Sul carro Pd adesso tornano persino i vip

Inevitabile davvero la citazione alla raccolta di Stephen King, maestro della letteratura dell'orrore, divenuta poi, nel 1991, il titolo del film di Tom McLoughlin: A volte ritornano. Racconti della paura, più reali che fantastici. I mostri, ancora una volta, sono tra noi, anche quando pensavi di averli sepolti nei meandri più cupi e bui, ecco che si ripresentano, immarcescibili e identici.

Va detto che non difettano di ottimismo. È bastata l'affermazione di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd (come si fa a parlare di vittoria? Vittoria è quando sfidi un avversario, non quando giochi un'amichevole contro la squadra primavera) per ridare fiato ad attori, cantanti, registi, opinionisti del cinema, della cultura e dello spettacolo con discorsi niente affatto nuovi ma appunto ritornanti.

In barba al rinnovamento, la sinistra riprende in mano gli stessi temi di sempre, quelli che l'hanno portata al fallimento elettorale: nessuna voglia di guardare avanti, di intercettare un elettorato più giovane (Zingaretti piace agli over 50 istruiti, sai che novità), di ipotizzare una forma politica più trasversale e moderna. No, è sempre la stessa salsa, insipida e annacquata, eppure bastano delle consultazioni interne per riconquistare pagine e pagine sui giornali, spazio nei tg, analisi sui social, segno evidente che per un certo tipo di comunicazione «dire qualcosa di sinistra» fa audience, eccome.

Ritornano dunque compatti anche quei testimonial che la sinistra l'abbandonarono, folgorati dalle promesse dei Cinque Stelle, che non ci credevano e che, pentiti, non chiedono scusa ma chiedono la riammissione. «Quindi Marlena torna a casa, che il freddo qua si fa sentire», cantano i Maneskin e anche Sabrina Ferilli torna all'ovile, proprio lei figlia di un dirigente Pci, che se ne era andata sbattendo la porta, così la sinistra recupera un po' di maturo e verace sex appeal. Torna a casa Nanni Moretti all'insegna del «basta fuoco amico», proprio lui che nella sua uscita più famosa massacrò la classe dirigente del partito, definendola fallita e perdente. Torna a casa nella stessa settimana del debutto al cinema del suo competitor, che tenta il doppio ruolo tra cultura e politica come fece decenni fa Amintore Fanfani (segretario Dc e pittore astratto). «Un film di Walter Veltroni» è una formula che fa rabbrividire, il ritratto di un «osservatore di arcobaleni» tra Salinger e l'amato (e saccheggiato) Ivano Fossati fin dal titolo «C'è tempo». Capolavoro in pectore per la stampa, l'autore ci rassicura che con questo film «l'Italia uscirà dal buio». Ci rassicura un altro figliol prodigo, l'attore Massimo Ghini: è vero, a sinistra si litiga perché c'è dialettica e non un leader, ma questa volta andranno tutti dalla stessa parte.

Se proprio di cinema vogliamo parlare, si tratta allora di un film già visto. Già visto, eppure inquietante come un horror. Perché i mostri sono sempre gli stessi, parlano sempre la stessa lingua, fautori di quell'eterno ritorno che in politica suona come la riproposizione dell'usato sicuro. Sarebbe però sbagliato minimizzare la ritrovata sicumera della sinistra e liquidarla troppo in fretta. Un sistema abituato a gestire la cultura tende a ripresentarsi periodicamente, perde la coda ma ricresce. In passato il centrodestra commise l'errore gravissimo di lasciare ad altri questo settore strategico, oggi non deve più accadere, soprattutto ora che i giovani non subiscono più il fascino del Pd, non sono indottrinati e chi vota lo fa liberamente. Basterebbe proporre un modello nuovo, al passo coi tempi, innovativo, fresco, che parta dalla scuola, dal lavoro, in totale discontinuità con qualcosa che ben conosciamo e seppellire per sempre i fantasmi e i mostri. Così non tornerebbero più.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 06/03/2019 - 09:16

il massimo del ridicolo! l'ipocrisia comunista è qui, e in parte si è riversata nel m5s, ma ora stanno ritornando all'ovile, appunto: come pecore impaurite....

