Sassari, nel carcere dei terroristi islamici nessun agente parla arabo

Viaggio all'interno dell'area in cui sono imprigionati i detenuti più pericolosi ma non c'è neanche un imam a fermare il proselitismo

Nella quarta puntata della serie prodotta da Repubblica Tv e Visualdesk in collaborazione con l'Associazione Antigone, "Prigioni d'Italia" entra all'interno del carcere di Sassari dove sono detenute persone accusate di terrorismo islamico.

Nella sezione di alta sicurezza, i presunti terroristi sono isolati dagli altri detenuti, anche quelli di religione musulmana, e sottoposti a rigidi controlli. Alessio Lupino, agente di polizia penitenziaria, racconta: "Hanno due ore, una al mattino e l'altra al pomeriggio, in cui possono usufruire del cortile. E poi alcune ore di socialità. In quei momenti fanno quello che vogliono, non ci sono limiti di comunicazione tra l'uno e l'altro".

E aggiunge: "Qui però nessun agente capisce l'arabo. Sarebbe importante per capire eventuali segnali da parte di soggetti indottrinati. Manteniamo comunque gli occhi aperti, soprattutto quando ci sono attentati. Ad oggi non è mai emerso che qualcuno abbia esultato".

Per ovviare questo problema sarebbe necessaria la presenza di un imam durante la preghiera, così come avviene nel carcere Regina Coeli a Roma e in quello delle Vallette a Torino, ma i momenti di preghiera sono gestiti dai detenuti stessi quindi, spiega Tiziana Renzi, educatrice del carcere, "non abbiamo gli strumenti per valutare se si tratta di una nostra paura o se abbiamo a che fare con una persona realmente pericolosa".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 24/11/2016 - 18:23

Devono loro integrarsi. Imparino l'italiano.

blackindustry

Gio, 24/11/2016 - 19:01

Italiani organizzatissimi come sempre...