La polemica in Svizzera: "Piste chiuse a sciatori? Allora via i frontalieri"

Il consigliere nazionale della Lega dei Ticinesi attacca il premier Giuseppe Conte: "Se si preoccupa tanto dei turisti che potrebbero infettarsi sulle piste inizi a tenere a casa i frontalieri che ogni giorno varcano il confine per lavorare"

Il Coronavirus deve fermare gli sciatori, ma non i frontalieri? Nuova polemica al confine italo svizzero. Si parla molto in queste settimane di ciò che, a causa della pandemia da Covid-19, sarà possibile o non sarà possibile fare in occasione delle festività natalizie e, come è noto, si parla molto anche della stagione sciistica e della chiusura o meno degli impianti di risalita in Italia e negli altri paesi del continente.

Lorenzo Quadri, consigliere nazionale della Lega dei ticinesi, ieri ha pubblicato in prima pagina sulle colonne del Mattino della domenica, settimanale da lui diretto, un articolo intitolato "Giuseppi, va’ a … sciare!", corredato dall’occhiello "Uhhh, che pagüüüraaa! Il premier italiano non eletto minaccia la Svizzera" e da una foto del premier Giuseppe Conte che con gli sci ai piedi fa un bel ruzzolone.

Il politico elvetico sostiene che sia curioso che “Giuseppi” (come chiama sempre il premier) si preoccupi dei turisti italiani che potrebbero contagiarsi sulle piste svizzere mentre ogni giorno fanno la spola tra l’Italia e il Canton Ticino migliaia di lavoratori. “Però i 70mila frontalieri, di cui almeno la metà di troppo – scrive – devono poter entrare tutti i giorni in Ticino! Perché non comincia a tenere a casa questi suoi concittadini?”.

E comunque, continua l’esponente della Lega dei Ticinesi, se si permette agli italiani di spostarsi solo per motivi lavorativi e per altre urgenze, il turismo in Svizzera non potrebbe neppure essere possibile. Quindi, si chiede il giornalista, dove sta il problema se gli impianti di risalita in Svizzera, o in qualsiasi altro paese straniero, sono aperti?

Quadri non ha dubbi: il problema non sono le stazioni da sci aperte nel suo Paese, ma lo sono le frontiere elvetiche spalancate. E punta il dito contro i controlli che, secondo lui, non vengono fatti e contro il governo federale. “I 70 mila frontalieri – afferma – entrano tutti da zone dove i contagi sono ben più alti che da noi (Como e Varese)”.

Alla fine suggerisce una soluzione. “Quindi, facciamo così: apriamo le piste da sci e chiudiamo i confini con il Belpaese. Ovviamente i 70mila e passa frontalieri perdono il lavoro all’istante. Ma a trovargliene un altro in patria ci pensano “Giuseppi” e “Giggino”. Vero?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di venividi

venividi

Lun, 30/11/2020 - 16:33

Beh, ha ragione. Conte vuole la botte piena ed la moglie ubriaca. Sciare con l'abbigliamento solito - come dice Tomba - evita sicuramente i contatti Basta aprire le piste da noi e bloccare gli assembramenti dopo-sciistici che sono quelli pericolosi.

rudyger

Lun, 30/11/2020 - 16:43

Certo al CTS non interessa questo aspetto. Giuseppi che è - dice - di essere un politico vediamo come se la sbriga.

roberto67

Lun, 30/11/2020 - 17:04

Lui usa la logica, senza considerare che le richieste del nostro governo sono più politiche che logiche, con il risultato che per ridurre i contagi si è fatto ricorso unicamente ad una lista di divieti.

ulio1974

Lun, 30/11/2020 - 17:06

c'è sempre uno più a nord di noi o, in altre parole, c'è sempre qualcuno disposto a darti dell'invasore parassita.

ulio1974

Lun, 30/11/2020 - 17:12

peggio di un bambino di 3 anni.

ulio1974

Lun, 30/11/2020 - 17:18

ah ragione. però andiamo anche a riprendere tutti i miliardi nascosti da delinquenti ed evasori vari.

michelemichelino

Lun, 30/11/2020 - 17:54

A me gli svizzeri stanno quasi tutti simpatici a parte certi politici ticinesi: sarà forse la somiglianza culturale con gli italiani, ma forse è proprio questo che ha fatto si che anche i politici ticinesi non sappiano tenersi la bocca chiusa quando dovrebbero.

Cyroxy80

Lun, 30/11/2020 - 18:02

Basta mettere 10 giorni di quarantena a chi rientra dalla Svizzera o da qualsiasi altro stato estero per motivi diversi dal lavoro; e vediamo chi può permettersi di fare una settimana bianca e 10 giorni di vacanza o di prendere 10 giorni di ferie per farsi la domenica sugli sci. E comunque si potrebbe aprire le piste anche da noi, ma con capienza ridotta al 40-50% per alberghi e impianti di risalita, con i bar/ristoranti/pub sulle piste chiusi e per asporto gli altri.

Enne58

Lun, 30/11/2020 - 18:04

Ragionamento da parastatale che continua a prendere lo stipendio con l'ufficio chiuso

Ritratto di Gabriele184

Gabriele184

Lun, 30/11/2020 - 18:16

Il ragionamento non fa una grinza. Le restrizioni in atto e allo studio in Italia sono irragionevoli e pressoché inutili!

Enricolatalpa

Lun, 30/11/2020 - 19:41

Capisco possa dare fastidio a chi ragiona politicamente, ma Quadri ha assolutamente ragione; la sua logica è inconfutabile! Noi, come sempre, facciamo la figura degli ipocriti, quelli che vogliono la botte piena e la moglie ubriaca. Inoltre, credete che alla compagine di governo possano sfuggire le implicazioni “classiste” che sono intrinseche nel merito del problema? Perseguire il ricco padrone che si può permettere di andare a sciare a Saint Moritz pagherebbe senz’altro elettoralmente...che tristezza!

Enricolatalpa

Lun, 30/11/2020 - 19:46

@Cyroxy80: tu pensi veramente che siamo in grado di controllare tutti quelli che rientrano dalla Svizzera dopo una giornata di sci? I frontalieri sono decine di migliaia; quaranteniamo anche loro? La tua proposta è semplicemente irrealizzabile!

giovauriem

Mar, 01/12/2020 - 10:21

ulio1974 17,06 sono sobbalzato leggendoti! mi sono chiesto: vuoi vedere che sta diventando intelligente? poi hai fatto altri due commenti degni del tuo "pensiero" e mi sono "normalizzato"; sei il classico "patano"!

zena40

Mar, 01/12/2020 - 11:00

"Quindi, facciamo così: apriamo le piste da sci e chiudiamo i confini con il Belpaese. Ovviamente i 70mila e passa frontalieri perdono il lavoro all’istante." Naturalmente si tratta di lavori che gli "svizzeri" non vogliono fare. Come la mettiamo?????????