"Simpatie per coprofagi" Multa per diffamazione alla dottoressa De Mari

La dottoressa Silvana De Mari condannata per diffamazione: aveva detto che il circolo gay era simpatizzante di "pedofilia, necrofilia e coprofagia"

"Simpatie per coprofagi" Multa per diffamazione alla dottoressa De Mari

Arriva un'altra condanna per diffamazione per Silvana De Mari, la dottoressa torinese già nella bufera per aver sostenuto che l'omosessualità è contronatura.

Stavolta il medico dovrà risarcire il circolo "Mario Mieli" di Roma di cui aveva parlato in un'intervista al quotidiano La Croce. "Il circolo LGBT di Roma è intitolato a Mario Mieli, cantore di pedofilia, necrofilia e coprofagia", aveva detto, "Posso assumere che tutti gli iscritti provino simpatia per queste pratiche? O che almeno non ne provino nausea? Posso? E così tutto diventa lecito in quanto non è patologico, non è una malattia".

Ora il tribunale di Torino ha condannato la De Maria a pagare una multa di mille euro, più il risarcimento dei danni - non ancora quantificati - e le spese legali. "Sono felice che questa notizia arrivi mentre una nutrita delegazione del Circolo Mario Mieli e di numerosissime altre realtà LGBT+ italiane, si trova a New York per il grande World Pride", dice Sebastiano Secci, presidente dell’associazione, "Quella notte di 50 anni fa le ragazze di Stonewall ci hanno insegnato a dire basta ai soprusi e alle umiliazioni ricevute, questa condanna è figlia di quegli insegnamenti".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti