

È da ipocriti stracciarsi le vesti per chi ubriaco di alcool e stupefacenti investe e uccide con l'auto due ragazzine che attraversano follemente una strada contro ogni norma di buon senso e poi sentire gli ermellini che giustificano la produzione di stupefacenti; mi viene da chiedere se pure le ragazzine fossero sotto effetto di stupefacenti visto che questo è ormai un comportamento accettabile. Ormai siamo un popolo di adulti-idioti non più in grado di indirizzare i nostri ragazzi.

GovernoTecnico

Ven, 27/12/2019 - 15:04

Destra ipocrita cannabis no ma alcol e tabacco si

diegom13

Ven, 27/12/2019 - 15:12

@theRedPill: non gli alcolici, ma l'abuso di alcolici. Come tutti gli abusi. E se, come dice lei, è sempre più una piaga forse bisognerebbe concentrarsi ai motivi per cui nelle nostre società si cerchi sempre più una fuga negli eccessi.

Bodrus

Ven, 27/12/2019 - 15:13

sempre stato di destra ma anche obiettivo e onesto intellettulmente ... "le canne" non devono essere demonizzate non sono peggio dell'alcool e del tabacco .. anzi .. benvenga questa nuova sentenzxa della cassazione , tanto piu che la repressione non funziona minimamente.. se libberalizzassero l'hashish e "le signorine" l'italia supererebeb gran parte dei probelmi di bilancio ...

Bodrus

Ven, 27/12/2019 - 15:15

redèpill tu non devi accettare nulla , l'erba è com,e il tabacco si secca e si fuma ... ti pare che uno deve andare in galera per una cxxxo di piantina .. a me sembra ridicolo ... benvenga la decisione tu educa i tuoi figli e non fumare se non vuoi io fumo e rimango di destra !

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Ven, 27/12/2019 - 15:18

ah ah ah tutti i fattoni si faranno venire il pollice verde, chissà, magari imparano un mestiere e la smettono di farsi

cuoco

Ven, 27/12/2019 - 15:24

E figurati se il vile denaro non faceva aprire la bocca a questi benemeriti che campano sui drammi altrui. Pensano solo al loro interesse. Ma poi non si occupavano di tossici (eroinomani intendo)? Cosa hanno a che fare con gli spinelli? E niente non gli frega a loro dello spaccio, dei minorenni che si suicidano in carcere perché beccati a coltivarla, delle enormi potenzialità di una pianta che l'uomo usa da almeno 3000 anni etc...vigliacchi e farabutti

Marcolux

Ven, 27/12/2019 - 15:26

Per una Magistratura quasi interamente formata, almeno per le cariche che contano, da militanti comunisti post sessantottini, non mi sembra che ci sia da meravigliarsi più di tanto! Questo è solo il primo passo verso la liberalizzazione di tutte le droghe. E' certo poi che con questa gente al "potere" sarà più facile finire sotto un regime islamico che fascista! Gli stiamo spianando la strada.

Marcolux

Ven, 27/12/2019 - 15:28

Questa fogna maleodorante e corrotta che è la magistratura, è il peggior cancro dell'Italia. Se non si guarisce da questo siamo veramente senza futuro e senza speranza.

Giorgio Colomba

Ven, 27/12/2019 - 15:37

Ma il test antidroga prima della sentenza l'hanno fatto alle supreme toghe?

baio57

Ven, 27/12/2019 - 15:55

Che stooooria....

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Ven, 27/12/2019 - 16:05

@diegom13, io non so perché si cerchi sempre più una fuga verso gli eccessi; rimane il fatto che il giudice non può sostituirsi al legislatore; se poi il legislatore, cioè il rappresentante del popolo, decide che assumere stupefacenti è corretto allora va bene, ne accetteremo le conseguenze, ma vorrei che fosse fatto a valle di una discussione più ampia che non un consesso di persone convinte di essere super partes e senza controllo: i giudici devono applicare le leggi esistenti, non introdurne di nuove.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Ven, 27/12/2019 - 16:35

Sempre meglio coltivarsi una piantina sul balcone che andare dallo spacciatore sotto casa. Spero che in breve molti "migranti" nigeriani rimangano senza lavoro!

