Taranto, ufficiale della Marina arrestato mentre intascava una tangente

In manette il direttore del Commissariato e l'imprenditore di una ditta di pulizie, sindaco di un Comune della provincia ionica. Quest'ultimo stava versando al militare 2mila 500 euro

Arrestato dalla guardia di finanza, ieri sera, proprio mentre intascava una tangente di 2mila 500 euro, Giovanni Di Guardo, capitano di vascello, direttore di Maricommi (il commissariato della Marina Militare) a Taranto.

Con lui c'era chi pagava la "mazzetta", l'imprenditore Vincenzo Pastore, sindaco di Roccaforzata (un Comune in provincia di Taranto) e presidente della società cooperativa 'Teoma' che fornisce servizi di pulizia. Anche per lui sono scattate le manette. I due erano in un appartamento di proprietà di Pastore quando sono arrivate le fiamme gialli cogliendoli in flagranza di reato.

L'arresto rientra nell'inchiesta sulle presunte tangenti pagate da alcuni imprenditori per ottenere appalti e forniture. Come si legge sul sito della "Gazzetta del Mezzogiorno", la somma, a quanto si è appreso, sarebbe stata l’acconto di una tangente per l’aggiudicazione di un appalto da 11 milioni di euro riguardante il servizio di pulizie, non ancora assegnato.
Di Guardo è stato, in via precauzionale, sospeso dal servizio, come sottolineato dalla stessa Marina Militare in un comunicato.

Nella lotta alla corruzione, la Marina Militare si schiera al fianco della magistratura sulla strada della giustizia. Aggiunge, infatti, la nota che “ha incrementato al proprio interno le attività ispettive e di controllo finalizzate a garantire la massima trasparenza e salvaguardia di chi quotidianamente compie il suo dovere con onestà". E dire che Di Guardo era giunto a Taranto col compito di far dimenticare un'altra vicenda di corruzione e arresti che aveva coinvolto, poco tempo fa, ancora il Commissariato della Marina.
Le indagini intanto proseguono.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 16/09/2016 - 10:32

L'odore dei soldi, quando diventa irresistibile, non conosce limiti, confini..

livoletta

Ven, 16/09/2016 - 10:41

Che dilettante...finire in prigione per una mazzetta di 2500 euro...ma bastava raccattare un po' di clandestini sulle coste libiche e la cricca di alfano&boldrini lo avrebbe coperto d'oro...

Mechwarrior

Ven, 16/09/2016 - 10:47

Viva lo stato dei corrotti e dei collusi!!!! Ci vuole ancora piu' stato per gli italioti!!!

giovauriem

Ven, 16/09/2016 - 11:47

di che vi meravigliate ? si tratta sempre di dipendenti pubblici , quelli che hanno creato il debito pubblico italiano .

venco

Ven, 16/09/2016 - 11:50

Uno dei tanti meridionali.

Beaufou

Ven, 16/09/2016 - 12:09

Giovanni Di Guardo, capitano di vascello: oltre che corrotto, anche straccione. Si è giocato la carriera per duemilacinquecento euro...La Marina Militare dovrebbe fare attenzione, quando arruola la gente: almeno i deficienti li lasci fuori. Ahahah.

giovauriem

Ven, 16/09/2016 - 12:16

su questo articolo è arrivato il patano doc meridionale degli svizzeri tedeschi che si sante settentrionale di qualcuno per pareggiare la sua nevrosi .

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 16/09/2016 - 12:40

Ora è pronto per passare alla politica.

ILpiciul

Ven, 16/09/2016 - 13:18

Portando le stellette, il soggetto, dovrebbe essere sottoposto a giudizio esemplare. Temo che la pena invece sarà pesante come una piuma. Staremo a vedere.

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 16/09/2016 - 13:55

ma come ? un dipendente pubblico che intasca tangenti ? incredibile !!

Angelo664

Ven, 16/09/2016 - 14:28

Questo va espulso dalla Marina al volo. Ma è una pulce. Andate a prendere i capoccioni, quelli per ex che hanno trasferito De Falco che aveva ripreso con autorità lo Schettino seduto sullo scoglio del Giglio !! Trasferito e messo da parte ! Invece che al comando di qualche unità di quelle che contano. Che schifo di paese siamo !!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 16/09/2016 - 14:56

hanno bisogno un capitano di vascello, ci mando mio figlio.

routier

Ven, 16/09/2016 - 16:22

Mi chiedo se in Italia ci sia un qualunque ente della Pubblica Amministrazione che sia indenne da corruzione.

ceppo

Ven, 16/09/2016 - 17:11

se dovessimo affrontare una guerra basterebbe che il nemico elargisse una mazzetta e perderemmo senza sparare un colpo con conseguente risparmio bellico

odifrep

Ven, 16/09/2016 - 17:31

@ routier (16:22) - esisterà senz'altro, magari i dipendenti non avranno la tessera del PD.

VittorioMar

Ven, 16/09/2016 - 18:22

....MORALITA'...MORALITA'..dove sei??...abbiamo perso anche la LIBERTA'!!...non si può esprimere una opinione se non politicamente corretta,altrimenti,subito esposto alla magistratura!!

renato1943

Sab, 17/09/2016 - 01:33

Ai dipendenti pubblici corrotti al posto delle stellette dovrebbero far vedere le stelle dalle grate delle patrie galere.E pensare che questo e un ago nel pagliaio.

joecivitanova

Sab, 17/09/2016 - 02:47

..ma è vergognoso..!!..questo è riuscito a farsi beccare..!!..ma rovina la reputazione di tutti eh..e che diamine..!!..ma come si fa..ma non è possibile, bisogna essere proprio dei pivelli, suvvia..!! g.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 17/09/2016 - 10:24

"e dire che è venuto a Taranto per far dimenticare una vicenda di corruzione". Ciò significa che c'è sempre stata e sempre ci sarà. Sta nella mentalità delle persone fermare questa prassi da paese terzomondista, solo se supportata da pene severissime. Con le attuali, che fanno ridere, il gioco continuerà all'infinito.

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 17/09/2016 - 13:10

E` gia` stato contattato da Forza Italia per entrare in lista in una circoscrizione sicura.