Cronache

Le trasfusioni di sangue anti-età: l'esperimento fa discutere

La pratica consiste nel prelevare sangue da donatori giovani, tra i 16 e 25 anni, e immetterlo in persone anziane

Le trasfusioni di sangue anti-età: l'esperimento fa discutere

Una trasfusione di sangue per ringiovanire. Non si tratta di fantascienza ma di pura realtà. È lo scopo per cui è nata "Ambrosia", la startup fondata da Jesse Karmazin e operativa a San Francisco e Tampa.

Come racconta La Stampa, gli studi sull'utilizzo del sangue altrui per sconfiggere l'invecchiamento sono iniziati sui topi. Dopo alcuni risultati positivi, Karmazin ha deciso di testare l'esperimento sull'uomo e, afferma, gli effetti sono sorprendenti. La tecnica consiste nel prelevare sangue da donatori con età compresa tra i 16 e 25 anni e immetterlo in soggetti più anziani, rigorosamente oltre i 35 anni. Per la trasfusione di due litri di plasma occorrono circa un paio d'ore, per un costo di 8mila dollari a sessione.

L'ideatore di "Ambrosia" afferma che gli studi condotti sui primi 70 clienti, quasi tutti manager della Silicon Valley, sono sorprendenti. Alcuni pazienti hanno visto miglioramenti nei biomarker di malattie come il cancro, riporta l'inviato del giornale torinese, i problemi cardiaci e l'Alzheimer, mentre i capelli di uno di loro sono tornati dal bianco al nero. È però da verificare l'attendibilità scientifica degli esperimenti, visto che diversi medici ritengono si tratti di un effetto placebo.

Commenti