Ritratto di moshe

moshe

Ven, 27/12/2019 - 16:43

... SALVO POI MASSACRARE CHI GUIDANDO ED AMMAZZANDO DA DROGATO UCCIDE QUALCUNO ... IPOCRITI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

silvano45

Ven, 27/12/2019 - 16:50

Vergognoso che siano ormai le toghe dall'ermellino ormai grottesco ad imporci le regole e non il legislatore votato dai cittadini.Questo esproprio di compiti suona come un offesa o molto altro verso la costituzione.

Ritratto di Zaakli

Zaakli

Ven, 27/12/2019 - 16:54

La libertà è la libertà! Certo, se ci si ubriaca, si fuma, si sniffa e poi si fanno danni le conseguenze potrebbero indurre a riflettere!!! Lo stato non può, e non deve, comprimere la libertà di scegliere e quindi di essere. La droga rispetto all'alcool, che è peggio, ha di "pericoloso" che amplifica e se non si è deficienti... mentre l'alcool rende, esclusivamente, rincoglioniti e manipolabili!!!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 27/12/2019 - 17:17

QUESTA COSA RIPUGNANTE E ABIETTA DIMOSTRA COME SIA SEMPRE PIU' URGENTE UN REGIME CHE METTA IN RIGA LA MAGISTRATURA DEPURANDOLA DALLA IMMONDIZIA COMUNISTA CHE LA INFESTA E LA INDUCE A TOLLEARE L'USO DI DRGOA ED IL TRAFFICO DI BAMBINI ACCADUTO NON SOLO IN EMILIA !!!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 27/12/2019 - 17:21

@ cicciomessere IN PRIMIS INFORMATI BENE PERCHE' GLI EFFETTI DELLA CANNABIS SONO IN MODO CERTO E DOCUMENTATO PEGGIORI DI QUELLI DELL'ALCOOL ETILICO. IN SECUNDIS CERCHIAMO DI LIMTARE IL PIU' POSSIBILE L'ALCOOL NON DI AUMENTARE L'USO DI SOSTANZE NOCIDIVE COME LA CANNABIS. SE GIA' L'ALCOOL HA EFFETTI DEVASTANTI DI CERTO NON C'E' ALCUN BISOGNO DI METTERE IN COMMERCIA UNA SCHIFEZZA ANCORA PEGGIORE COME LA DROGA (QUALSIASI TIPO DI DRGOA CANNABIS E TUTTE LE ALTRE ). IN TERZO LUOGO RAMMENTO CHE DOPO LA SCIAGURATA E CRIMINALE LEGGE RENZIE SULLA CANNABIS LIGHT TUTTE LE DROGHE HANNO AVUTO UN DRASTICO AUMENTO NEI CONSUMI. UNO STATO CHE RINUNCIA A LOTTARE CONTRO LA DROGA RINUNCIA ALLA PUBBLICA SICUREZZA E QUINDI NON MERITA PIU' NEMMENO DI ESISTERE !!!

Holmert

Ven, 27/12/2019 - 17:46

Io ho lottato strenuamente contro la cannabis, ritenendola una sostanza stupefacente a tutti gli effetti. Però,mentre i sinistrati imponevano il loro pensiero favorevole, in TV, sulla stampa, nei convegni scientifici, le cosiddette destre, criticavano ma in silenzio, senza mai esporsi. Droga che fare? Era lo slogan della solita sinistra. Nulla, hanno fatto nulla. Ed ora la droga semplice e composta,dilaga. TANTO VALE VENDERLA NEI SALE E TABACCHI.Ormai quasi tutti i giovani consumano marjiuana,arricchendo le mafie. Tanto vale che si arricchisca lo stato.