Ritratto di akamai66

akamai66

Mer, 06/03/2019 - 09:20

Storicamente l’afflusso massiccio degli “artisti” nel PCI iniziò nei primi anni ’50, dopo che ll latinista Concetto Marchesi, in un intervento all'VIII congresso del PCI così si era espresso: «Noi dobbiamo combattere l'idea diffusa che tutto nel nostro mondo comunista sia uggia, pesantezza, musoneria...

venco

Mer, 06/03/2019 - 09:25

Pd e sinistre varie sono una casta che punta a governarci senza la volontà popolare, cioè con la dittatura che è fascismo. I fascisti sono questi adesso.

steacanessa

Mer, 06/03/2019 - 09:52

Il comunismo è come l’aids, sempre pronto a manifestarsi. Penosi ricchi ciarlatani.

Cheyenne

Mer, 06/03/2019 - 09:53

ma quali vip sono cialtroni senza arte nè parte che solo in italia possono prosperare.

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Mer, 06/03/2019 - 10:01

Con Zingaretti possono dormire tutti tranquilli. Specialmente gli avversari.

Ritratto di pipporm

pipporm

Mer, 06/03/2019 - 10:10

"La prossima raccolta verrà ordinata con i tarocchi" S.K. da Tutto è Fatidico. Ora che non c'è più il tarocco, chi votava PD tornerà a votare PD

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 06/03/2019 - 10:23

Portafoglio a destra e cuore a sinistra. E' una caratteristica inalienabile dei guitti de noantri.

27Adriano

Mer, 06/03/2019 - 10:24

..Vip?? quali??

Ritratto di elPirl

elPirl

Mer, 06/03/2019 - 10:31

Il PD sembra un vecchio albero di natale economico di plastica cinese impolverato in soffitta ,ripreso annualmente e riposto sempre più spelacchiato,i pastorelli e le pecorelle sotto completano il quadro deprimente, sarebbe ora di destinare il tutto alla differenziata.

lappola

Mer, 06/03/2019 - 10:48

Bene, allora apparite in TV e fatevi guardare da quella minoranza di buonisti, papisti, comunisti che si mescolano tra gli Italiani. Per fortuna la TV offre anche un sacco di alternative.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 06/03/2019 - 10:49

è tutta gente che deve mangiare, la maggioranza di questi ha rifiutato l'isola dei famosi(quella è l'ultima spiaggia, il pd è la penultima) e per "vettovagliarsi" sta saltando sul carro(di carnevale) di zingaretti!

mcm3

Mer, 06/03/2019 - 10:54

Berlusconi non manchera', cerca disperatamente un'appiglio e sa che Salvini non lo ascolta

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 06/03/2019 - 10:59

Lunga la storia del PCI, dal 1921 in poi. Molte le sue evoluzioni con adeguamento del "nome" ai tempi correnti, fino all'ultimo: PD, ovvero Partito Democratico. Personalmente lo ritengo "morto", ciò grazie alle fesserie di Renzi, ma comunque ormai il titolo non era più adeguato all'ideologia corrente e soprattutto all'animus politico e culturale del medesimo, un furbacchione che con il "comunismo" non aveva nulla a che fare, orientato essenzialmente ai fatti suoi, politici e "familiari". Quando ero giovane gridavano "viva il Comunismo della Libertà". Ora sono interessati essenzialmente ai fatti propri, mentre del Popolo e del "Comunismo" non gliene frega niente a nessuno. Bergoglio docet: lui é l'ultima spiaggia, con un abbraccio all'Islam, la religione sorella, tale nella sua ignoranza.

Aegnor

Mer, 06/03/2019 - 11:20

Programma per la scuola del pd= più accoglienza e integrazione. Programma per il lavoro del pd= più accoglienza e integrazione. Programma per quello che ti pare del pd= più accoglienza e integrazione

Abit

Mer, 06/03/2019 - 11:25

Che onta! Ritornano sul carro...

Duka

Mer, 06/03/2019 - 11:27

C'E' PROFUMO DI PECUNIA !!!

Una-mattina-mi-...

Mer, 06/03/2019 - 12:37

PAGLIACCI NON SOLO A CARNEVALE, QUINDI...

Ritratto di Trinky

Trinky

Mer, 06/03/2019 - 13:00

Si scopron le tombe, si levano i morti, quelli del PD si credon risorti.........

jaguar

Mer, 06/03/2019 - 13:12

Finche sul carro salgono i vip va bene, l'importante è che il PD non recuperi i voti persi lo scorso anno.

