Scomparsa nel nulla, Gemma torna a casa dopo 7 anni

La storia straordinaria di una cagnolina vagabonda che, scomparsa nel 2014, si è riunita alla sua famiglia il primo giorno del 2022

Gemma è stata riabbracciata dalla sua padrona dopo 7 anni
Gemma è stata riabbracciata dalla sua padrona dopo 7 anni

È sparita nel nulla per sette anni, come inghiottita dalle ombre del lago di Garda bresciano, tra i monti a precipizio dove i suoi padroni l’hanno cercata per mesi prima di arrendersi all’idea di averla persa. Invece dopo 2.702 giorni di buio la piccola Gemma non solo ha ritrovato miracolosamente la strada di casa, ma è stata accolta dalla sua padrona con l’emozione di chi non si è mai assegnata alla scomparsa durante l’ultima maledetta passeggiata nel 2014. E Gemma, inizialmente spaesata, davanti alla sua padrona ne ha riconosciuto l'odore tornando a scodinzolare felice.

La scomparsa durante una passeggiata

La cagnolina, un meticcio, era scomparsa nel settembre del 2014 dal lungolago di Maderno. A ritrovarla, il 31 dicembre, alcuni residenti di Salò che di fronte al Grand Hotel Fasano hanno notato l’animale emaciato e impaurito. Portata alla clinica veterinaria di Cunettone, Gemma è identificata grazie al chip e poi restituita alla proprietaria, Monica Don, di Toscolano (Brescia).

"Non ho mai perso la speranza, ma è un miracolo"

L'avevo cercata per mesi tutti i giorni - ha raccontato incredula Monica -. Ho sempre sperato che tornasse, tanto che non ho mai gettato nè il suo libretto sanitario nè la sua cuccia. Ma questo è un miracolo. Gemma è tornata a casa quando oramai nessuno di noi si aspettava un regalo così grande dalla vita“.

Un meticcio adottato dal canile e fortunato

Nata nel 2010, Gemma è incrocio tra un segugio e uno spinoncino e a casa Don arriva dopo essere stata adottata da un canile. “Si stava lasciando morire perché non voleva stare in gabbia - ha ricordato la padrona -. È sempre stata molto paurosa, per questo il primo anno mi è scappata due volte. Nel settembre del 2014, quando eravamo sul lungolago di Maderno, è scappata come un proiettile spaventata dagli schiamazzi di alcuni ragazzi“. Da allora nessuna notizia fino alla notte di San Silvestro quando è arrivata la chiamata della clinica. Gemma per sette anni ha vissuto all’addiaccio, forse randagia, tra Gardone, Monte Maderno e San Michele. Ma alla fine è tornata a casa, dalla sua Monica, perchè a volte i miracoli avvengono quando meno si aspettano.

Commenti