Sesto San Giovanni, pugno di ferro contro abusivi e mendicanti

Il nuovo sindaco Roberto Di Stefano lancia l'ordinanza anti-degrado contro commercio abusivo e accattonaggio. De Corato: "Sala faccia lo stesso a Milano"

Sesto San Giovanni, pugno di ferro contro abusivi e mendicanti

"Stop al commercio abusivo, all'accattonaggio e al bivacco che determinano lo scadimento della qualità urbana in spazi pubblici. E per chi non rispetta le regole una sanzione amministrativa pecuniaria e l'allontanamento dal territorio del nostro Comune". Con un'ordinanza firmata oggi, il Sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano, d'intesa con l'assessore alla Sicurezza Claudio D'Amico, ha deciso di porre in essere nuovi provvedimenti mirati a fronteggiare il degrado urbano: lotta senza quartiere contro commercio abusivo, accattonaggio e mendicanti.

Nell'atto approvato dalla giunta, si legge in una nota, "è fatto divieto di praticare commercio illegale ed abusivo", di "mendicare e porre in essere qualsiasi forma di accattonaggio" e di "bivaccare negli spazi pubblici, nei giardini, all'esterno di esercizi pubblici e commerciali ed in tutti i luoghi frequentati dai cittadini".

Vietati anche "tutti quei comportamenti che determinano lo scadimento della qualità urbana, quali la consumazione di bevande alcoliche, l'espletamento di bisogni fisiologici a cielo aperto, l'occupazione del suolo, l'intralcio per il libero transito e la molestia a cittadini, in particolare donne e anziani".

Oltre alle sanzioni pecuniarie (da 50 a 300 euro), in ottemperanza al decreto Minniti è stata prevista l'applicazione del cosiddetto "daspo urbano" a tutti coloro che non rispetteranno i contenuti dell'ordinanza, destinati a essere allontanati dalla città. A questo scopo saranno intensificate le attività di prevenzione e repressione da parte della polizia locale.

Il varo dell'ordinanza anti-degrado da parte del Comune di Sesto San Giovanni ha suscitato la reazione positiva del capogruppo regionale di Fratelli d'Italia Riccardo De Corato.

"Sala faccia come il sindaco di Sesto e disponga l'ordinanza che vieta bivacchi e mendicanti in città. Dopotutto questa possibilità è inserita nel decreto del 'suo' ministro Minniti, dovrebbe approvarla", spiega De Corato, che insiste sulla necessità da parte del sindaco di Milano di "mettere in pratica questa ordinanza", altrimenti verranno prima "immigrati e nomadi".

Autore

Commenti

Caricamento...