Torino, per salvare il marito dalla multa mangia il voucher del parcheggio contraffatto

Una donna di Torino ha ingoiato il voucher contraffatto di un parcheggio pensando di evitare la multa mentre il marito ha aggredito un agente

Il voucher del parcheggio sulla macchina del marito è contraffatto e così lei, davanti agli agenti, lo ha mangiato pensando di evitare la multa.

La vicenda è accaduta a Torino, precisamente in via Chiabrera. Una Suzuki era parcheggiata e aveva esposto un tagliandino taroccato. Due agenti hanno così notato la truffa e hanno rilevato i dati del veicolo. Dopo quache minuto, sul posto è arrivata la moglie del proprietario della macchina.

Quando gli agenti le hanno chiesto di contattare il marito per poter procedere al sequestro del tagliando la donna ha sostenuto che il marito non fosse reperibile. Ma quando è stata informata del fatto che la vettura sarebbe stata rimossa lo ha contattato e lui in pochi minuti è arrivato.

L'uomo ha rifiutato di dare le sue generalità e ha aggredito uno degli agenti, trasportato poi al pronto soccorso e dimesso con una prognosi di una settimana. Dopo l'aggressione, l'uomo ha però aperto la vettura, si è impossessato del voucher e l'ha passato alla moglie che lo ha messo in bocca e lo ha ingoiato.

Dopo l'identificazine, l’uomo è stato denunciato per truffa, resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto di generalità e lesioni personali volontarie, mentre la donna è stata denunciata per resistenza e rifiuto di generalità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.