Il rimprovero, poi la raffica di botte: barista perde un occhio

Il titolare di un bar del centro di Sanremo, vicino al Teatro Ariston, è stato massacrato di botte da tre clienti che gli hanno staccato un occhio, dopo essere stati rimproverati per avere distrutto un bicchiere

Il rimprovero, poi la raffica di botte: tre contro il barista

È bastato un rimprovero, quello di prestare più attenzione ai bicchieri, dopo averne già rotto uno, a scatenare la violenza di tre clienti di un bar di Sanremo, che ubriachi hanno aggredito il titolare massacrandolo di botte, tanto da staccargli un occhio. A distanza di circa due settimane da quella terribile aggressione - era la notte del primo settembre - la polizia ha arrestato tre persone che ora dovranno rispondere di lesioni personali gravissime.

Nei guai ci sono ora un uomo di 41 anni (R.A.), uno di 32 (A.F.) e uno di 57 anni (K.B.T.), quest'ultimo di origine austriaca, tutti abitanti in provincia di Imperia, nei confronti dei quali il gip ha firmato un ordine di custodia cautelare in carcere. E' notte fonda, quando in un bar di piazza Borea D'Olmo, proprio dietro il teatro Ariston, sta per avvenire il peggio. I tre clienti al tavolo hanno bevuto tanto, troppo. Spaccano un bicchiere e il titolare li invita a uscire dal locale, ignaro che pochi istanti dopo sarebbe stato vittima di una escalation di violenza.

Lo aggrediscono a calci e pugni, senza alcuna pietà. Lui cerca di difendersi, ma è impossibile: sono tre contro uno. A quell'ora, tra l'altro, c'è poco via vai di gente e nel locale non ci sono testimoni, tranne una telecamera di videosorveglianza che riprende tutta la scena. Come se non bastasse, prima di allontanarsi i tre minacciano il titolare, ormai esanime a terra, raccomandandosi di non avvertire la polizia, altrimenti avrebbe ricevuto pure il resto.

Ancora in preda allo choc il barista cerca di resistere, ma il dolore fisico è troppo forte e quando ormai teme di morire, con il cellulare compone il numero unico delle emergenze 112. Sul posto interviene subito una pattuglia del locale commissariato e il titolare racconta cosa è appena accaduto. Portato d'urgenza in ospedale i medici lo sottopongono a un delicato intervento chirurgico per "eviscerazione" dell'occhio sinistro.

Qualche ora dopo gli stessi dottori gli comunicheranno la tragica notizia ovvero la perdita dell'occhio. "Un'indagine esemplare con tre persone ubriache che hanno agito in maniera vigliacca - questo il commento del questore di Imperia, Pietro Milone -. Grazie al meticoloso lavoro degli uomini di Sanremo e a una Procura attenta, che ha saputo valorizzare gli elementi raccolti dagli investigatori, è stata data loro una punizione altrettanto esemplare, stabilendo la custodia cautelare".

Commenti