Maver

Mer, 06/03/2019 - 13:17

Ma quale ritorno questi non sono mai partiti e comunque la spinta propulsiva del progressimo si va esaurendo.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 06/03/2019 - 13:30

Quei VIP, o considerati tali, sono sempre stati di sinistra. disse Virna Lisi, riferendosi al mondo dello spettacolo: "Se non sei di sinistra non lavori". Appunto. E questo rilancio e rinnovamento del Pd lo vedete solo voi che gli date ampio spazio e riempite pagine e salotti TV. Prova ne sia che non passa giorno che in prima pagina non ci siano articoli su Saviano, Toscani, Prodi, Renzi, Sala, Vauro, Fazio, Santoro, Boldrini e compagnia cantante. Più, ovvio, Bergoglio. Già parlare di rinnovamento del PD è una bufala propagandistica rilanciata dai media che, naturalmente, sono quasi completamente di sinistra. Perfino la destra, a sentire certi esponenti che usano lo stesso linguaggio di Martina e Renzi, sembra una sinistra mascherata da destra. E forse lo è, per ingannare gli ingenui.

aldoroma

Mer, 06/03/2019 - 13:52

ma il PD non dovrebbe essere il partito che tutela lavoratori e pensionati? MEDITATE ITALIANI

Malacappa

Mer, 06/03/2019 - 13:53

Non abbiamo bisogno di vip abbiamo bisogno di italiani patrioti i vip sono degli ipocriti che cambiano bandiera a seconda del vento

Redfrank

Mer, 06/03/2019 - 13:58

zingaretti sei la garanzia per salvini......salvini non ha paura di nessuno figuriamoci del nulla......

Beaufou

Mer, 06/03/2019 - 14:08

Beh, che sul carro PD ci tornino i "vip" (very insignificant persons", un po'maccheronizzato) non mi preoccupa. Coi Vip non si va da nessuna parte, i voti PD un tempo erano dei lavoratori, che si sono finalmente stufati di sentir fregnacce. Ahahah.

vince50

Mer, 06/03/2019 - 14:11

Sono sempre gli stessi,si spostano come le maniche a vento ma sempre rossi sono.

Lugar

Mer, 06/03/2019 - 14:46

La teoria della sinistra è una cosa, la pratica ne è un'altra.

agosvac

Mer, 06/03/2019 - 14:54

I VIP ( very idiot persons) con i PD si trovano a casa loro!

tonipier

Mer, 06/03/2019 - 15:58

" DOMANDA DA FARE" come mai, quasi tutti i cantanti, quasi tutti gli attori.. appartengono al partito dei rossi?. secondo il mio piccolo pensiero questi pur di far grana, pur di far le "dive" si sono prima- inginocchiate al partito comunista, altrimenti questi loro padroni, non li avrebbero nemmeno fatto pulire i loro cessi.

tonipier

Mer, 06/03/2019 - 15:59

" ARTISTI COMUNISTI, CANTANTI ROSSI " Mi chiedo come mai? forse per poter lavorare in sicurezza si sono da sempre sottomessi ai "COMPAGNI?"

necken

Mer, 06/03/2019 - 16:25

la sinistra radical schick ha trovato in Zingaretti il suo interprete?!

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 06/03/2019 - 16:27

Btava compagna Ferilli. Chiedi a Cattaneo che per un anno di nulla in Tim si è insaccato 30 milioni di euro con i dipenfenti in cassaintegrazione......goduti i soldi?

ghorio

Mer, 06/03/2019 - 16:37

Una delle cose che dovrebbe fare Zingaretti: fare scendere i vip da carro.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Mer, 06/03/2019 - 17:01

Cosa non farebbero pur di farsi notare e portare "l'io" alla ribalta. E' gente "incolore"... povera gene!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 06/03/2019 - 17:39

Sono comportamenti che danno lo spessore dei sinistri. Poveretti senz'arte ne parte che cercano di galleggiare, l'unica cosa di cui sono intrinsecamente capaci.

ziobeppe1951

Mer, 06/03/2019 - 17:41

Questi sono gli sfigati culturalmente e ideologicamente alla Maiorino

adal46

Mer, 06/03/2019 - 20:34

Eh, il ladro torna sempre sul luogo del delitto...

GPTalamo

Mer, 06/03/2019 - 20:53

Ormai di comunisti sono rimasti solo i ricchi e i ricchioni.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 06/03/2019 - 21:31

Il totale dei RITORNI vale lo 0,000001 per cento!! AZZ che recupero!!!!jajajajajaja.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 07/03/2019 - 12:48

@GPTalamo: ottima battuta.