Drogba_11

Ven, 27/12/2019 - 17:56

L'Italia è il Paese in europa, insieme alla Francia, in cui è più utilizzata la cannabis. Tanti anni di politiche contro la cannabis non hanno dato risultati (negli anni sono aumentati i consumatori, gli introiti delle mafie e i quantitativi consumati), forse è ora di provare con politiche diverse. Ormai altri Paesi europei e occidentali (Canada e alcuni stati degli USA) hanno intrapreso la strada della depenalizzazione e delle legalizzazione, con risultati positivi. E' utopico pensare di fermare l'uso di sostanze stupefacenti, gli USA hanno speso miliardi con risultati pessimi, per me ha più senso contrastare l'uso e lo spaccio di droghe pesanti e sintetiche. p.s. La marijuana è definita droga leggera perché non porta ad una dipendenza e non provoca la morte.

Holmert

Ven, 27/12/2019 - 18:01

Quando scrivere libri per gli studenti universitari, si stava attenti solo a divulgare scienza e non il pensiero unico, il farmacologo insigne prof. Enrico Adami, autore di un trattato di farmacologia così scriveva a proposito della Cannabis:"l'uso voluttuario della cannabis,se moderato, non dà luogo per lungo tempo a gravi inconvenienti, ma a poco a poco si stabilisce una cannabinomania,con turbe della nutrizione e del sistema nervoso, che sfociano ordinariamente nella pazzia... Usata un tempo come sedativo, antispasmodico ed analgesico è stata abbandonata perché di azione incostante, mal tollerata e di nessuna utilità terapeutica." Altri tempi altra tempra di uomini. Ed ora a chi stiamo in mano? A dei cialtroni?

cir

Ven, 27/12/2019 - 18:09

Basterebbe far studiare nelle scuole il libro " Massoneria e Sette Segrete " di : EPIPHANIUS , per capire come e perche' succedono certe cosa nel mondo.

MOSTARDELLIS

Ven, 27/12/2019 - 18:10

Ma che cavolo c'entra la Cassazione! Queste cose non dovrebbero essere legiferate dal Parlamento? Ma possibile che l'Italia da 30 anni è in mano alla magistratura? Ma che cavolo di paese è questo?

zen39

Ven, 27/12/2019 - 18:40

Si vede che i giudici si erano fatti una canna prima di decidere visto che ci conosce a fondo il problema ha criticato la decisione. La cosa vale ancor di più per politici che anni fa si sono scatenati contro Casini per aver proposto controlli a campione sui parlamentari. Visti i risultati di Casini aveva ragione.

Ritratto di cardillu

cardillu

Ven, 27/12/2019 - 18:45

CI SONO DI SICURO I LORO FIGLI, NON POTENDO SOSTENERLI PUBBLICAMENTE, LO FANNO ISTITUZIONI. VEDIAMO - CHI SOPRAVVIVERÀ - DOVE CI PORTANO QUESTI LUNGIMIRANTI STATISTI.

diesonne

Ven, 27/12/2019 - 19:10

DIESONNE SI SPERA CHE I GIUDICI DI CASSAZIONE COLTIVINO L'ERBA NEI BALCONI DEL PALAZZO DI GIUSTIZIA

Ritratto di renzoditolve

renzoditolve

Ven, 27/12/2019 - 19:18

1)Il successo della Mafie, Criminalità di Al Capone, Scarface: lo dice la storia! Infatti, Scarface iniziò a “governare” il suo impero, investendo i guadagni delle attività illecite in attività legali con un buon aiuto da parte di istituzioni corrotte, per esempio il sindaco William “Big Bill” Hale Thompson Jr. Il tasso di criminalità di Chicago si alzò alle stelle e Al Capone iniziò ad attirare sul suo contro non pochi sospetti, per questo motivo il gangster si trasferì in Florida. In quest’ultima si consumò la “strage di San Valentino” del 1929, quando gli scagnozzi di Al, travestiti da poliziotti, fucilarono sette esponenti di una gang rivale con la scusa di un controllo. Il potere e il “successo” di Al Capone aumentò con la crisi del ’29.Per chi non lo sapesse nel 2016, più di 3 milioni di persone sono morte a causa del consumo pericoloso di alcol nel mondo. A rivelarlo un report presentato oggi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità

lorenzovan

Ven, 27/12/2019 - 19:18

Drogba 11..e tu pensi che gli invasati pensionati lividi e frustrati che scrivono qua' e ritrombettano le parole d'ordine dei loro capi..capiscano anche una sola parola di quello che hai scritto ??? cervelli vuoti che rimbombano i trombettamenti del loro felpino generale

