Stupro a Sorrento, ecco gli stupratori: "Buoni a niente, capaci di tutto"

Sul profilo Facebook di uno dei cinque arrestati per lo stupro della turista inglese una foto con un commento choc

Stupro a Sorrento, ecco gli stupratori: "Buoni a niente, capaci di tutto"

L'orribile stupro perpetrato da dieci ragazzi - alcuni giovanissini - ai danni di una turista inglese mette i brividi: la donna, una 50enne del Kent, è stata drogata e violentata più volte dal personale di un albergo di Meta di Sorrento.

Il post su Facebook

La sua denuncia - con tanto di foto di due barman che avrebbero preso parte alla violenza - e la descrizione precisa e dettagliata di quei terribili momenti ha condotto all'arresto di 5 partecipanti allo stupro e l'apertura di un fascicolo ai danni di sesto, a piede libero. Si tratta di Antonino Miniero, Gennaro Davide Gargiulo, Fabio De Virgilio, Raffaele Regio e Francesco D'Antonio, tutti accusati di violenza sessuale di gruppo.

Uno degli uomini finiti in carcere si chiama Raffaele Regio - come rende noto la giornalista Selvaggia Lucarelli - aveva pubblicato una foto che lo ritreava in compagnia di Francesco Ciro D'Antonio, anch'egli in arresto, e di un altro ragazzo col volto oscurato, non coinvolto nella vicenda. Il post del ragazzo scovato dalla Lucarelli recitava una frase eloquente: "Siamo buoni a niente ma capaci di tutto".

Ovviamente segue l'attacco della Lucarelli, che dal suo profilo scrive: "Tutti italiani, questi bravi ragazzi. Tutti con le foto con la moglie, con la fidanzatina su fb.

Con i tag del bell'hotel in cui lavoravano e facevano pure qualche straordinario con le mutande calate e la droga in tasca, a quanto pare. Qui una bella foto di due di loro sul profilo fb di uno degli arrestati, profilo cancellato in un nanosecondo".

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica