La stangata sul turismo in Romagna: raddoppia la tassa sugli ombrelloni

L'Agenzia delle Entrate raddoppia la rendita catastale per gli stabilimenti balneari: operatori costretti a pagare l'Imu doppia dopo che i giudici avevano accolto il ricorso contro la tassa sugli ombrelloni

Non bastavano la “plastic tax”, la “sugar tax” e la tassa sul Tetrapak. I proprietari degli stabilimenti balneari della Riviera Romagnola da un paio d’anni sono costretti a pagare anche la “tassa sull’ombra”, che nei fatti consiste in una maggiorazione dell’Imu in base al numero di ombrelloni presenti nel lido.

Se prima, infatti, l’Imu era calcolata sulla metratura delle cabine e dei chioschi presenti in spiaggia, dal 2017 nel calcolo viene fatta rientrare anche quella prodotta dal riflesso dei parasole. L’aumento, retroattivo per ben sei annualità, secondo i calcoli di Confartigianato, sarebbe in media di 35 euro a postazione. Secondo l’Agenzia delle Entrate, infatti, sarebbero gli ombrelloni la vera fonte di reddito degli operatori balneari. Senza considerare però, che non si tratta di beni immobili.

Bene, dopo aver ricevuto decine di cartelle esattoriali per il mancato pagamento della gabella un gruppo di imprenditori riminesi ha fatto ricorso alla Commissione Tributaria. Il giudice ha dato ragione ai proprietari degli stabilimenti riducendo l’esborso del 50%. Ma l’Agenzia delle Entrate è subito corsa ai ripari raddoppiando il valore della rendita catastale. E così se la maggiorazione per gli ombrelloni viene rimossa, l’imposta sulla proprietà diventa doppia. Insomma, i soldi che sono usciti dalla porta, rientrano dalla finestra. E la stangata sul turismo balneare, una delle prime fonti di reddito della Regione, è servita.

Ma andiamo con ordine. Nel 2018 iniziano ad arrivare i primi avvisi di pagamento contenenti la rivalutazione dell’Imposta Municipale Propria ricalcolata sulla base della quantità di parasole presenti nello stabilimento. In alcuni casi si tratta di maggiorazioni piuttosto salate. Si parla di 2 o 3mila euro l’anno. A protestare sono tutti gli imprenditori riminesi colpiti dalla gabella e anche l’assessore al Turismo della Regione Emilia Romagna, Andrea Corsini, che aveva chiesto un incontro con i vertici dell’Agenzia delle Entrate per chiarire quella che aveva definito una situazione "anomala".

In 400 decidono di fare ricorso, e in questi giorni sono arrivate le prime sentenze della Commissione Tributaria. In sostanza i giudici hanno bocciato la "rideterminazione del valore catastale" annullando di fatto gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate e riducendo il pagamento del 50%. Ma neanche questo è servito ad evitare il salasso. Dopo la sentenza, infatti, il valore della rendita è stato raddoppiato e quindi gli operatori del settore sono costretti a pagare lo stesso.

Il risultato, secondo Libero, sarà un aumento dei costi per gli utenti che passeranno l’estate sulla riviera romagnola. I gestori, infatti, loro malgrado saranno costretti ad aumentare i prezzi per far fronte agli ulteriori esborsi decisi da Roma.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 12/12/2019 - 12:20

l'aumento raddoppiato servira' qualcosa? magari...nulla! se non ad irritare e a far lievitare i costi per i soliti noti,cioè il consumatore finale.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 12/12/2019 - 12:52

naturalmente,rivotate i pdioti,mi raccomando!!

jaguar

Gio, 12/12/2019 - 12:54

Basterebbe disertare le spiagge romagnole, anche se onestamente sono tra quelle meno care e meglio organizzate d'Italia. Però tra tassa di soggiorno e quest'altra sugli ombrelloni, il conto finale comincia a diventare salato. Il governatore Bonaccini cosa ne pensa?

cgf

Gio, 12/12/2019 - 13:04

in molti sono oggi anche ristoranti, debbono pagare 'solo' per l'ombra?

agosvac

Gio, 12/12/2019 - 13:11

Per vincere in Emilia Romagna, il Centro Destra non deve fare niente, basta quello che stanno facendo i PD con la complicità dei 5 stelle.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 12/12/2019 - 13:39

Però se non li mollano le spiagge, vuol dire che fanno soldi a palate. Ma una cosa da constatare, che sono le più organizzate e le più belle d'Italia, sembrano dei giardini di un re. Sono stato ad Ischia,......o per carità.

maurizio-macold

Gio, 12/12/2019 - 13:51

Signor DO-UT-D£S (13:39), e' pur vero che i gusti non si discutono, pero' dichiarare che le spiagge emiliane e romagnole sono piu' attraenti di Ischia e' una bestemmia.

duca di sciabbica

Gio, 12/12/2019 - 14:05

abbe', bisogna avere proprio una pessima opinione degli abitanti dell'ER per pensare che votino lega solo per il caro-ombrelloni in quelle che comunque restano, e di gran lunga, le spiagge meglio gestite d'Italia. Mi domando se la brillante penna a cui dobbiamo l'articolo abbia mai constatato il livello dell'amministrazione in quella terra fortunata, e non parlo solo di spiagge, ovviamente. Che poi la lega stravinca le elezioni nazionali è probabile e, secondo me, anche auspicabile . Ma quello è un altro discorso.

cir

Gio, 12/12/2019 - 14:16

ed e' piu' che giusto . le spiagge sono dello stato , quindi del popolo. sono di tutti. UN privato ( gestore) che ci mette i suoi ombrelloni per fare soldi e' giusto che ne paghi un canone piu' che congruo alla stato poiche' impedisce a molti di accedere alle spiagge se non pagando un tiket tra' l'altro carissimo al gestore....

titina

Gio, 12/12/2019 - 14:41

Le tasse devono essere pagate solo in base al vero guadagno. Se metto più ombrelloni non è che l'ombrellone paga, sono i clienti che pagano, ai quali si rilascia regolare fattura e il proprietario paga le tasse in base al guadagno.Tutte le altre tasse e tassine vanno abolite.

cir

Gio, 12/12/2019 - 14:59

titina Gio, 12/12/2019 - 14:41: lo sai che in FRANCIA le spiagge sono tutte( quasi tutte ) libere ? Le tasse si pagano in base al guadagno vero, ma allora perche' un negozio deve pagare una affitto prestabilito ? le strade di accesso agli stabilimenti balneari sono tenute pulite dai gestori o dai municipi ? perche' prima di parlare non pensi ??

trasparente

Gio, 12/12/2019 - 15:28

Pd = governo delle tasse, coraggio emiliani pagate...

ruggerobarretti

Gio, 12/12/2019 - 15:31

infatti maurizio-macold come sempre hai capito ben poco degli interventi altrui. cir 14:16 concordo, anche perché il margine di guadagno dei gestori e' molto, molto, molto, molto alto ed il ritorno fiscale per lo Stato molto poco commisurato.

bernardo47

Gio, 12/12/2019 - 15:48

Per ora hanno evitato loro la Bolckstein......mica poco eh? Almeno,ringrazino lo stato, i gestori dei bagni.

maurizio-macold

Gio, 12/12/2019 - 16:04

Sommo vate del forum RUGGEROBARRETTI (15:31), devo rivolgerLe una umile preghiera: mi auguro che lei abbia almeno un briciolo del suo preziosissimo tempo per illuminare la mia povera mente. La supplico devotamente !

ruggerobarretti

Gio, 12/12/2019 - 16:46

No, tempo sprecato.