Ritratto di renzoditolve

renzoditolve

Ven, 27/12/2019 - 19:18

2)Mafie, Criminalità di Al Capone, Scarface: lo dice la storia! Un decesso su venti è dunque legato all'alcol e più di tre quarti dei morti sono uomini. Insomma, non vuol dire che la Cassazione faccia un buon Servizio al Paese, anche se capire essendo esponenti di questa Sinistra che per l’Idiota Ideologia Marxista non è mai riuscita e mai riuscirà a trovare la strada della Democrazia e avere una Giustizia giusta! Così naviga nella cloaca Giustizia, applicazioni delle Leggi e sentenze lampo, dopo reati e pestaggi alle Forze delle Forse dell’Ordine quando deve essere esempio non Poliziotti e vederli scarcerati e rimbrotti UE. Ecco, Benedetto Della Vedova: «Si rompe un tabù. Ora andiamo avanti: con la cannabis legale avremmo più sicurezza e miliardi per lo Stato sottratti alla criminalità». https://vincenzoditolve.wordpress.com/2019/12/27/il-successo-della-mafie-criminalita-di-al-capone-scarface-cosa-nostra-lo-dice-la-storia/

libero.pensionato

Ven, 27/12/2019 - 19:19

Ma possibile non si capisce quanto sia pericolosa questa sentenza? ...inoltre per quanto riguarda il consumo con thc basso, anche un bambino capirebbe che con questo sistema tu avvicini la gente alla droga e poi un giorno nascerà la curiosità di farsi una canna anche con thc normale... e da lì cominciano a drogarsi quasi tutti!!! Deve nascere una coscienza verso questo problema altrimenti non ne verremo mai a soluzione...

Ritratto di renzoditolve

renzoditolve

Ven, 27/12/2019 - 19:19

3) Mafie, Criminalità di Al Capone, Scarface: lo dice la storia! Conclusioni lapidarie di Nicola Fratoianni, di Sinistra italiana - leu: «La verità è che prima o poi in Italia bisognerà legalizzare l'uso della cannabis. Ce lo dice l'esperienza di quei Paesi che lo hanno fatto in questi anni, ce lo dice la cattiva esperienza di chi continua ad agitare argomenti inutili e pericolosi». Ultimo è El Chapo con miglia di vittime e un impero da corrompere tutti. Ora. Soggiorna gratis Usa e non nel braccio della morte e presto l’esecuzione. Pensate cosa dicevano “ Noi trafficanti non eravamo contro il Governo. Eravamo noi il Governo” In verità aveva ragione Pietro Nenni: Lo Stato italiano è forte con i deboli e debole coi forti. Per questo la vera Giustizia è fucilarli subito! https://vincenzoditolve.wordpress.com/2019/12/27/il-successo-della-mafie-criminalita-di-al-capone-scarface-cosa-nostra-lo-dice-la-storia/

Klotz1960

Ven, 27/12/2019 - 19:31

Piu' che altro i giudici che hanno scritto la sentenza con il solito linguaggio tecnico, prolisso e ridondante, tipico dell'era bizantina dalla quale non sono mai usciti, nel far riferimento alla limitata quantita' derivante dalla coltivazione individuale, si sono rivelati assolutamente IGNORANTI in materia. Infatti e' noto che da una sola pianta (facilissima da coltivare anche indoor) di circa un metro e mezzo alla fioritura si ottiene un quantitativo sufficiente per un consumo giornaliero di due persone per almeno 6 mesi o di una per circa un anno.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Ven, 27/12/2019 - 19:50

Se avessimo anche noi un Rodrigo Duterte non ci sarebbe alcuna necessità di cedere agli schifosi drogati.

WmatteoSalvini

Ven, 27/12/2019 - 21:08

Se uno non sviluppa la forza dentro di sé per affrontare le difficoltà della vita e pensa di trovare aiuto in qualche sostanza, rimarrà sempre un perdente. Ma come dice mio figlio che ha 15 anni, si tratta di selezione naturale, quindi chi si vuol drogare si accomodi !

silvano.donati@...

Ven, 27/12/2019 - 21:11

giudici irresponsabili !! in un Paese serio verrebbero cacciati a pedate nel sedere !!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Ven, 27/12/2019 - 23:55

Ho il sospetto che questa sentenza sia scaturita in prossimità delle elezioni del 26 gennaio in Emilia, utile a richiamare nuovi bacini di voti a favore dei 5 stelle,i principali promotori che vogliono legalizzare la cannabis.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 28/12/2019 - 09:08

@WmatteoSalvini 21:08...Condivido.Il problema è che in una "società" laddove il "rifugio",o la ricerca dell'"esperienza" droga(dalla più leggera finiscono inevitabilmente alle più pesanti"..),anche il soggetto "normale" finisce per subire gli "effetti collaterali" di tale degrado,come il "fumo passivo".Parafrasando,una cassa contenente 10.000 mele,se una o due sono marce,non ne pregiudica la vendita e la "sostanza",ma se queste diventano 100-1000 è da buttare al macero!Questa "giustizia" favorisce l'aumento delle "mele marce",supportata dalla stragrande maggioranza dei votanti,che ora ancor più offuscati "legalmente" da una sentenza del genere,coltiveranno cannabis e la tendenza in essere,secondo la massima "error communis facit ius"!

kobler

Sab, 28/12/2019 - 21:33

Peccato che è un prete alcolizzato e vuole dare lezione! Sino a prova contraria MAI è morto qualcuno per sola cannabis. Invece per vino e altri alcolici aveta ancorta prove odierne da 2000 anni fa! Statti zitto Patrignao che pensi solo ai soldi che incassi! E' citata in testi antichi come l'unico rimedio a certe malattie e si permette di parlare?

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 29/12/2019 - 12:28

@ Drogba_11 FUMA DI MENO E FATTI NA CAMOMILLA. IN ITALIA LA LOTTA HA FALLITO PERCHE' NON E' MAI STATA FATTA, QUANTO AGLI USA MA CHE CxxxO DI RISULTATI POSITIVI ?? MA QUALI ?? TELO DICO IO QUALI. UN NUMERO ENROMA DI PxxxOIDI CHE VANNO IN GIRO A SPARARE E ADA AMMZAARE LA GENTE STRAFATTI DI CANNABIS E ALTRO !!!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 29/12/2019 - 12:31

@ kobler INVECE DI LEGGERE NOVELLA 3000 LEGGI GLI STUDI MEDICI. MALFORMAZIONI, CANCRO STERILITA' ETC... INOLTRE CI SONO LE MIGLIAIA DI PERSONE MORTE PER COLPA DI IMBECILLI STRAFATTI DI CANNABIS CHE HANNO FATTO INCIDENTI MORTALI O CHE IMPAZZITI HANNO COMMESSO OMICIDI ANCHE IN FAMIGLIA. LA CANNABIS PROVOCA DISTURBI PSICHIATRICI GRAVI ALLUCINAZIONI E SCHIZZOFRENIA NONCHE' DEPRESSIONE. E QUESTE SONO TUTTE COSE CHE PROVOCANO MORTI A BIZZEFFE. INFORMATI INVECE DI SPARARE CxxxxxE A ROTAMAZZA !!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Dom, 29/12/2019 - 14:49

kobler Sab, 28/12/2019 - 21:33 Lei difende questa sentenza strampalata a spada tratta. Le ricordo che tutte le droghe a partire dalla sigarette nuocciono alla salute.Evidentemente per difendere l'operato della Cassazione che ha cassato altri decreti lei fa uso di sostanza psicotrope. Non divulghi un pensiero negativo perché la gente con questa sentenza sarà fuorviata e se lo dice la Corte Suprema mi devo genuflettere:ma quando mai!Pensi e ragioni con la sua testa e dica cosa vuole lei per il suo corpo e cosa posso fare per non ammalarmi:chi si affida a queste sostanze alla fine finirà in queste comunità col cervello spappolato e che alcuni filantropi che credono ancora nell'amore per il prossimo curano persone come lei che pensa che la droga è solo sballo e divertimento.