Le critiche di Salvini: "I delinquenti NoExpo da fermare alla frontiera"

Il numero uno della Lega torna ad accusare il Viminale: "Non può permettersi undici agenti feriti. Arrestare chi gira con le spranghe"

Le critiche di Salvini: "I delinquenti NoExpo da fermare alla frontiera"

Le risposte del Viminale sui fatti di Milano a Matteo Salvini non sono bastate. Il leader della Lega è tornato oggi ad attaccare la gestione della manifestazione del Primo maggio, invitando di nuovo "i milanesi perbene" a riunirsi davanti al Comune domani alle diciotto, e invocando una maggiore severità nei confronti dei black bloc.

"I delinquenti NoExpo potevano essere fermati al confine", ha scritto su twitter il numero uno del Carroccio, ribadendo una critica che in questi giorni è già stata sollevata più volte. La risposta arrivata dal ministero dell'Interno, in una intervista al Corriere della Sera, è che invece non si poteva fare. "Non potevamo chiudere le frontiere per settimane", ha detto.

Alfano, ha detto Salvini, "non può permettere 11 poliziotti feriti e auto incendiate. Chi gira con spranga e casco va preso e arrestato". Ha poi aggiunto: "Automobili e negozi bruciati sono un costo per la Democrazia? Imbecilli".

Commenti